Il Frosinone spaventa il Monza e perde nel finale

Il primo tempo si chiude sul 2-0 per i brianzoli per effetto di due rigori frutto di altrettante ingenuità. Miracolo di Cragno su Kone. Nel giro di 4' della ripresa tra il 7' e l'11' i giallazzurri trovano il pari con le reti di Haoudi e di Kone. Poi sfida equlibratissima. Al 38' non sbaglia Gytkjaer.

Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

MONZA (3-5-2): Cragno; Marlon, Ranocchia A., Carlos Augusto; Birindelli, Ciurria, Barberi, Valoti, D’Alessandro; Mota, Caprari.

A disposizione: Di Gregorio, Sorrentino, Caldirola, Machin, Gytkjaer, Sensi, Antov, Colpani, Marrone, Carboni, Molina, Vignato.

Allenatore: Stroppa

FROSINONE (4-2-3-1): Turati; Oyono, Lucioni, Szyminski, Cotali; Kone, Boloca; Rohden, Haoudi, Caso; Moro.

A disposizione: Loria, Marcianò, Lulic, Mulattieri, Garritano, Bocic, Ciervo, Kalaj, Monterisi, Bracaglia, Borrelli.

Allenatore: Grosso.

Arbitro: sig. Marco Serra di Torino; Assistenti sigg. Marco Bresmes di Bergamo e Federico Longo di Paola (Cosenza); Quarto Uomo sig. Abdoulaye Diop di Treviglio (Bergamo); Var sig.Aleandro Di Paolo di Avezzano (Aq), Avar sig. Eugenio Scarpa di Collegno (Torino).

Marcatori: 25’ pt Valoti (rig), 41’ pt Caprari (rig), 7’ st Haoudi, 11’ st Kone, 38’ st Gytkjaer.

Note: spettatori: 4.432 (di cui 32 ospiti) per un incasso di euro 102.008 mila euro; angoli: 7-4 per il Frosinone; ammoniti: 29’ Oyono, 17’ st Marlon, 46’ st Colpani, 47’ st Machin; recuperi: 3’ st.

A tre mesi dall’ultima uscita ufficiale nel campionato 2021-’22 in casa col Pisa, il Frosinone chiude il primo tempo all’U-Power di Monza a testa alta ma anche sul doppio svantaggio per effetto di due rigori frutto di ingenuità realizzati da Valoti al 25’ e da Caprari al 41’. Nel mezzo una grande occasione capitata sui piedi di Kone con Cragno protagonista. (Leggi qui la presentazione: Grosso vuol guastare l’esordio al patinato Monza di Galliani e Berlusconi).

LE FORMAZIONI

Il Monza con la formazione-tipo, in campo dal 1’ anche Marlon il cui acquisto è stato formalizzato nelle ultime ore. Stroppa con 23 titolari a disposizione e con l’imbarazzo della scelta per il suo 3-5-2. Tra i pali Cragno, davanti a lui Andrea Ranocchia con Marlon e Carlos Augusto braccetti corsi. Il play è Barberis, a destra c’è l’ex del Pisa, Birindelli, a sinistra posto preso da D’Alessandro, Valoti e Ciurria sono gli intermedi. In attacco Caprari, ex Verona, che fa da spalla a Mota.

Cinque undicesimi di squadra-base sono nuovi. In panchina Sensi e Carboni e tre quarti della squadra promossa in A, out per infortunio Pessina. Altri 15-16 sono in tribuna, pronti per partire.

Il Frosinone in campo con un 4-2-3-1 che lascia aperta l’idea anche a diverse interpretazioni tattiche. Cominciamo dalla conferma di Turati tra i pali e dalla conferma del pacchetto arretrato che vede, da destra a sinistra, Oyono, Lucioni, Szyminski e Cotali. In mezzo al campo Boloca e Kone sono i mediani, Haoudi parte nella posizione centrale della batteria di trequartisti che vede Caso a sinistra e Rohden a destra alle spalle di Moro.

FROSINONE SFRONTATO

Lucioni

Monza subito nella metà campo del Frosinone ma al 2’ Moro conquista con caparbietà un calcio di punizione tra le maglie della difesa del Monza che si sono strette fallosamente sull’attaccante.

Al 5’ gran pallone di Caso che vede dalla parte opposta Rohden ma Carlos Augusto è attento nella diagonale ed evita un pericolo davanti a Cragno. Al 9’ le maglie del centrocampo del Monza si chiudono con le maniere forti attorno a Rohden, per il signor Serra è tutto regolare. Frosinone attento in difesa dopo un pallone liberato in bello stile da Lucioni ma l’interessante ripartenza di Rohden viene frustrata da un tocco in più di Boloca che subisce il break nella metà campo del Monza.

Ottima anche l’interdizione di Oyono che non abbocca alla finte di Valoti in area dopo una transizione dei brianzoli, il Frosinone senza sbavature in questo avvio di gara. E altrettanto ottima la diagonale in chiusura di Kone su Ciurria lanciato da un tocco in area di Birindelli, l’ex del Torino con uno scatto da centometrista chiude la mezzala biancorossa ed è intelligente nel cercare il fallo.

La squadra di Grosso fa buone cose anche in attacco, al 18’ Caso se la gioca di fino, finta il tiro dal limite e poi serve di tacco Hauodi ma Marlon capisce tutto e chiude l’ex del Livorno dentro l’area.

MONZA DI RIGORE

Al 20’ un’altra bella trama del Frosinone, il colpo di testa di Haoudi sul cross di Rohden da destra è largo rispetto ai pali della porta difesa da Cragno, alle sue spalle c’era Oyono meglio piazzato.

Al 24’ un po’ di confusione della difesa giallazzurra tra rinvi e rimpalli, Kone commette un fallo ingenuo qualche centimetro dentro l’area di rigore su Birindelli che gli aveva preso il tempo, Serra non ha esitazione ed indica il dischetto, confermato anche dal Var.

Valoti spiazza Turati con un saltello prima del tiro, Monza avanti 1-0. Kone non si abbatte, 1’ se ne va in slalom fino nel cuore dell’area del Monza, botta di destro e grande deviazione in angolo di Cragno.

IL MONZA ANCORA DI RIGORE

Boloca

Il Frosinone pericolosissimo al 32’, Kone fa un gran break nella sua metà campo, il pallone circola da Oyono fino ai piedi di Rohden che infila per Haoudi ma il giallazzurro non centra il tap-in e poi Ranocchia allunga la traiettoria. Quindi è Carlo Augusto che evita problemi su un pallone per Moro dettato da Boloca infilatosi in bello stile fino al limite dell’area del Monza.

La grinta di Kone è una costante sul collo dei giocatori del Monza ed è sempre la squadra di Grosso che fa la sua partita, pulita, ordinata e frizzante. Ci prova Haoudi al 38’ partendo da destra ma non sorprende Cragno che blocca in due tempi sul primo palo.

Ma il Frosinone paga ancora un’altra ingenuità che manda dal dischetto il Monza: al 41’ Oyono non si accorge che Valoti probabilmente non avrebbe trovato l’angolo di tiro dopo la respinta di Turati su Ciurria, lo strattona e lo atterra e per Serra è ancora più facile di prima indicare il rigore. Stavolta tocca a Caprari spiazzare col brivido Turati, pallone sul palo interno e poi in rete.

L’arbitro tiene giustamente il cartellino giallo nel taschino, Oyono scampa almeno la doccia anzitempo. Monza sul doppio vantaggio ma la squadra di Stroppa ringrazia la doppia ingenuità dei giallazzurri. Nel finale di tempo c’è il colpo di testa di Caprari sul pallone servito da D’Alessandro, palla larga di due metri. Al riposo il Monza ci va sul 2-0, il Frosinone ci va con un po’ di naturalissima rabbia.

IN 4’ IL FROSINONE RIPRENDE IL MONZA

Si ricomincia e il pallone sembra un coniglio impazzito, all’improvviso Caso ingrana 6 marce nello spazio di 30 metri e Ranocchia salva in angolo ma il Frosinone non sfrutta il pallone dalla bandierina.

Il Monza adesso spinge con maggiore decisione ma il Frosinone accorcia le distanze al 7’: grande apertura di Lucioni per Caso che controlla, si accentra e detta per Haoudi, botta deviata da Ranocchia e pallone alle spalle di Cragno. Grosso non si scompone e al 9’ manda in campo Garritano e Ciervo per Rohden e Haoudi.

E il Frosinone 2’ dopo pareggia: angolo, rimpallo sulle gambe di Barberis, Kone dal limite brucia Cragno. Ed esulta a modo suo, facendo il gesto di volersi scrollare di dosso l’errore del primo tempo. Tutto molto bello. E ora è 2-2. In 11’ il Frosinone rimette in carreggiata una partita che sembrava compromessa.

Al 15’ il Monza cerca il terzo rigore della serata, Carlos Augusto si tuffa tra le gambe di Boloca ma stavolta per Serra e per il Var è tutto regolare. Stroppa cerca di cambiare pesi e misure: dentro Sensi per Valoti. Il Frosinone gioca con tranquillità, al 17’ Marlon deve ricorrere alle maniere forti e spendere un giallo per fermare un indemoniato Caso.

Prende confidenza Kone, al 21’ conquista palla e si infila centralmente, il tiro non è dei più belli a vedersi ma l’intenzione è da premiare. Il Monza attacca a testa bassa, il Frosinone compatto si difende con ordine. Al 23’ il Frosinone esce bene da un tentativo di accerchiamento del Monza con Ciervo ma il tocco nello spazio libero dell’ex del Sassuolo per Caso è letto bene da Sensi che chiude i boccaporti. Al 26’ dentro Lulic per Grosso e al 27’ nel Monza dentro Antov e Gytkjaer per Marlon e Caprari. Stroppa schiera l’attacco pesante e chiede maggiore spinta da dietro. Nel Frosinone non cambia l’assetto.

MONZA AVANTI CON GYTKJAER, ANTOV SALVA IL 3-3

Il Monza lancia Mota, cinque giallazzurri attorno, per il portoghese un tiro che non impensierisce Cragno. Frosinone vicino al vantaggio al 33’, transizione tutta in velocità, pallone per Moro che accarezza la sfera e al momento del tiro ai 10 metri scivola, poi la difesa brianzola si salva. E si salva ancora con Ranocchia che chiude la strada a Caso.

Garritano vede Cierco sul secondo palo, Colpani – entrato nel frattempo al posto di Barberis al 35’, con Machin a rilevare Ciurria – legge e manda in angolo. All’improvviso il Monza passa di nuovo: al 37’ pallone in area per Colpani, Boloca in controllo scivola e lascia spazio al monzese che vede Gytkjaer staccato da Lucioni e lo serve, destro che batte Turati per il 3-2.

Il Frosinone non sta a guardare, Ciervo si catapulta in area e sul tiro a botta sicura salva Antov che in scivolata fa muro davanti a Cragno e salva il 3-3. Esordio per Mulattieri e Bocic al 39’. Ed è assalto, con un colpo di testa di Mulattieri da azione d’angolo che esce di qualche metro. L’ultima occasione per il Frosinone arriva da calcio d’angolo, Lucioni di testa sfiora il 3-3. Il fischio finale mette tutti d’accordo. Frosinone a testa altissima ma il Monza ringrazia comunque.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright