Il Giudizio Universale: Cittadella – Frosinone 

Il Pagellone di Cittadella - Frosinone 3-0. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Il Pagellone di Cittadella – Frosinone 3-0. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara. (Leggi qui Amnesia Frosinone, il Cittadella vince 3-0 in 20′)

Il migliore

Canotto

Dall’11’ s.t. Canotto

Si guadagna la sufficienza se non altro perché è suo l’unico vero pericolo portato dal Frosinone. Colpisce infatti il palo dopo una bella combinazione con Novakovich. Sfortunato, sarebbe stato il suo terzo gol di fila.

In tanti lo ipotizzavano titolare dopo le ultime prove ed invece riparte dalla panchina. Grosso lo getta nella mischia nella ripresa sul 3-0. L’attaccante ex Chievo tenta di cambiare il corso degli eventi ma il legno gli dice di no. 

Voto: 6

Ravaglia

Prende il primo gol sul suo palo facendosi beffare dal tocco non irresistibile di Beretta. Quell’angolo andava coperto diversamente ed invece si fa trovare impreparato. In occasione del raddoppio prova a rimediare all’errore di Barisic opponendosi a Tounkara ma poi deve capitolare. Non può far nulla sul colpo di testa preciso di Beretta.

Nel primo tempo il Cittadella tira 4 volte nello specchio della porta e realizza 3 reti. Allo scadere nega la tripletta a Beretta parando e si fa anche male alla faccia.

Voto: 5,5

Zampano

Zampano

Sembra partire con il solito piglio ma poi si appiattisce in una gara molto complicata e che si mette in salita nel giro di 25’.

Nella prima parte duella con Donnarumma e talvolta Branca. Poi viene dirottato a sinistra con Barisc a destra. Ma cambia poco. Soltanto nel finale della ripresa riprende a spingere. Il vero Zampano è tutt’altro giocatore.  

Voto: 5,5

Gatti

Non convince neppure lui anche se impegno e cuore non mancano. La forma non è delle migliori e probabilmente gli impegni ravvicinati si fanno sentire. D’altronde il centrale è uno di quelli che tira la carretta dall’inizio e salvo i 2 turni di squalifica ha sempre giocato.

Spesso in ritardo, il movimento e la fisicità di Tounkara lo fanno soffrire. Realizza il 3-1 annullato per fuorigioco e nega il quarto gol a Beretta dopo aver sbagliato l’anticipo.

Voto: 5,5

Szyminski

Sottotono anche il difensore polacco e non poteva essere altrimenti in una giornata nera per tutti. Non riesce a trovare la posizione e le misure giuste. Soffre sia Tounkara che Beretta che hanno una marcia in più. 

Voto: 5

Barisic

Barisic

Una domenica nerissima per il difensore bosniaco. Colpevole su tutti i 3 gol, cento passi indietro rispetto alle precedenti uscite.

Schierato da terzino sinistro, praticamente fuori ruolo, soffre maledettamente quella posizione inanellando errori su errori. Eppure la sua gara era iniziata con un’occasione sprecata: alto il colpo di testa sul corner di Ciano. Poi però arrivano i fantasmi.

Si fa attaccare alle spalle da Beretta sull’1-0, ancora peggio sul raddoppio (retropassaggio sbagliato) di Tounkara. Anche sul 3-0 perde il duello aereo con Beretta. Rimedia anche un’ammonizione.  

Voto: 4

Dal 39′ s.t. Manzari

In campo nel finale. Ma la partita è già chiusa.

Voto: s.v.

Lulic

Al rientro nell’undici, è una delle due novità di formazione. Si presenta con un’incursione in area e tiro-cross sulla destra. Poi l’anonimato. Mai un’iniziativa, leggero e talvolta impreciso. Una prova incolore per il centrocampista croato mai incisivo nei duelli con Branca.

Voto: 5

Dall’11’ s.t. Boloca

A sorpresa inizia in panchina dopo aver scontato la squalifica. Sostituisce lo spento Lulic, però non riesce a dare il cambio di passo. Ha una chance ma dal limite spara alle stelle.

Voto: 5

Ricci

Ricci e Antonucci

Impreciso e pure nervoso, non ripete l’ottima partita disputata contro la Reggina. Tra i suoi compiti c’è anche quello di schermare Antonucci, temuto trequartista del Cittadella. Una consegna che probabilmente lo limita.

Non riesce a dettare i tempi della manovra e cambiare mai fronte come ha abituato. Becca un cartellino giallo.  

Voto: 5

Garritano

Mai in partita, non è brillante ed elettrico. Non riesce a trovare quegli inserimenti spesso decisivi nel gioco giallazzurro. Al suo attivo solo un bel cross per Charpentier che incorna debolmente. Anche lui paga la stanchezza dovuta alle tante gare disputate in questo periodo.

C’è da dire che il centrocampo del Cittadella è stato nettamente superiore a quello del Frosinone.

Voto: 5

Ciano

Era tra i giocatori più attesi della sfida del “Tombolato”. Bestia nera del Cittadella (6 gol e 5 assist in 18 incroci) e poi arrivava da un ottimo periodo impreziosito da 2 reti. Ed invece pure lui incappa in una partita storta.

Frare e Del Fabro lo francobollano non concedendogli praticamente nulla. Commette il fallo su Branca: da quella punizione nasce la rete dell’1-0.    

Voto: 5

Novakovich

Dall’11’ s.t. Novakovich

Prova a combinare qualcosa di buono in un attacco davvero spuntato. Un tiro a lato e poi un colpo di tacco che innesca Canotto nell’azione del palo.

Voto: 5,5

Charpentier

Ben controllato dai centrali avversari Del Fabro e Frare, non riesce a trovare il guizzo vincente in una partita che si è messa male dopo 15′. E’ apparso troppo macchinoso e sicuramente poco servito. Nel secondo tempo ha la chance per far rientrare in partita il Frosinone: la sua zuccata è centrale e finisce tra le braccia di Kastrati.

Voto: 5

Dal 25′ s.t. Cicerelli

Impegna Kastrati con una conclusione forte a mezza altezza. Gatti sulla respinta segna ma era in fuorigioco. 

Voto: s.v.

Zerbin

Non sfonda sulla sinistra come era successo tante volte in questa stagione. Il Cittadella lo raddoppia ogni volta che l’esterno prova la giocata. Un tentativo in apertura del secondo tempo con la parata di Kastrati. Becca un’ammonizione pesante: diffidato, salterà la prossima sfida col Cosenza. 

Voto: 5 

Grosso

Fabio Grosso

E’ un girone di ritorno dove il Frosinone non sta trovando la continuità necessaria. Sono già 3 le sconfitte in 7 partite. Le scelte di formazione poi non hanno convinto anche se a posteriori e dopo una sconfitta è più facile dirlo.

Barisic schierato da terzino sinistro e quindi fuori ruolo non è sembrata una mossa indovinata. In emergenza ci può stare, ma in una situazione di normalità perché rischiare?

Anche Lulic invece di Boloca lascia più di qualche dubbio. Ma al di là delle scelte, il Frosinone continua a prendere gol (10 in 5 gare) e ad oggi sembra questo il grande problema.

Inoltre la squadra è mancata sotto l’aspetto del temperamento e della concentrazione. Qualità che invece hanno avuto gli avversari. Infine nella ripresa non c’è stata una reazione degna di nota. 

Voto: 5

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright