La Lega dei solisti alla prova del nove in Ciociaria

Fedriga allontana il congresso e ipotesi di ribaltone. Il coordinatore locale Nicola Ottaviani non ha alternative: puntare tutto sulle provinciali di dicembre. E i big cosa faranno? Zicchieri, Gerardi e Rufa non hanno rinunciato alla resa dei conti. Nel mirino ci sono Ottaviani e Ciacciarelli e quest’ultimo sta cercando di blindarsi alle regionali. Insomma, solito caos.

Confronto proficuo con Matteo Salvini e il ministro Giorgetti. La linea della Lega, responsabile e di buonsenso, è utile al Paese. Le proposte al Governo, servono per dare risposte concrete ai cittadini e evitare aumenti di tasse”. È questo il messaggio postato dal Governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga sui propri profili social. Con tanto di foto che lo ritrae con Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti.

Foto Carlo Lannutti / Imagoeconomica

Vuol dire che per adesso non succede nulla. Che non ci sarà alcun congresso e che il Capitano resterà sulla tolda di comando. Se ne riparlerà, semmai, dopo l’elezione del presidente della Repubblica, che a questo punto diventa davvero l’appuntamento decisivo. Da non sbagliare.

Ma tutto questo vuol dire che anche nelle province dell’impero non ci saranno terremoti nella Lega. Questo però non vuol dire che “va tutto bene, madama la marchesa”.

I solisti sul territorio

In provincia di Frosinone la Lega ha ottenuto risultati discreti sia ad Alatri che a Sora, ma sulla base del traino di esponenti come Roberto Addesse e Lino Caschera. La squadra non si è vista molto. Non a livello di impegno, ma di traino della coalizione di centrodestra. Sarà questa la sfida dei prossimi mesi. (Leggi qui I mattatori e gli sconfitti, tutti i numeri del voto a Sora. E qui Il Pd scarica Morini: «È evidente il malcontento». Nemmeno un grazie).

Una sfida che il coordinatore provinciale Nicola Ottaviani dovrà portare avanti da solo, considerando che tutti gli altri sono già impegnati nelle grandi manovre. L’appuntamento sarà quello delle elezioni provinciali, dove votano gli addetti ai lavori, cioè sindaci e consiglieri. Nicola Ottaviani vuole mettere in campo una lista forte, per arrivare primo. E comunque davanti a Fratelli d’Italia nel centrodestra.

Considerando il voto ponderato, la strada è obbligata: ruolo importante a Frosinone e Cassino e poi agli altri centri più grandi. Bisognerà vedere cosa faranno gli altri. Per esempio i parlamentari: Francesco Zicchieri, Francesca GerardiGianfranco Rufa saranno interessati alle Provinciali? Oppure hanno già spostato il tiro su un possibile cambio degli assetti interni? Nel mirino ci sono Nicola Ottaviani e Pasquale Ciacciarelli.

A proposito di Pasquale Ciacciarelli: il consigliere regionale sta cercando di blindarsi per le Regionali. Il che vuol dire che alle Provinciali dovrà dire la sua, dopo avere mostrato la sua forza elettorale su Sora con il risultato di Caschera. Ma non sarà facile trovare spazi nel campo di Ottaviani.

Insomma, il Capitano resta al comando. Ma nella Lega provinciale la resa dei conti è solo rinviata. Forse. (Leggi qui Un congresso per chiedere la testa di Ottaviani).

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright