Grosso punta sull’amuleto Ciano per sfatare il tabù-Stirpe

Il Frosinone cerca il primo successo interno e s’affida all’attaccante, autentica bestia nera del Cittadella. I veneti sono la squadra contro la quale Camillo ha preso parte a più gol in Serie B: 11 (6 reti, 5 assist).

Alessandro Salines

Lo sport come passione

I tifosi del Frosinone hanno ancora negli occhi e nel cuore quel gol fantastico al “Tombolato”: 5 agosto di un anno fa, preliminare dei playoff, ultimo respiro del secondo supplementare, Camillo Ciano con un sinistro al volo di rara bellezza dal limite dell’area regala la semifinale facendo esplodere una città incollata davanti alla tv. Ma quella è stata solo l’ultima prodezza di Ciano contro il Cittadella, L’attaccante giallazzuro è una bestia nera della formazione veneta, sabato di scena allo “Stirpe”. La sua vittima preferita. (Leggi qui il resoconto dell’epoca: Podio e contropodio. Le pagelle di Cittadella – Frosinone 2-3).

Come il toro quando vede rosso, Ciano si scatena quando davanti a lui c’è il granata. Ed ora Grosso ed i supporters sperano nel fantasista campano per vincere la prima volta allo “Stirpe” dopo 3 pareggi di fila. 

CIANO-CITTADELLA 7-3

L’esultanza al termine di Cittadella-Frosinone nel 2020

Sabato pomeriggio sarà la diciottesima sfida tra Ciano ed il Cittadella. In Serie B è la squadra che ha affrontato più volte. Un bilancio positivo con 7 vittorie, altrettanti pareggi e solo 3 sconfitte. Ancora migliore lo score personale con 6 reti e 5 assist. Una sorta di record: il Cittadella infatti è la formazione contro la quale l’attaccante canarino ha preso parte a più gol in Serie B. Tra l’altro le sue reti sono valse ben 5 successi e 1 pareggio.

Quando Ciano ha segnato la sua squadra non ha mai perso. Il conto col Cittadella lo ha aperto 9 anni fa nel Crotone: suo il momentaneo 2-1 dei calabresi in una partita poi terminata 3-1. Il secondo dispiacere al Cittadella lo ha dato nel campionato 2014-2015 sempre con la maglia del Crotone: 2-2 allo Scida siglando il momentaneo 2-1. Ai tempi del Cesena (stagione 2016-2017) Ciano ha firmato 2 reti ed altrettanti assist contro il Cittadella.  In particolare al ritorno ha fa tutto lui nel 2-3 dei romagnoli: ha mandato in gol Ligi e Alejandro Rodriguez e poi ha siglato il tris. La striscia positiva col Cittadella è proseguita a Frosinone. Protagonista assoluto nel doppio confronto del campionato 2017-2018 quello della promozione in Serie A: 1 gol, 2 assist ed altrettanti successi dei canarini. Ai playoff 2020 l’ultima perla. 

LA SECONDA VITA DI CIANO

L’attaccante giallazzurro sta vivendo una nuova fase della sua carriera. In questa stagione il tecnico Fabio Grosso lo ha reinventato “falso nove” nel tridente del suo 4-3-3. A 31 anni ed una carriera da “califfo” in Serie B (304 presenze e 84 gol, terzo marcatore in attività tra i cadetti) Camillo si è rimesso in gioco accettando un ruolo dove deve sacrificarsi di più per la squadra rinunciando magari a qualche giocata personale.

Camillo Ciano

Non stanno mancando la difficoltà ma con tanta umiltà, applicazione e spirito di corpo si sta impegnando al massimo. Finora ha giocato sempre (6 presenze), segnando il primo gol nella vittoriosa gara di Vicenza nel giorno della sua trecentesima gara in Serie B e della centesima col Frosinone.

L’abnegazione e l’intelligenza tattica con le quali sta affrontando questa nuova esperienza ha colpito anche il tecnico e la società. “Sono soddisfatto di Camillo sia delle partite che degli allenamenti – ha detto Grosso in un’intervista –  Perché poi le gare sono sempre lo specchio di quello che si fa durante la settimana. Ho parlato a lungo con lui, è un ragazzo di grandissime qualità ed ha ancora anni davanti a lui per dimostrare quello che sa fare”.

Anche il direttore dell’area Guido Angelozzi si è soffermato sul nuovo Ciano: “L’intuizione di Grosso è stata felicissima, Ciano lo scorso anno era un lontano parente di questo attuale”. E sabato l’attaccante può tornare a vedere granata ed è pronto a scatenarsi.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright