Le ambizioni di Tajani, l’Aventino di Nicola ed il ruolo di Abbruzzese

Antonio Tajani è in piena corsa per il coordinamento nazionale di Forza Italia. Anzi, secondo molti è il favorito. Una nomina di questo genere avrebbe effetti importanti in provincia di Frosinone, dove il consigliere regionale Mario Abbruzzese ha fatto del rapporto diretto con l’europarlamentare il suo punto di forza.

E’ per questo che Abbruzzese non può fallire la due giorni di Fiuggi, in programma l’11 e il 12 settembre prossimi. I segnali arrivati dalle assenze alla riunione del coordinamento provinciale non sono propriamente incoraggianti. Antonello Iannarilli non è andato, così come Silvio Ferraguti, Alessia Savo, Gabriele Picano, Gianluca Quadrini e Vittorio Di Carlo. Una parte della “vecchia guardia” di Forza Italia rimane fondamentale per dare sostanza di presenza e voti. Mario Abbruzzese lo sa, ma un accordo non si vede.

Ma c’è un altro aspetto che va sottolineato. Da mesi in Forza Italia appare defilato il ruolo di Nicola Ottaviani, sindaco di Frosinone. Il quale nei mesi scorsi è stato molto vicino ad Alessandro Cattaneo, il sindaco di Pavia leader dei “formattatori”. Il sogno era quello di un partito affidato ai sindaci, ma la frenata dei fedelissimi di Silvio Berlusconi è stata brusca.

Ottaviani proverà a giocare le sue carte nel caso di elezioni anticipate alla Camera, ma se non otterrà risposte positive il suo percorso è delineato. Con ogni probabilità fuori da Forza Italia. Infatti sta preparando la sua ricandidatura a sindaco (tra un anno e mezzo) nell’ambito di un contesto di liste civiche. Sul modello usato da Caligiore a Ceccano.

Bisognerà vedere come analizzerà l’intera situazione Antonio Tajani. Lo scenario è quello delle elezioni comunali del prossimo anno. Trenta Comuni al voto in provincia di Frosinone, tra i quali Cassino, Sora e Alatri. Forza Italia non ha ancora definito le strategie delle alleanze e rischia di avere esponenti come Antonello Iannarilli che viaggiano per proprio conto. Mine vaganti insomma. Lungo questo percorso potrebbe andare anche Nicola Ottaviani.

Mentre a Sora Forza Italia rischia di essere marginale, visto che Ernesto Tersigni avrà il sostegno di una parte del Pd (quella di Scalia) e del Nuovo Centrodestra. Potrebbe esserci l’opzione Enzo Di Stefano, ma sostenuto da chi?

Se Antonio Tajani è in corsa per la segreteria nazionale del partito non può permettersi un “Vietnam” nel suo territorio. Antonello Iannarilli e Nicola Ottaviani sarebbero due spine nel fianco

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright