«Non sarà Battisti a risolvere il caso del Sacco ma i magistrati»

Continua il confronto a distanza tra Ruspandini e Battisti. Il Senatore: "Il depuratore funziona male da quando è cambiata la gestione"

di Massimo RUSPANDINI – Senatore della Repubblica (FdI)

Sara Battisti continua a giocare su un tema che non conosce, del quale non si è mai occupata e di cui non dovrebbe proprio parlare. (leggi qui Dov’era Ruspandini quando combattevamo gli inquinatori?). A quanto mi risulta al suo nome non è legato un solo risultato per la sua città e la sua provincia.

Ieri ha avuto l’ardire di dichiarare che il depuratore Asi funziona meglio di prima.

Venga a dirlo agli abitanti di Ceccano, dove grazie a migliaia di elettori Pd i suoi “capi” hanno costruito la loro fortuna politica. Glielo venga a dire mentre guardano attoniti montagne di schiuma attraversare la città. Glielo venga a dire durante le notti d’estate nelle quali non si riesce a dormire per gli odori nausebondi del depuratore.

Tutto questo cara Battisti succede dal momento in cui i suoi capi hanno deciso di smarcarsi dalla gestione dei depuratori affidandoli ad una società “in house”.

E visto che mi sfida, cara onorevole Battisti, lo sa perchè è stata costituita questa società? Conosce bene la gara alla quale ha partecipato per avere la gestione degli stessi? Conosce bene anche le regole utilizzate per assumere amministratori e personale? Esclude anche che tra i dipendenti ci siano figli e parenti di vostri amici amministratori del Pd?

Ecco, prima di dilettarsi a scrivere le sue farneticanti osservazioni, si documenti bene. Vedrà ora che non sarà in grado di rispondere a nessuna delle mie domande.


Purtroppo non è da lei e dai suoi amici che ci aspettiamo la soluzione del problema. Ci auspichiamo che quanto prima intervenga l’autorità giudiziaria, assicurando alla giustizia i colpevoli ed individuando forme di gestione corrette di un presidio ambientale strategico ed importantissimo per tutta la nostra martoriata valle del Sacco.

*****

Massimo Ruspandini è senatore della Repubblica. Leader provinciale di Fratelli d’Italia. Ha iniziato il suo percorso nel movimento giovanile del Msi.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright