La passione di Cavallari per il salto degli steccati

"Il progetto a Roma non decolla": Enrico Cavallari studia cosa fare. In Italia Viva sta stretto. Così moltiplica i contatti. Soprattutto a destra

Aò ma che ce stai a ffà là? Scegli l’originale e viè con noi”: la voce esce da uno degli uffici nella Presidenza della Regione Lazio; inconfondibile, tra i collaboratori più stretti del Governatore, più sullo scherzoso che sul serio si rivolge ad Enrico Cavallari. Invece, più sul serio che sullo scherzoso da uno degli uffici della Pisana abitati dal centrodestra gli avevano appena detta: “Enrì, se vuoi tornare a casa la porta nostra è sempre aperta”.

Il disagio di Cavallari

Cavallari, consigliere regionale eletto nella Lega, transitato quasi subito al Misto è da un anno con Italia Viva di Matteo Renzi. Perché stanno bussando tutti a lui? Perché nell’ambiente è noto a tutti che dentro Italia Viva ci stia stretto. Aveva aderito alla nuova formazione renziana perché puntava ad un progetto di centro sui Roma: che però non sta decollando. E meno ancora gli sta lasciando spazi.

Enrico Cavallari – (Foto: Imagoeconomica Stefano Carofei)

Luciano Nobili è l’elemento storico dei renziani nella Capitale, difficile erodergli quote di Partito. Il Dna di Italia Viva è centrista ma con le radici a sinistra, mentre l’elettorato di Cavallari è centrista ma con le origini a destra: stava in amministrazione ai tempi di Gianni Alemanno sindaco. La pandemia non ha agevolato: c’era bisogno di incontrare, dialogare, interpretare. Non c’è stato il tempo e “il progetto è al palo” ha confidato.

In attesa di decidere, Cavallari lavora a 360 gradi: dal contributo e supporto alle iniziative della Regione Lazio, alle attività dei suoi fedelissimi sul territorio con Forza Italia. Anche il capogruppo Pino Simeone gli ha lasciato la porta aperta, ne ha informato il suo coordinatore regionale Claudio Fazzone ma poi il passaggio a destra non è maturato.

Cavallari vuole un progetto: ad Italia Viva lo ha detto. In vista delle prossime Comunali di Roma il Consigliere Regionale vuole mobilitare le sue truppe. Ma in nome di un obiettivo che – ha detto ai più vicini – per ora non vede. (Leggi qui Indietro Tutta: Cavallari e Tidei in fuga da Italia Viva).

Ha chiesto un confronto nel Partito. Altrimenti, ognuno per la sua strada.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright