I titoli dei giornali di mercoledì 25 aprile 2018

I titoli dei quotidiani locali in distribuzione nelle province di Frosinone e Latina mercoledì 25 aprile 2018 e riassunti da Alessioporcu.it

*

I titoli dei quotidiani locali in distribuzione nelle province di Frosinone e Latina mercoledì 25 aprile 2018 e riassunti da Alessioporcu.it

*

*

Messaggero K2(direttore Luciano D’Arpino)

Il vescovo si appella al segreto

Nel processo al prete accusato di pedofilia, monsignor Spreafico ricorre alla riservatezza del ministero sacerdotale. Grande tensione in aula quando ha parlato il papà della vittima

SINOSSI

Violentato da un parroco di Ceprano quando aveva 8 anni: il vescovo di Frosinone, Ambrogio Spreafico, chiamato a testimoniare su questa scabrosa vicenda, fa scena muta in aula. Ieri mattina in udienza è comparso sul banco degli imputati proprio Gianni Bekiaris il prete di 56 anni accusato di aver abusato del ragazzino. Le violenze, a causa di una soggezione psicologica da parte della vittima, si sarebbero protratte fino a quando questa non ha compiuto 20 anni

 

Brogli elettorali, il funzionario indagato respinge le accuse

Piedimonte San Germano. Il legale: «Luigi Spiridigliozzi non ha alterato alcuna scheda. È in atto un tentativo di occultare fenomeni ben più gravi»

 

Il Tribunale reintegra Roscia in Consiglio

Pontecorvo. «Citerò chi ha votato la mia decadenza»

 

L’arbitro fischia, inizia il caos fuori dallo stadio

Frosinone. Viabilità stadio, caos e proteste dopo il big match. Manca una strada per far defluire i tifosi. Traffico impazzito alla fine della partitissima dell’altra sera. E venerdì, in Regione, le carte per sbloccare la strada dei tifosi

 

Dionisi-Ariaudo, pace dopo le scintille

Alla ripresa degli allenamenti c’è stato un chiarimento tra l’attaccante e il difensore dopo i momenti di tensione registrati in seguito alla sostituzione della punta nel big match con l’Empoli. Ora il clima è tornato disteso e già si pensa alla sfida di Cesena

 

*

 

Ciociaria Oggi K2
(direttore Alessandro Panigutti)

Processo all’ecomostro, si parte

Frosinone. Prima udienza con una serie di schermaglie procedurali: raffica di eccezioni sollevate dai legali dei quattro imputati. Per la bonifica della discarica di via Le Lame sono contestati i reati di avvelenamento delle acque e delitti contro la salute pubblica

SINOSSI

 Entra subito nel vivo il processo per la bonifica della discarica di via Le Lame, l’ ecomostro di Frosinone. Sotto accusa per avvelenamento di acque e delitti colposi contro la salute pubblica sono due dirigenti comunali, l’ ex Francesco Acanfora ed Elio Noce nonché l’ allora presidente del cda della Saf Cesare Augusto Fardelli e il direttore tecnico Roberto Suppressa. Il processo riguarda i lavori di bonifica del sito, usato sin dagli anni Cinquanta e fino al 2002, a parte dei periodi di interruzione.

 

Roscia torna. Anche stavolta

Pontecorvo. Il tribunale decide sulla decadenza: . illegittima, inammissibile l’intervento del Comune. E rientra in assise. Ora si attiver. presso la Corte dei Conti .affinch. gli autori di un tale danno paghino di tasca propria.. Le parole di Rotondo

 

Ascoltati i componenti del seggio

Piedimonte San Germano Schede sospette. I tre scrutatori e il segretario confermano la versione del presidente: quei segni non c’erano. Affidato l’incarico per la perizia. E il funzionario sottoposto a indagini si dichiara disponibile al saggio grafico

 

Morganti, l’udienza fissata a giugno

Alatri. La scorsa settimana i giudici avevano ritenuto opportuno un nuovo passaggio davanti alla prima sezione. La Corte di cassazione dovr. decidere sulla richiesta di trasferire il procedimento in un altro tribunale

 

Bilancio, ok della giunta. «Ora inizia la legislatura»

L’atto Nelle casse dell’ente 3,9 miliardi di euro: ecco come saranno ripartiti

 

 

Moreno Longo crede ancora nella promozione diretta in Serie A

Calcio Serie B Il Frosinone si allena in vista della gara con il Cesena

 

*

provincia-2(direttore Dario Facci)

Il giardino del sesso dall ’Asl al Comune

Frosinone. L’azienda sanitaria affida l’area verde ex Inam al Municipio. Il luogo da tempo è meta di sballo proibito. Ora si corre ai ripari.

SINOSSI

Droga, alcol e sesso. Tutto di notte. Tutto nel giardino tramite il quale si accede al presidio sanitario Ex Inam di Isola Liri. Da anni qui vanno in scena, soprattutto nel periodo estivo, atteggiamenti ai limiti della decenza, spesso illeciti, ai quali Comune e Asl opportunamente provano a mettere fine. E’ di ieri infatti una delibera tramite la quale il Commissario Straordinario dell’Azienda sanitaria, affida in concessione l’area tra il cancello e l’ingresso della palazzina di via Selva al Comune di Isola Liri.

 

Roscia vince il suo ricorso

Pontecorvo. La decisione in favore dell’ex sindaco è dei giudici del Tribunale di Cassino. Torna in Consiglio comunale Gli veniva contestata l’incompatibilità in virtù di un contenzioso con l’Amministrazione

 

L’indagato in Procura ne ha per tutti

Piedimonte San Germano. Brogli elettorali, parla il funzionario comunale. Ha denunciato al Pm un malcostume sistemico in seno alle consultazioni. Il dipendente è sotto inchiesta per la vicenda della schede segnate

 

 

Anagni, Alleanze determinanti

Politica. Il centrodestra e il Partito Democratico sembrano contendersi la civica di Polo  Ieri sera un nuovo vertice per definire la coalizione e candidato tra i Democratici

 

Christian De Vellis, Futuro e tradizione

Il presidente dei Giovani imprenditori. Ha 35 anni e da almeno venti ha iniziato a respirare l’aria dell’azienda paterna. Da ragazzo, durante le vacanze estive, ha cominciato a fare la gavetta. Ora è al vertice di una delle società del gruppo, la De Vellis Costruzioni ed è anche, da meno di un mese, il nuovo presidente dei Giovani imprenditori di Unindustria Frosinone. Gli abbiamo fatto qualche domanda per conoscerlo meglio e scoprire qual è il filo conduttore del suo programma.

 

 

La corsa verso la promozione adesso è davvero complicata

Il brusco risveglio del Frosinone dopo la sconfitta con l’Empoli

Promozione. Gara da dentro o fuori per il Monte San Giovanni Campano impegnato nel derby

Eccellenza. La capolista potrebbe spalancare le porte della D

 

*


(direttore Stefano Di Scanno)

«Grazie aimedici,mio figlio stabene»
Cassino. Parlano i genitori del piccolo ricoverato al “Gemelli” a Roma e manifestano gratitudine verso il personale dell’ospedale “Santa Scolastica”. Profilassi eseguita nel plesso e sui frequentatori

 

«Tu, Lorenzo eri l’anima della città»
Con queste parole la fidanzata Marianna ha salutato per l’ultima volta il giovane deceduto tra sabato e domenica. Cassino si ferma per i funerali

 

Contenziosi a raffica e pioggia di incarichi a legali romani
Consorzio Valle del Liri. Due progetti da oltre 12mln non finanziati per alcune firme mancanti costringono l’ente a rivolgersi al Tar. Intanto una ditta chiede 2,1 mln di risarcimento per presunte inadempienze e due lavoratori trascinano nuovamente il consorzio in tribunale

 

Le ultime spartizioni dal Cosilam all’Ater
Partito Democratico. Sul taccuino del partito ci sono i rinnovi al Cosilam, alla Provincia di Frosinone, all’Ater e al Parco dei Monti Aurunci. Senza dimenticare il ruolo da capogruppo e la designazione a sindaco per le prossime amministrative

 

Spiridigliozzi: «Non ho alterato alcuna scheda»
Piedimonte San Gennaro.

 

Serie B, Longo crede ancora nella promozione diretta dei Canarini
Spazio Sport.

 

*

 

il-giornale (direttore Alessandro Sallusti)

Il nostro 25 aprile: liberi da Di Maio
Pericolo Scampato. I grillini chiudono alla Lega e si gettano tra le braccia di Renzi. Il centrodestra vuole l’incarico: troveremo i voti

 

La macabra foto del leader Pd che sfrutta la morte di Regeni
La denuncia della famiglia: “Fatto gravissimo”

*

(direttore Claudio Cerasa)

Il giudice mette la parola fine alla storia di Alfie Evans. L’accanimento ideologico contro la vita ha vinto la sua battaglia
Roma. Niente trasferimento in Italia. Alle 20.25 il giudice Sir Anthony Paul Hayden, magistrato della Corte d’appello, fa sapere che “questo è il capitolo finale nella vicenda di un bambino straordinario”. E’ il verdetto che giunge al termine di un’ennesima lunga giornata a Liverpool, con Alfie Evans che respirava da solo dopo l’interruzione della ventilazione iniziata nella tarda serata di lunedì.

 

Il ravvedimento operoso dell’informazione
Dare la colpa del disastro al popolo per come ha votato non ha logica. Il mea culpa lo devono fare i grandi giornali che per vent’anni hanno lisciato la bestia. Il ruolo della stampa riformista indicato da Sergio Fabbrini e le parole vere di Paolo Mieli

 

*
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright