Il rimpasto in salita. Rosato: Io da qui non mi muovo

Foto © Cosmo Di Schino

Doccia gelata per Luigi Coscione. La presidente del Consiglio Comunale di Gaeta non ha intenzione di mollargli l'incarico. Dal quale lui programmava di raggiungere la prossima candidatura a sindaco. Il fuoco dei veti incrociati

In salita, come quella che la carovona del Tour de France in luglio deve effettuare per raggiungere il col de Tourmalet sui Pirenei. Si preannuncia così la procedura avviata in queste ore dalla maggioranza Forza Italia-Pd al comune di Gaeta per effettuare un “tagliando” di metà consiliatura. (leggi qui il precedente Il grande Risiko del rimpasto per diventare eredi di Mitrano)

Cosmo Mitrano

Il sindaco Cosmo Mitrano aveva previsto tutto ciò che poi si è verificato nelle scorse ore. E cioè la presa di posizione del consigliere comunale e provinciale di Forza Italia Luigi Coscione, il suo intervento con cui fare pressione sulla Presidente del Consiglio Comunale Pina Rosato (Partito Democratico), il tentativo di spingerla a rassegnare le dimissioni dall’incarico per andare a fare l’assessore nella seconda parte della consiliatura. E prendersi lui la Presidenza. In modo da costruirsi il ruolo super partes con cui Coscione vuole tentare di ottenere la candidatura a sindaco quando scadrà il secondo mandato di Mitrano.

Non solo. Coscione non vuole tornare a fare l’assessore: perché dovrebbe dimettersida consigliere comunale. E così decadrebbe anche da consigliere provinciale a Latina.

La doccia gelata di Pina

Ma le ambizioni di Luigi Coscione sono state bruscamente ridimensionate oggi dalla stessa Pina Rosato. Con poche ma definitive frasi.

Farò ciò che sarà necessario a portare a termine il mandato di questa amministrazione senza personalismi o fughe in avanti. Sono disponibile a fare ciò che la maggioranza ritiene giusto – ha scritto la presidente d’aula –  ma non sottovalutarei una precisa circostanza: anche la minoranza mi ha votato come presidente del consiglio. E Luigi questo già lo sa…”.

Tradotto, la Rosato ha deciso: non mollerà la Presidenza del Consiglio comunale. E dunque il consigliere Coscione rischia di rimanere con il cerino acceso in mano. Soprattutto perché c’è anche un altro fatto nuovo. E cioè che il sindaco di Gaeta ha fatto un inequivocabile endorsement per la attuale presidente. “Pina è sempre una grande persona , esercita sempre una politica nobile”.

Due avvicendamenti

Il presidente del Consiglio Comunale Pina Rosato

Il sindaco Cosmo Mitrano ha specificato che saranno operati i due avvicendamenti nella sua Giunta. Sono in predicato di fuoriscirne gli assessori Alessandro Martone e Lucia Maltempo. Il sindaco assicura che tutto però dovrà avvenire “senza eccessivi patemi d’animo”.

Alla stessa stregua della presidente Rosato, il sindaco non ha condiviso “la fuga in avanti” di Coscione, la cui posizione è rimasta isolata all’interno della stessa maggioranza di Forza Italia

L’irrigidimento politico della presidente Pina Rosato ha acuito i diversi mal di pancia esistenti nella lista civica “Gaeta democratica” (un surrogato del Pd), creata a sua immagine e somiglianza alle amministrative del 2017. Chi sperava nel suo possibile ingresso nella squadra di governo di Mitrano per prenderne il posto alla Presidenza era anche il primo dei non eletti nel consiglio comunale di Gaeta, l’ex ufficiale della sezione operativa navale della Guardia di Finanza Luigi Siniscalco (ora si trincera in un polemico “che devo dire?”).

Ma anche il capogruppo in carica Marco Di Vasta ha patito non poco in questi primi due anni e mezzo la circostanza in base alla quale la visibilità politica spettante alla lista d’appartenenza fosse stata monopolizzata dalla presidente del consiglio comunale di Gaeta.

Chi entra?

Cosa succederà ora? I due avvicendamenti in Giunta promessi dal sindaco Mitrano si faranno. Ma con chi? Uno dei due deve riguardare “Azzurri per crescere ancora”, la lista surrogata di Forza Italia che esprime tre consiglieri comunali; a Coscione si affiancano  Gianna Conte (eletta in tandem con l’agente immobiliare di via Indipendenza ma da tempo diventata in ogni dove l’ombra del sindaco di Gaeta) ed il vero candidato a sindaco alle amministrative del 2022, l’imprenditore della riabilitazione psico-fisica Christian Leccese.

Il Consiglio Comunale di Gaeta

Mitrano ha tutto l’interesse a confermare , se non allargare, il perimetro della sua coalizione. Per questo potrebbe nominare in Giunta la prima dei non eletti nella lista di maggioranza. È Michela Di Ciaccio, cugina del vice sindaco. La carica di assessore alle Opere Pubbliche invece potrebbe andare ad Angelo Magliozzi.

Mitrano attendeva le dimissioni di Coscione ed il suo “spostamento” in Giunta (con conseguenti dimissioni dal Consiglio) per poter operare questo recupero. Ma il consigliere comunale e provinciale non gradisce la sistemazione.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright