La “perla” col Palermo e un lustro da leader: l’ultimo “ciak” di Maiello

Il regista lascia il club giallazzurro e si trasferisce al Bari. Dopo Gori, la società ciociara per un altro pezzo da novanta della sua storia recente. Il centrocampista saluta dopo 179 presenze.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Nessuna rivoluzione è indolore. Ed anche il calcio non fa eccezione. E così nella rifondazione del Frosinone capita che Mirko Gori, ciociaro doc e bandiera giallazzurra con 3 promozioni appuntate sul petto, debba lasciare il club dove è cresciuto e traslocare ad Alessandria oltre 670 chilometri da casa. Capita pure che Raffaele Maiello, il regista delle ultime 4 stagioni, l’uomo del gol-promozione nella finale playoff contro il Palermo, leader in campo e fuori, si trasferisca al Bari per cercare altri successi ed altra gloria.

Nel nome del ringiovanimento della rosa e del contenimento dei costi la rivoluzione del Frosinone prosegue: un altro pezzo importante della sua storia recente ha salutato. Della vecchia guardia ormai sono rimasti solo Ciano e Brighenti. Un’epoca sta finendo.

ADDIO A SORPRESA

Maiello (Foto © Mario Salati)

Almeno fino a qualche giorno fa la partenza di Maiello non era preventivabile anche perché il centrocampista aveva rinnovato il contratto fino al 2023. E poi si era ritagliato un suo spazio come alternativa di Ricci. Fino all’ultimo match a Pisa aveva giocato 13 partite (6 da titolare), realizzando 1 gol.

L’importante offerta del Bari, capolista del girone C di Serie C, ha cambiato le carte in tavola. Una proposta allettante per tutti. Molto probabilmente Maiello non avrebbe accettato di scendere in C se la chiamata non fosse arrivata da una società blasonata come il Bari della famiglia De Laurentiis. La trattativa ha viaggiato velocemente fino alla chiusura in queste ore. Il Frosinone non si è opposto alla cessione nella logica del rinnovamento che sta portando avanti la dirigenza.

Raffaele, 30 anni, si è trasferito in Puglia in prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione in Serie B. Una condizione che a leggere la classifica (i biancorossi sono a +7 dalla seconda) potrebbe concretizzarsi. In questo caso il contratto diventerebbe biennale con opzione fino al 2025. Maiello (ha scelto maglia numero 17) dovrebbe debuttare già domenica sul campo della Paganese.

UOMO-SQUADRA E UOMO-PROMOZIONE

Maiello

Il punto più alto dell’avventura di Maiello al Frosinone è stata sicuramente la finale playoff vinta allo “Stirpe” con il Palermo il 16 giugno del 2018 e la seconda promozione in Serie A dei canarini. Il regista campano è stato uno dei protagonisti, firmando al 7’ della ripresa il gol che ha spianato la strada al Frosinone. Un’autentica perla (tiro di piatto da fuori area sotto l’incrocio dei pali) indimenticabile per i tifosi.

Maiello è arrivato a Frosinone nel luglio 2017. In maglia giallazzurra ha collezionato 179 presenze (7 reti e 17 assist) tra Serie B ed A.

Centrocampista tattico e tecnico, un regista puro, è stato un autentico uomo-squadra, punto di riferimento dello spogliatoio e della tifoseria. Famosa la sua frase d’incitamento per i compagni: “Chi cummanna ca?”. A testimonianza del legame di Maiello con la squadra e la piazza sono state le decine di messaggi di saluto sui social da parte dei tifosi e dei giocatori. Molto bello quello di Ciano, grande amico di Maiello tanto da essere il padrino del figlio. I due hanno condiviso tanti anni di calcio e di vita insieme a partire delle giovanili del Napoli. Ironia della sorte il secondo gol della finale playoff l’ha segnato proprio Ciano. 

LE MOSSE DEL FROSINONE

Il club giallazzurro proverà a sostituire Maiello in queste ultime battute di mercato. Non sarà facile ma non verrà lasciato nulla d’intentato anche perché oltre Ricci non ci sono in organico altri registi di ruolo.

Già col Vicenza ci potrebbe essere un problema considerando che l’ex Spezia è squalificato. Sono circolati i nomi di Ndoj del Brescia, D’Urso del Cittadella e Capezzi della Salernitana. Ma non sono esclusi nomi a sorpresa come ha abituato il direttore Guido Angelozzi. Magari una soluzione straniera.

In quella posizione comunque possono essere adattati Boloca e Lulic.      

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright