La patria chiama e la Serie B risponde: il torneo cresce nel segno dei nazionali

Anche la cadetteria è diventata un serbatoio importante delle varie rappresentative. Una conferma dello sviluppo del movimento che sta lanciando tanti giovani. Sono una sessantina i giocatori convocati per gli impegni internazionali. Il Frosinone ha calato il tris: Boloca (Romania), Turati e Moro (Under 21).

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Un campionato sempre più internazionale. E quindi prestigioso, competitivo ed allettante per gli sponsor e tv. Un campionato in viaggio. Anche la Serie B è diventata un importante serbatoio delle Nazionali di tutto il pianeta impegnate nei prossimi giorni tra Uefa Nations League ed amichevoli. Sono una sessantina i giocatori del torneo cadetto ad aver fatto armi e bagagli e lasciato la squadra per rispondere alla chiamata della patria.

Quasi tutti i club hanno i loro alfieri e non fa eccezione il Frosinone che ha calato un tris di tutto rispetto: Boloca chiamato dalla Romania, Turati e Moro nell’Under 21. Tanti i giovani a conferma della vocazione della Serie B che anno dopo anno si conferma fucina di talenti.

La prima volta di Boloca e Moro

Daniel Boloca

“Per me è un sogno che si avvera. Non sono cose che capitano tutti i giorni. Sono davvero felicissimo sia per me che per i miei genitori”. Daniel Boloca, centrocampista classe 1998, ha toccato il cielo con un dito per la prima convocazione con la Nazionale rumena.

Il giusto premio per un ragazzo che fino a 2 anni fa militava in Serie D nel Fossano. Un’altra medaglia per Angelozzi che ha scoperto Daniel, una gratificazione per il Frosinone ed il suo progetto giovani. La Romania sarà in campo nella Nations League il 23 e 26 settembre contro la Finlandia e la Bosnia Erzegovina.

Il portiere Turati

Il portiere Stefano Turati e l’attaccante Luca Moro sono stati convocati dal ct Paolo Nicolato dell’Under 21 per le amichevoli contro Inghilterra e Giappone. La prima si terrà allo stadio “Adriatico-Giovanni Cornacchia” di Pescara giovedì, mentre la seconda lunedì 26 settembre al “Teofilo Patini” di Castel di Sangro.

Turati non è una novità e vanta 3 presenze. Per Moro invece è la prima convocazione ed in tempi non sospetti aveva detto che uno dei suoi obiettivi nell’avventura frusinate era proprio di conquistare l’azzurro in previsione degli Europei del 2023. Un primo passo è stato fatto.

Il colore della Serie B è l’azzurro

L’Under 21 azzurra (Foto courtesy Figc.it)

Non solo Turati e Moro, la cadetteria continua a sfornare giovani interessanti per il ct Nicolato. In tutto sono 7 i giocatori cadetti convocati per le due amichevoli. In 4 sono alla prima chiamata: il portiere Elia Caprile (Bari),i difensori Giorgio Cittadini (Modena), Matteo Ruggeri (Atalanta), Alessandro Circati (Parma) ed appunto Moro.

Gli altri azzurrini che hanno risposto alla chiamata del ct sono come detto Turati, il difensore Simone Canestrelli (Pisa) ed il centrocampista Salvatore Esposito (Spal). “Per noi non saranno delle partite amichevoli -ha sottolineato Nicolato -. Sarà molto importante arrivare agli Europei con il maggior numero di giocatori a disposizione”. Quindi tutto possono sperare di acciuffare la vetrina degli Europei.

Venezia, Pisa, Cagliari, Parma e Spal fanno il pieno

Marin, convocato dalla Romania esulta con i compagni

E’ la formazione lagunare a registrare il maggior numero di convocati: 10 compresi i ragazzi chiamati dalle nazionali giovanili. Si va da Haps del Suriname fino a Bjarkason dell’Islanda. Insomma un bel mappamondo. Otto invece i nazionali del Pisa con ben 3 della Romania (Rus, Moruton e Marin). Sette invece quelli del Parma con la novità Circati nell’Under 21 azzurra.

Cagliari e Spal invece annoverano 6 convocati. Tra i sardi spicca sicuramente il centravanti Lapadula, pilastro del Perù. Mentre nella squadra ferrarese capofila il portiere Berisha dell’Albania, uno degli elementi di esperienza della rappresentativa allenata dal maestro Edy Reja.

Al minimo le capoliste

Rivas della Reggina è stato convocato dall’Honduras

Solo 2 convocati ciascuna per Brescia e Reggina che comandano la classifica. Clotet non avrà Karacic (Australia) e Nuamah (Italia Under 18); Inzaghi invece non potrà contare su Rivas (Honduras) e Fabbian (Under 21). Ma sicuramente i 2 tecnici non saranno troppo dispiaciuti. Avranno infatti l’opportunità di lavorare quasi al completo. Un particolare fondamentale per affinare al meglio i meccanismi considerando che siamo ad inizio stagione.

Tra le squadre di alta classifica anche il Bari è al minimo con soli 2 convocati: il portiere Caprile (Under 21) ed il bomber Cheddira, rivelazione del campionato (5 reti in 6 gare), reclutato dal Marocco che sta preparando i Mondiali.

Un campionato sempre più internazionale.     

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright