Il Giudizio Universale: Frosinone – Reggina 3-0

Il Pagellone di Frosinone - Reggina 3-0. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Il Pagellone di Frosinone – Reggina 3-0. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara. (leggi qui la cronaca della partita: Triplo Frosinone e la Reggina finisce al tappeto).

Il migliore

Ciano

Un gol (il secondo di fila, terzo stagionale) ed un assist. Decisivo a dir poco. Con un Ciano così non c’è nulla di precluso al Frosinone. Il fantasista campano in Serie B è un top-player e quando è in forma può fare sempre la differenza. Bravo Grosso a crederci sempre anche nei momenti di difficoltà.

Schierato da attaccante esterno a destra con licenza di svariare, gioca una partita di qualità e dinamismo. Nel primo tempo è tra i più pericolosi con un paio di conclusioni ed un bell’assist per Zerbin. Nella ripresa sale in cattedra: prima serve dalla bandierina la palla per il gol di Charpentier e poi raddoppia in mischia con tecnica e rapidità. Grosso gli risparmia il finale.    

Voto: 7,5

Dal 37’ s.t. Novakovich

Una manciata di minuti, il tempo per servire il pallone del 3-0 a Canotto.

Voto: s.v.

Ravaglia

La Reggina non tira mai nello specchio della porta. Per il portiere giallazzurro una serata relativamente tranquilla. Si distingue per qualche uscita puntuale. Segno di sicurezza. 

Voto: 6

Zampano

Il “pendolino” giallazzurro corre e non si ferma mai. Anche contro la Reggina il terzino destro è un fattore per il Frosinone. Spinge tanto creando non pochi imbarazzi a Kupisz e Di Chiara.

Neppure l’ammonizione dopo 23’ lo limita: continua la sua gara fatta di strappi e giocate sempre pericolose. Al 37’ della ripresa Grosso gli concede un po’ di respiro, sostituendolo con Barisc.   

Voto: 6,5

Dal 37’ s.t. Barisic

Altri minuti nelle gambe per il difensore bosniaco.

Voto: s.v.

Gatti

Prova di personalità per il difensore piemontese che di settimana in settimana mostra segnali di crescita. Insieme al “gemello” Szyminski mette la museruola a 2 attaccanti esperti come Galabinov e Tumminello. In talune fasi è lui ad impostare la manovra e quando esce palla al piede crea la famosa superiorità numerica.

Voto: 6,5 

Szyminski

Szyminski

Non sbaglia praticamente nulla. Sbroglia qualche situazione potenzialmente pericolosa. Blocca Galabinov e Tumminello, è insuperabile sulle palle alte. E’ protagonista dell’episodio relativo al gol annullato a Menez.  

Voto: 6,5

Cotali

E’ una delle 3 novità proposte da Grosso. Si conferma giocatore dal rendimento sicuro. Con Zerbin tiene bloccato l’esterno reggino Adjapong e non disdegna di pungere. 

Voto: 6,5

Dal 21’ s.t. Canotto

Chiude i conti realizzando in contropiede il terzo gol. Secondo di fila dopo quello di Brescia, terzo in questo campionato. Mette lo zampino anche sul raddoppio: il corner di Ricci nasce da un suo tiro deviato da Micai. Insomma l’ex Chievo sembra tornato quello d’inizio stagione. Per Grosso un’arma in più. 

Voto: 6,5

Rohden

Torna in formazione e si rivela in ripresa. Una partita tattica, irrobustisce il centrocampo, sfianca Crisetig spesso costretto ad inseguirlo. Gli manca il guizzo in area. Ad inizio ripresa una conclusione pericolosa. 

Voto: 6 

Ricci

Ricci

Si riprende le chiavi del centrocampo dopo la squalifica. Garantisce ordine, pulizia, geometrie ed alcune giocate importanti. Una partita di spessore per il regista giallazzurro impreziosita dal corner in occasione del raddoppio e dal tackle su Hetemaj che dà il via al contropiede del 3-0.

Voto: 7

Garritano

Ancora nel ruolo di mezzala a tuttocampo gioca la solita partita generosa e ricca di spunti tecnico-tattici. Soprattutto nel primo tempo è micidiale negli inserimenti alle spalle della difesa avversaria e va vicino al gol. Gli impegni ravvicinati si sentono e dopo 20’ della ripresa tira il fiato lasciando il posto a Lulic.

Voto: 6,5

Dal 21’ s.t. Lulic

Senza infamia e senza lode, rispetta le consegne affidategli da Grosso.

Voto: 6

Charpentier

Il “generale” è tornato. A distanza di quasi 3 mesi il centravanti francese ritrova la via del gol con un gran colpo di testa, la specialità della casa. Una rete pesantissima (la nona in campionato) che ha spaccato la partita.

L’infortunio è ormai alle spalle e Gabriel è pronto a recitare un ruolo da protagonista in questo girone di ritorno.   

Voto: 7

Dal 20’ s.t. Brighenti

Aumenta il minutaggio del vecchio capitano alternativa di qualità ed esperienza per la difesa giallazzurra. Bravo e lesto nella mischia che consente a Ciano di raddoppiare.

Voto: 6 

Zerbin

Non lascia il segno come vorrebbe ma è tra i migliori per spirito di sacrificio e “fame”. Molto intraprendente e vivace, spesso sfonda sulla sinistra pur non trovando l’acuto vincente. Nel primo tempo serve un bell’assist a Ciano e ci prova un paio di volte senza precisione.

Micai nella ripresa gli nega la rete ma probabilmente viene trattenuto al momento del colpo di testa. Macina chilometri ed è prezioso anche in copertura.

Voto: 7

Grosso

Ritrova la vittoria dopo 3 turni e qualche ombra. Riesce a ricaricare la squadra dopo il pari-beffa di Brescia e contro la Reggina arriva uno dei successi più convincenti della stagione. Il suo Frosinone azzanna la partita sin dall’inizio e la domina fino alla fine secondo la sua filosofia.

La formazione inziale non lo tradisce, mirati anche i cambi. In vista dello sprint finale ha recuperato Charpentier. Ma anche Canotto sembra essere tornato quello d’inizio campionato. Senza parlare di Ciano che potrebbe diventare l’uomo in più. 

Voto: 7

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright