Il Giudizio Universale: Frosinone-Ternana 3-0

Il Pagellone di Frosinone-Ternana 3-0. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo della gara

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Il Pagellone di Frosinone-Ternana 3-0. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo della gara. (leggi qui la cronaca: Chiusura col botto, il Frosinone ne fa 3 alla Ternana)

Il migliore

Mulattieri

Il bomber Mulattieri

Ha spaccato una gara che nel primo tempo è stata più complicata di quanto dica il risultato finale. Un gol da bomber di razza (taglio sul primo palo e destro potente) con il quale ha festeggiato la sua 50^ presenza in Serie B ed ha eguagliato il record di reti (6) tra i cadetti. Ma non solo finalizzatore: a completare la sua serata perfetta un assist al bacio per il raddoppio di Insigne.

L’attaccante scuola Inter si sta rivelando un giovane di grande avvenire, un “puntero” completo, dotato di una tecnica importante ed una forza fisica non indifferente. Partito forse in seconda linea, ha scalato le gerarchie e ad oggi è un elemento imprescindibile nello scacchiere di Grosso.

Voto: 7,5

Dal 31’ s.t. Moro

E’ entrato con tanta voglia di spaccare il mondo. Vicino alla rete ma non è fortunato e chirurgico. Deve ritrovare la fiducia d’inizio stagione.

Voto: s.v.

Turati

Nel primo tempo è piazzato sulle conclusioni comunque centrali di Favilli e Palumbo. Poi la Ternana non lo impegna più di tanto a parte qualche uscita. Colleziona l’undicesimo clean sheet del campionato, chiudendo il girone d’andata al primo posto della speciale classifica.

Voto: 6

Sampirisi

Puntuale come un orologio svizzero, porta fino in fondo la sua partita senza sbavature e con tanta sicurezza. Ha un avversario diretto ostico ma non fa una piega. E Falletti alla fine non riuscirà ad incidere più di tanto. Giocatore importantissimo, tra i protagonisti principali del Frosinone campione d’inverno.

Voto: 6,5

Kalaj

Il difensore Kalaj ha debuttato contro la Ternana

A sorpresa Grosso lo fa debuttare all’ultima d’andata. Il giovane difensore italo albanese risponde nel migliore dei modi con una buona partita. Vince il duello con il roccioso Favilli e dà il via all’azione dell’1-0 con un lancio lungo alla Bonucci.

Può diventare un’alternativa importante in vista di un girone di ritorno che si prospetta a dir poco impegnativo.

Voto: 6,5

Dal 22’ s.t. Szyminski

Parte dalla panchina ma quando viene chiamato in causa non sbaglia nulla mostrando grande professionalità e concentrazione. Decisivo, salva sulla linea il tentativo di Favilli.

Voto: 6,5

Ravanelli

Sempre molto attento, ringhia sull’avversario che gli capita a tiro. Quasi imbattibile sulle palle alte, sbroglia più di qualche mischia. Una garanzia per il Frosinone che non a caso ha chiuso l’andata con la migliore difesa del torneo (11 reti).

Voto: 6,5

Frabotta

Il terzino sinistro Frabotta

Grosso lo preferisce a Cotali che in settimana aveva avuto un attacco influenzale. Molto propositivo sulla fascia sinistra anche se poco preciso. Inoltre deve tenere a bada Partipilo, un esterno d’attacco molto temibile.

Pericoloso con un tiro-cross deviato da Proietti e parato in angolo da Iannarilli. Gara alla fine sufficiente anche se poteva fare di più.

Voto: 6

Rohden

Uno dei giocatori-chiave nella manovra del Frosinone senza e con la palla. Ed infatti firma l’assist del gol di Mulattieri. Particolarmente ispirato e battagliero, s’impone in quasi tutti i duelli. Parte mezzala ma sovente si trasforma in una vera e propria ala. Nel secondo tempo vicino al poker.

Voto: 7

Boloca

Sostituisce in cabina di regia lo squalificato Mazzitelli. Andreazzoli gli piazza addosso Coulibaly ma il centrocampista giallazzurro non si fa intimorire e guida la squadra con la maestria di un veterano. Qualità e quantità a centrocampo dove il Frosinone è stato nettamente superiore. L’unico neo l’ammonizione dopo 25’.

Voto: 7

Lulic

Seconda partita da titolare per il croato che non si risparmia in una partita molto delicata. Qualche errore, alcune palle perse, ma il suo contributo alla causa non manca.

Voto: 6

Dal 32’ s.t. Oliveri

Uno scampolo di partita per il giovane ex atalantino che mette minuti nelle gambe.

Voto: s.v.         

Insigne

Insigne realizza il terzo gol

Chiude i conti realizzando il terzo gol (il suo quarto stagionale). Freddo sull’assist di Mulattieri come è successo ad Ascoli. Prima aveva messo lo zampino (pardon la testa) nell’azione della prima rete.

Al di là del gol, rende la vita difficile a Martella con continui e rapidi movimenti verso il centro. Mostra spirito di sacrificio rendendosi utile anche in fase copertura. Tra i migliori in campo.

Voto: 7+

Dal 42’ s.t. Bocic

Partecipa alla passarella finale.

Voto: s.v.

Caso

Grosso lo rilancia titolare sacrificando Garritano che finora aveva sempre giocato titolare. Molto vivace nel primo tempo, crea più di qualche grattacapo a Diakitè. Non è fortunato in un paio di conclusioni. Sembra avviato sulla strada del completo recupero.

Voto: 6,5

Dal 22’ s.t. Garritano

A sorpresa non parte nella formazione di partenza (non era mai capitato) ma gli porta bene. Entra e dopo soli 6’ firma il tris con un gol d’antologia: tiro a giro che centra il palo prima d’infilarsi in rete. Un gol importante (il secondo stagionale) che si spera lo possa sbloccare.

Voto: 7

Grosso

Il tecnico Grosso sorridente dopo la vittoria contro la Ternana

Se il Frosinone guida la classifica con 39 punti ed ha conquistato il titolo d’inverno, tanti meriti sono del tecnico che ha costruito una macchina quasi perfetta. Una squadra che ha soprattutto un’identità precisa e marcata.

Anche contro la Ternana ha indovinato tutto a partire dalle scelte inziali che avevano sorpreso tifosi ed addetti ai lavori. Dopo lo stop di Genova, il suo Frosinone si è rialzato subito surclassando gli umbri. Non era facile o scontato ma evidentemente il lavoro in profondità del tecnico paga moneta pesante.

Voto: 7,5   

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright