Frosinone sotto e poi pari: con Cittadella è 1-1

Partita dai mille volti, tanta tensione in campo. Giallazzurri sotto al 21' per effetto della rete firmata da Beretta. Iemmello si fa parare un rigore subito dopo e i canarini sono anche sfortunati in un paio di occasioni

Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

Frosinone – Cittadella 1-1 Il Tabellino

FROSINONE (4-3-2-1): Bardi; Brighenti, Ariaudo, Szyminski, Zampano; Gori, Maiello, Vitale; Rohden, Kastanos; Iemmello.

A disposizione: Iacobucci, Marcianò, Salvi, Capuano, Curado, D’Elia, Carraro, Novakovich, Tribuzzi, Ciano, Parzyszek, Brignola.

Allenatore: Grosso.

CITTADELLA (4-3-1-2): Kastrati; Ghiringhelli, Perticone, Camigliano, Donnarumma; Proia, Pavan, Branca; Vita; Beretta, Tdadjout.

A disposizione: Maniero, Iori, Rosafio, D’Urso, Frare, Gargiulo, Tavernelli, Mastrantonio, Ogunseye.

Allenatore: Venturato.

Arbitro: Signor Lorenzo Illuzzi della sezione di Molfetta (Ba); assistenti Sigg. Pasquale Capaldo della sezione di Napoli e Andrea Zingarelli della sezione di Siena; Quarto Uomo Signor Francesco Meraviglia della sezione di Pistoia.

Marcatore: 21’ pt Beretta, 12’ st Brighenti.

Note: partita a porte chiuse; angoli: 9-6 per il Frosinone; ammoniti: 29’ pt Proia, 47’ pt Beretta, 9’ st Rohden, 16’ st Frare, 17’ e 41’ st Donnarumma, 20’ st Kastanos, 23’ st Perticone, 36’ st Maiello; espulso: 41’ st Donnarumma; recuperi: 2’ pt; 4’ st

Una rete di Beretta al 21’ del primo tempo e un rigore sbagliato da Iemmello alla fine del primo tempo avevano lasciato presagire il peggio per un Frosinone comunque mai domo e bravo a prendersi un punto d’oro grazie alla splendida rete realizzata di testa da Brighenti al 12’ della ripresa.

Partita dai contenuti agonistici che hanno sicuramente avuto la maglio su quelli tecnici e tattici. I giallazzurri salgono a quota 40 ma soprattutto tornano a respirare ossigeno. (Leggi le note della vigilia Frosinone, Cittadella è sempre un incrocio decisivo).

QUASI SPECULARI
Le squadre scendono in campo (Foto Mario Salati)

Quattro le novità nello schieramento-base del Frosinone rispetto all’uscita di Salerno. Grosso opta per un 4-3-3 mascherato che si avvicina ad un 4-3-2-1, che presenta Bardi tra i pali con il rientro di Ariaudo al centro della difesa al fianco di Szyminski e la conferma sulle corsie di Brighenti e Zampano. In mezzo al campo Maiello si riprende la maglia da regista, con Vitale e Gori interni. Quindi la conferma di Kastanos largo a sinistra, il rientro di Rohden omologo a destra, alle spalle di Iemmello al centro dell’attacco.

Nel 4-3-1-2 del Cittadella, davanti a Kastrati i due centrali sono Perticone e Camigliano, Ghiringhelli a destra e Donnarumma a sinistra completano lo schieramento. In mezzo al campo Pavan è il ‘ragionatore’, Proia e Branca gli interni, con Vita alle spalle della coppia BerettaTsadjout.

BERETTA-GOL, IEMMELLO SBAGLIA UN RIGORE
Il rigore sbagliato da Iemmello

Il Cittadella fa capire subito che partita giocherà: al 1’ pallone lungo per Tsadjout, rimpallo favorevole, controllo e tiro due metri fuori. Al 5’ Frosinone sfortunato dopo una lunga fase di studio da parte di entrambe: ottima apertura di Gori nel traffico sotto la Centrale, parte Zampano che arriva al limite, finta e tira, pallone che sibila a meno di 10 centimetri dal palo alla sinistra di Kastrati. Squadre corte, palleggio e ricerca della profondità è il comune denominatore.

All’8’ non si intendono Maiello e Vitale, pallone per il Cittadella che non approfitta. Ma al 9’ ci prova Beretta, Bardi attento a deviare in angolo l’insidia. I granata vanno 3 volte di fila dalla bandierina con uno schema studiato, poi Proia alza oltre la traversa.

Il Frosinone risponde all’11’ con un ottimo pallone di Vitale per Rohden che tocca morbido addosso a Kastrati. Da azione d’angolo per i canarini e uscita approssimativa di Kastrati c’è un’ottima opportunità per Rohden che si fa rimpallare ancora in angolo. Un presunto contatto in area su Gori sugli sviluppi del secondo corner di fila per la squadra di Grosso ma per il direttore di gara è tutto regolare. La partita nel frattempo sale di tono, la fase di studio è ampiamente superata. E anche i contrasti non fanno difetto in un match pesantissimo per entrambe.

Al 17’ Bardi legge bene una traiettoria infida, anticipa Beretta in uscita alta e l’attaccante deve ricorrere alle cure dei sanitari. Al Frosinone non manca il coraggio delle giocate, il Cittadella è sicuramente più sciolto e al 20’ passa: primo cross di Branca respinto corto di testa, il pallone arriva a Donnarumma che alza la testa e serve un pallone sul quale Bardi non esce e allora Beretta anticipa di testa Zampano e infila il alle spalle del portiere canarino.

Iemmello si mangia la maglia (Foto: Frosinone Calcio)

Il Frosinone sembra all’angolo ma al 24’ Donnarumma alza il gomito su Rohden in area, il signor Illuzzi non ci pensa sopra e concede il rigore. Va dal dischetto Iemmello che si fa ipnotizzare da Kastrati, pallone alla sinistra del portiere che blocca facilmente in tuffo. Il canarino viene immortalato mentre mangia idealmente la maglietta per l’occasione perduta.

TANTO ORGOGLIO, SOLO UN LAMPO: KASTANOS SFIORA IL PALO

La squadra di Venturato torna ad impossessarsi del match ma senza fare cose da marziani, il Frosinone si affida alle sortite quando e come può, come quella di Rohden al 30’ che porta in dote un angolo e nulla più.

Azione tambureggiante al 32’ partita dallo spunto di Zampano ma Kastanos viene rimpallato in area, poi arriva di gran carriera Brighenti ma il pallone si spegne in Curva Sud. La partita è brutta, spezzettata, nervosa. Il Cittadella non fa nulla per renderla bella perché non ha interesse, il Frosinone da parte sua, pur se con orgoglio e volontà da vendere, fa una fatica immane a creare qualcosa di pericoloso dalle parti di Kastrati. Anzi sono ancora gli uomini di Venturato ad affacciarsi in area canarina, botta di Ghiringhelli che Bardi para a terra.

Il goal del Cittadella (Foto: Mario Salati)

La sfortuna si accanisce sui giallazzurri, in area del Cittadella si materializza uno spiovente sul sinistro di Kastanos, largo di un niente. Un tentativo di Rohden ma lo svedese opta per la circumnavigazione dell’area del Cittadella invece di tentare il dai e vai e quando il pallone rientra nell’area, gli uomini in maglia bianca fanno muro. In pieno recupero Bardi deve smanacciare una punizione maligna di Donnarumma, poi arriva il giallo per Beretta, il rinvio e il fischio dell’arbitro che cristallizza il primo tempo con il Cittadella avanti di una rete.

BRIGHENTI RIMETTE LE COSE A POSTO

Un cambio per parte al rientro: Grosso cerca di vivacizzare le acque limacciose del centrocampo, fuori Gori per Tribuzzi: nel Cittadella out Ghirighelli per Frare.

Ma è il Cittadella a farsi pericoloso, un pallone per Tsdjout che non ci arriva a due passi da Bardi. E’ un Frosinone totalmente a trazione anteriore, quando attacca arriva a piazzare quatto giocatori sul fronte offensivo ma rimane intatta la difficoltà del primo tempo a creare gioco. La paura inizia a serpeggiare, ci si affida ai tiri da lontano, come quello di Brighenti al 10’.

Trenta secondi dopo esce Mattia Vitale, poco palpabile nell’ora scarsa in cui è stato in campo, spazio a Ciano. Ed è proprio Ciano che rimette in vita un pallone quasi esangue passato tra i piedi di Iemmello, sfera a Tribuzzi che pennella in mezzo, terzo tempo di Brighenti e 1-1, gol imparabile.

Tiro imprendibile e pareggio 1-1 (Foto: Mario Salati)

Ci prende gusto Tribuzzi, pennellata-bis per la frustata di testa di Ciano, pallone tra le braccia di Kastrati. Il Cittadella espone il fianco ad una ripartenza di Iemmello che prima sbatte su Camigliano, poi si aggiusta un gran pallone ma tira incredibilmente fuori. La partita adesso vive sul filo dei nervi, niente occasioni ma tanta tensione che si taglia col coltello. Al 16’ Iori e Gargiulo per Proia e Beretta.

E fioccano i gialli: Donnarumma, Kastanos e Perticone si aggiungono a Frare, Proia e Beretta.

ASSALTI E TENSIONI

Un angolo del Cittadella, si infila Frare ma non ci arriva di un soffio e Bardi agguanta il pallone. Il Frosinone cerca spazio sulla corsia mancina, bravo Zampano a conquistare un angolo ma dalla parabola di Ciano non escono pericoli per la porta di Kastrati. Venturato lancia Rosafio per Pavan al 31’. Il Cittadella a testa bassa, il Frosinone gioca di rimessa ma soffre più per pura che per incapacità di produrre gioco.

Maiello evita guai e si aggrappa a Rosagio quando mancano 8’ al 90’. E sul corner corto del Cittadella, Bardi salva come può. Venturato vuole vincere: fuori Perticone per D’Urso. Grosso si cautela: dentro D’Elia per Brighenti.

Foto: Frosinone Calcio

Sul campo adesso è una battaglia. A 4’ dal 90’ espulso Donnarumma, subito dentro nel Frosinone l’attaccante Parzyszek per Rohden. Grosso alza i centimetri dentro l’area avversaria alla ricerca della spizzata vincente. Allo scadere dei 90’ Tribuzzi cerca la veronica in area, contrastato in angolo ma sul tiro della bandierina non accade nulla.

Adesso è il Frosinone a spingere, la chimica della gara è cambiata. Scintille tra Tribuzzi e Vita, il Cittadella al 2’ dei 4’ di recupero si tuffa di nuovo nella metà campo giallazzurra. Ma è un continuo ribaltamento di fronte. Fino al triplice fischio finale che sancisce un battagliero 1-1 che sa tanto di ossigeno per il Frosinone.

Guarda la gallery di Frosinone-Cittadella

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright