La strategia del Centrodestra per arrivare al tris

Nicola Ottaviani lascerà diverse opere da ultimare, ma partiti e coalizioni dovranno indicare i programmi. Finora lo ha fatto solo Vincenzo Iacovissi.

Nella parte finale del suo secondo mandato il sindaco Nicola Ottaviani si è concentrato a costruire le condizioni per il tris del centrodestra al Comune capoluogo, ma anche a lasciare una serie di opere iniziate che rappresenteranno l’anello di congiunzione con le sue Amministrazioni.

La riqualificazione dell’area ex Permaflex è destinata a rivoluzionare la viabilità in ingresso e in uscita dal capoluogo, con effetti sulla strada statale 156 dei Monti Lepini. Un’opera attesa da anni, per la quale finalmente ci sono adesso le condizioni per iniziare i lavori. Poi la riqualificazione del quartiere Scalo ma anche dei Piloni di via De Gasperi e dell’intero centro storico. Un programma amministrativo che vincolerà il suo successore.

Riccardo Mastrangeli con l’ambasciatore dello Sri Lanka

Naturalmente Ottaviani si augura che sia Riccardo Mastrangeli, ma anche se dovessero vincere altri quegli interventi rimangono prioritari e da ultimare. Soltanto pochi mesi fa Nicola Ottaviani ha inaugurato la nuova sede comunale nel palazzo che in passato ha ospitato la sede della Banca d’Italia. Un palazzo di pregio, che dà lustro al Comune e che lo rimette al Centro del capoluogo.

Servono i temi veri

Si tratta di opere vere e realizzate. Forse è arrivato il momento che tutti i candidati a sindaco comincino a parlare di quello che intendono realizzare, ad ogni livello.

Vincenzo Iacovissi, candidato a sindaco del Nuovo Centrosinistra, ha giustamente sottolineato un’evidenza: il capoluogo continua a perdere residenti, più di quattromila negli ultimi venti anni. Ne consegue che bisogna prevedere misure che spingano le persone a trasferirsi a Frosinone. Rendere una città attrattiva significa garantire servizi di qualità, proporre occasioni culturali, incidere sui costi attraverso politiche di defiscalizzazione. In termini più semplici: per decidere di restare a Frosinone le cose devono funzionare, ci deve essere un motivo che la renda diversa dai centri vicini, non deve costare troppi di più.

Nicola Ottaviani con Riccardo Mastrangeli

Non manca tantissimo alle elezioni, circa tre mesi. Coalizioni e partiti sono impegnati a raggiungere accordi politici sicuramente importanti e nessuno sembra preoccuparsi di scrivere un programma fattibile, indicando le risorse e gli obiettivi.

Nicola Ottaviani, che il sindaco lo fa da dieci anni, sta cercando di determinare le condizioni affinché il suo successore questo programma lo abbia. E rappresenti la continuazione di quanto fatto dalla sua giunta.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright