L’autunno caldo delle Comunali di Frosinone

Dopo l’estate clima incandescente per le Comunali di Frosinone. Nel centrodestra tutti sulle... montagne russe. Il fattore candidato

Corrado Trento

Ciociaria Editoriale Oggi

Si aspetta. L’autunno. Sarà quella la stagione dell’inizio delle grandi manovre per la candidatura a sindaco di Frosinone. Sia nel centrodestra che nel centrosinistra. Sarà una partita lunga, che potrebbe finire perfino ai supplementari. O ai rigori. Perché il punto di partenza è sempre lo stesso: Nicola Ottaviani non potrà candidarsi al terzo mandato e questo fatto nel centrodestra riapre i giochi.

La convinzione delle Primarie

Tagliaferri, Piacentini, Magliocchetti e Gagliardi

Il primo cittadino, nel frattempo diventato anche coordinatore provinciale della Lega, insiste lungo la strada di voler celebrare le primarie. Dipenderà da molti fattori, ma soprattutto dai leader regionali di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Se cioè decideranno di aprire una trattativa politica sulla designazione del candidato sindaco di un capoluogo di provincia come Frosinone.

Intanto però nella maggioranza ognuno sta muovendo le proprie pedine. Ad una candidatura a sindaco puntano sicuramente il presidente del consiglio comunale Adriano Piacentini (Forza Italia), il capogruppo della Lega Danilo Magliocchetti, gli assessori Antonio Scaccia e Fabio Tagliaferri. Continua invece a ripetere di non essere interessato alla candidatura a sindaco Riccardo Mastrangeli. Bisognerà vedere pure quali saranno le scelte di Massimiliano Tagliaferri e Carlo Gagliardi. Mentre sul versante del centrosinistra, l’unico nome che continua a rimanere in campo è quello di Mauro Vicano, ex presidente della Saf e già manager della Asl.

L’orientamento civico di Vicano

Vicano sta lavorando ad uno schema di coalizione civica. Certamente con il sostegno anche dei Partiti. Ma in un rapporto alla pari. Rimane da vedere quali e quante saranno le altre proposte che arriveranno dal campo del centrosinistra. A cominciare dalle intenzioni dell’ex sindaco Michele Marini. Poi c’è Stefano Pizzutelli, leader di Frosinone in Comune

Mauro Vicano (Foto: Giornalisti Indipendenti)

In aula consiliare c’è anche il gruppo di Frosinone Indipendente (Fabiana Scasseddu, Marco Mastronardi, Daniele Riggi). Un gruppo che potrebbe assumere decisioni autonome dal resto della coalizione.

Mauro Vicano è in stretto raccordo con il capogruppo del Pd Angelo Pizzutelli. Ed è chiaro che la strategia è quella di provare a intercettare il cosiddetto “consenso trasversale”. C’è un pressing forte sul Polo Civico di Gianfranco Pizzutelli. Peraltro nel centrodestra Fratelli d’Italia ha posto il tema della collocazione del Polo Civico alle prossime elezioni comunali. Domenico Fagiolo ha sottolineato come Gianfranco Pizzutelli sia stato nominato presidente dell’Asp dal Governatore Nicola Zingaretti, uno dei massimi leader nazionali del Partito Democratico.

Pizzutelli ha costantemente ripetuto che le scelte verranno adottate sulla base di considerazioni sui programmi. In ogni caso il punto delle civiche sarà uno dei più importanti. E probabilmente decisivi. Ad una lista civica pensano Mauro Vicano ma pure Fabrizio Cristofari. E anche probabilmente il sindaco Nicola Ottaviani

*

Leggi tutto su

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright