Frosinone, se le civiche vogliono annettere i Partiti

Nicola Ottaviani non rinuncerà alla sua lista di riferimento, Mauro Vicano ne ha già pronte due. Michele Marini ci sta lavorando, Fabrizio Cristofari riflette. Nella ritirata dei Partiti tradizionali si aprono spazi ancora più grandi per le liste civiche, pronte ad approfittarne

Nicola Ottaviani non rinuncerà alla Lista che porta il suo nome. Il fatto di ricoprire il ruolo di coordinatore provinciale della Lega non farà venir meno il suo impegno civico. Un profilo sul quale lui ha puntato sempre, sin dal 1995 quando si presentò con il Polo Costituente. Lo farà anche stavolta.

Non sarà la sua l’unica civica del centrodestra. Antonio Scaccia guiderà ancora la Lista per Frosinone e probabilmente ne metterà in campo un’altra. Anche altri esponenti del centrodestra faranno la stessa cosa. Nel 2017 Riccardo Mastrangeli mise in campo Frosinone Capoluogo. E ce n’erano altre. Anche perché i Partiti tutto fanno meno che procedere uniti e d’accordo.

Tra Lega e Fratelli d’Italia la tensione è altissima e bisognerà vedere cosa succederà. Mentre Forza Italia dovrà necessariamente battere un colpo forte. Lo sa bene il presidente del consiglio comunale Adriano Piacentini.

Il caso Civiche anche a centrosinistra

Michele Marini, Mauro Vicano, Fabrizio Cristofari

Tutto sulle civiche anche nel centrosinistra: Mauro Vicano sta lavorando da tempo a due formazioni di questo tipo. Michele Marini ha già riattivato la Lista Marini. Mentre il presidente dell’ordine dei medici Fabrizio Cristofari non ha ancora deciso si riproporre la sua Lista. Poi c’è Stefano Pizzutelli. Per non considerare i consiglieri di Frosinone Indipendente, Marco Mastronardi e Fabiana Scasseddu.

Quindi due pesi massimi delle liste civiche. Gianfranco Pizzutelli con il Polo Civico e Carmine Tucci con la sua lista, nella quale troverà posto sicuramente Carlo Gagliardi. Realtà importanti e spesso decisive. La volta scorsa erano posizionate nel centrodestra, stavolta potrebbero decidere di schierarsi con il centrosinistra. Ma sicuramente ci saranno.

Nel centrosinistra il Pd la volta scorsa non andò benissimo e anche stavolta potrebbe faticare a mettere in campo una lista competitiva. Mentre il Psi di Gian Franco Schietroma ha già pronta la lista.

La lezione di Latina

Damiano Coletta (Foto: Benvegnu’ Guaitoli / Imagoeconomica)

C’è poi un aspetto politico non indifferente. A Latina si sono fronteggiate coalizioni politiche formate da Partiti. Il centrodestra guidato da Vincenzo Zaccheo e il centrosinistra del confermato sindaco Damiano Coletta.

A Frosinone c’è la possibilità, invece, che le liste civiche siano talmente prevalenti da far passare in secondo piano l’aspetto politico. Il fattore trasversale e il voto disgiunto ci sono sempre stati. Ma stavolta le civiche potrebbero perfino “mangiare” i partiti.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright