Indiscreto – Il sindaco indelicato, la t-shirt dell’assistente, dov’era l’auto, e poi…

INDELICATO SINDACO
Frosinone, ufficio del sindaco Nicola Ottaviani: nel pieno delle trattative per la formazione della giunta, il bi primo cittadino del capoluogo è a colloquio con i rappresentanti di due delle forze politiche che l’hanno sostenuto. Sta sistemando le ‘quote rosa’ ma ha difficoltà a far quadrare il cerchio.

«Signori, abbiamo un problema con le donne: dovete darmi una mano».

I due, capiscono subito dove vuole andare a parare. Sta per chiedergli un sacrificio: rinunciare al nome dell’assessore per indicare invece quello di un’assessora.

A bruciapelo gli rispondono: «Nicò, non possiamo esserti utili: sai benissimo che quando abbiamo avuto problemi con le donne siamo noi ad essere venuti da te per farceli risolvere…».

Ottaviani è stato il legale di entrambi nelle rispettive cause di separazione.

Chi sono?

 

ARIA NUOVA IN PROVINCIA
Chi è quel capogruppo che si è appena dotato di una nuova assistente, piacente quanto intelligente ed esperta?

Al fine di esibire subito il nuovo acquisto, l’ha spedita in Provincia con il pretesto di farle aprire le finestre dell’ufficio per arieggiare la stanza.

La voce si è diffusa in un attimo in tutto Palazzo Iacobucci dove hanno fatto la fila per interrogarla.

Il commento di un anziano usciere è stato: «L’ha capito che stanno per far cambiare aria a lui o ancora non gli è entrato in testa?»

 

LA MACCHINA
Che ci faceva l’automobile del presidente del Consiglio Provinciale Luigi Vacana, parcheggiata a notte fonda di fronte all’abitazione di una signora sulla cinquantina, recentemente colpita da disperazione per la fine del proprio matrimonio?

La vettura è stata spostata dopo le 3.30 e prima delle 4 del mattino. C’è chi giura che il conducente avesse la camicia fuori dai calzoni.

 

SEYCHELLES? NO VIGNA
Ha cancellato le vacanze estive, niente crociera e niente località di montagna: pare l’ex vicesindaco di Cassino Michele Nardone sia sempre più in pectore al potentissimo trasvolatore della politica centro italiana Alfredo Pallone. L’intesa tra i due è tale che Nardone avrebbe chiesto all’agenzia di organizzargli un soggiorno a Fiuggi. Non per frequentare le terme. Ma per stare più vicino al Coordinatore regionale di Alternativa Popolare.

Nardone non perderà la sua proverbiale abbronzatura. La notò anche il capogruppo alla Camera Maurizio Lupi quando venne il mese scorso a Frosinone. «Seychelles?» domandò. «No, vigna e lavori in campagna il fine settimana» ha risposto Nardone.
«Anche mio padre faceva lo stesso» lo ha rassicurato Lupi.

 

DAL MARE ALLA COLLINA
L’onorevole, letta la nostra corrispondenza della settimana scorsa (leggi qui) ha garbatamente fatto capire alla di lui assistente che non era il caso di continuare a pubblicare foto che la ritraessero al mare, con il costume che rendeva merito alla fatica fatta dalla mamma per scolpire cotanta grazia.

Lui, nel suo stile senza fronzoli (tranne quando fa i comizi) le ha mostrato il testo ed ha detto «Guarda qui».

Lei ha compreso. Ora ha pubblicato una foto che la ritrae di spalle, su un balcone con vista sulla collina sottostante: indosso una una freschissima t-shirt e… nulla di più.

Se l’invidia fossero voti, alle prossime elezioni diventerà ministro.

 

OTTO MERAVIGLIE PER FABIO
Che ci faceva in trasferta ad Alvito Fabio Tagliaferri già assessore comunale di Frosinone e aspirante a succedere a se stesso nella giunta comunale di Nicola Ottaviani?

Pare che il bi sindaco di Frosinone abbia garantito che la sua nuova giunta sarà l’ottava meraviglia.

Tagliaferri lo ha preso in parola ed è andato all’Ottava Meraviglia per avere qualche anticipazione sui nomi dei nuovi assessori. Invece si è ritrovato nell’omonimo ristorante di Alvito dove gli hanno giurato in tutti i modi che nulla sapevano del costituendo gabinetto del sindaco. Ma gli hanno servito un’eccezionale primo piatto a base di tartufo.

Ps: riferiscono che nella ricerca sia stato accompagnato da una meravigliosa signora che valeva ben più delle otto meraviglie messe insieme.

 

QUADRINI IN CATTEDRA
L’eroico presidente dell’indomita Comunità Montana di Arce (pervicace alla liquidazione) Gianluca Quadrini è salito in cattedra. Non nel suo Partito, dove sta cercando di stemperare in tutti i modi ogni possibile tensione con Mario Abbruzzese. Ma a scuola.

Il Ministero della Pubblica Istruzione si è ricordato che l’ingegner Quadrini Gianluca è nei suoi ranghi, per quanto spesso in permesso a causa di impegni istituzionali. E lo ha mandato a fare il commissario agli esami di Maturità. Destinazione: Sora, Ipsia Nicolucci.

Tra un compito ed un’interrogazione, pare che abbia gettato uno sguardo oltre la finestra, si sia alzato ed abbia iniziato a sbraitare al telefono. «Non me ne frega un ca… entro una settimana voglio che venga decespugliata tutta la Comunità Montana: se viene un’incendio sono ca…».

Un Presidente è per sempre.

 

UNA CICOGNA PER DANILO
Se la sfida per la Camera dei Deputati dovesse risolversi con un duello al sole, il consigliere provinciale e Comunale di Forza Italia Danilo Magliocchetti sarà senza dubbio il vincitore.

Forse al fine di allenarsi, nel pomeriggio di ieri, nonostante i 60 gradi all’ombra, era ad Alatri abbigliato nel modo seguente: pantalone blu con risvolto, camicia di sartoria a righe, cravatta blu e grigio, giacca grigia con al taschino l’immancabile pochette dello stesso colore, tessuto e fattezza della camicia. Il tutto, senza una piega e stiratogli addosso dalla impeccabile signora Magliocchetti prima di lasciarlo uscire di casa.

Con siffatta vestitura, il bi consigliere ha partecipato ad un convegno sulla Vita, senza manifestare la minima sofferenza. A differenza dell’accompagnatore, Riccardo Del Brocco, che sudava per entrambi.

La campagna elettorale per diventare deputato è iniziata. E se sarà un duello al sole, sapete già chi vincerà.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright