Il paGGellone di Frosinone-Spezia (di G. Giuliani)

Il paGGellone di Frosinone-Spezia. Longo cambia modulo, Crivello resiste stoico e bendato, Citro sbaglia molto, Ciano opaco

Giovanni Giuliani

Giornalista malato di calcio e di storie

Un Frosinone poco sciolto nel primo tempo. Meglio nella ripresa ma i giallazzurri non chiudono e alla fine arriva una tremenda beffa.

*

VIGORITO 5,5

Non da’ mai l’impressione di essere sicuro. Rischia di combinare un frittata colpendo Terranova in uscita. Poi abbatte Crivello. Sui corner non esce mai. Si accartoccia sicuro, nella ripresa, su Granoche. Nel finale deve raccogliere la palla in rete senza aver subito un tiro.Peccato

 

BRIGHENTI 6

Gara ordinata e che cresce con il passare due minuti. Anche perché dopo un primo tempo difficile per tutta la squadra nella ripresa tutti i giallazzurri sono più sciolti. Lui compreso.

 

TERRANOVA 6

Gara senza sbavature eccessive neanche la sua. Diligente e concentrato.

 

KRAJNC 6

Schierato al posto dell’acciaccato Ariaudo non lo fa rimpiangere eccessivamente. In fase offensiva chiama anche Manfredini ad opporsi in angolo.

 

CRIVELLO 6,5

Colpito involontariamente alla testa da Vigorito resta stoicamente in campo con tanto di benda alla festa. Gioca una grande partita. E’ suo l’assist per il rigore concesso ai giallazzurri. Gara di grinta e coraggio. Nel finale si trova nel mezzo del caos ma il penalty l’arbitro lo concede per un fallo di Maiello.

 

GORI 5,5

Nel primo tempo si fa una maledetta fatica, le idee sono poche poche. Lui cerca di darsi da fare ma non è in una grande giornata. Anche nella ripresa non è precisissimo nonostante l’impegno.

 

SAMMARCO 5,5

Longo si affida a lui e alla sua esperienza lì a centrocampo in una giornata fondamentale per il Frosinone. Alla prima vera gara dopo l’infortunio non ha la gamba e gli spunti delle giornate migliori.

 Dal 64esimo MAIELLO5;5 Gli basta una mezz’ora per pennellare ed arginare. Prende subito in mano le redini della gara. Dispensa palloni e ne recupera. Una mezz’ora da 7. Poi il finale concitato con l’arbitro che fischia il rigore per il suo intervento su Pessina.  E due punti volano via. Peccato. 

 

KONE 6

Messo a rinforzare il centrocampo il suo non è certo un apporto da ricordare nella prima frazione quando il Frosinone  non è capace  mai di osare. Si sveglia nella ripresa. Si procura il rigore e cresce sensibilmente.

Dall83esimo BESEA s.v.

 

CIANO 6

Anche lui non riesce a distinguersi nel bruttissimo primo tempo dei suoi. La sua gara migliora nella ripresa quando il Frosinone prova a fare qualcosa di diverso e lui ha più spazi per servire i compagni.

Dall’85esimo SODDIMO s.v.

 

CITRO 5,5

Nel primo tempo tocca pochissimi palloni. Su uno di questi serve Ciano per l’unico vero tiro in porta della prima frazione. Nella ripresa servito prima da Ciano e poi da una pennellata di Maiello non è mai preciso. E gli errori sotto porta  pesano.

 

DIONISI 6,5

Segna un rigore che potrebbe valere tantissimo. Ci prova, lotta. Prova a guidare i compagni verso il raddoppio che non arriva, e alla fine deve assistere alla beffa finale.

 

ALL. LONGO 6

Cambia modulo, ma nel primo tempo il Frosinone e’ timoroso, quasi impaurito: per niente sciolto. Nella ripresa la musica cambia. Dopo il vantaggio il Frosinone prova a chiudere il match ma non ci riesce e viene beffato. Questi sono due punti persi molto pesanti.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright