Le spine di Ottaviani: Sara Bruni esce dalla Lega

La consigliera si è dichiarata indipendente. Per l’assessorato la lista presenta una “rosa”. Ottaviani freddo. Prova di forza della maggioranza. Via libera al bilancio consolidato: finisce 19-2

Corrado Trento

Ciociaria Editoriale Oggi

Sara Bruni esce dal gruppo della Lega e si dichiara indipendente. Almeno per ora. Ancora fuochi artificiali nella seduta del consiglio comunale. Il Carroccio scende così da 4 a 3 consiglieri. Per quanto concerne Sara Bruni, ha detto di non riconoscersi più nella linea politica del Carroccio, ma ha ringraziato il gruppo consiliare. Secondo alcuni “boatos” ci sarebbero dei contatti con il Polo Civico.

Sempre per quel che riguarda il Polo Civico, i quattro consiglieri erano tutti presenti in aula. E al termine della serata hanno consegnato a Nicola Ottaviani un documento con i nomi dei possibili assessori. Secondo le indiscrezioni, tre le opzioni in prima fascia: Antonello Galassi, Angelo Retrosi e Fulvio Benedetti.

Si tratta di tre “esterni” e il punto è proprio questo. Perché sembra che Nicola Ottaviani abbia lasciato intendere di preferire un “interno”. Vale a dire uno dei quattro consiglieri, tutti eletti nel centrodestra. A questo punto è probabile che ci siano altri incontri. La partita non è chiusa.

Dopo Bruni la prova di forza

Foto © Massimo Scaccia / Giornalisti Indipendenti

Intanto nelle ore scorse c’è stata una prova di forza della maggioranza di centrodestra. Il bilancio consolidato è stato approvato con 19 voti a favore e 2 contrari. Oltre a 2 astenuti.

Nicola Ottaviani ha voluto sottolineare la compattezza del centrodestra, che conta 21 esponenti. E considerando che uno era fuori per lavoro, si capisce bene la tenuta della coalizione. Sul bilancio consolidato il Comune rileva: «A tale riguardo, l’esecutivo ha riconosciuto due distinti elenchi. Nel primo, appaiono gli enti, le aziende e le società che compongono il gruppo Amministrazione Pubblica, evidenziando gli enti, le aziende e le società che, a loro volta, sono a capo di un gruppo di amministrazioni pubbliche o di imprese; nel secondo, gli enti, le aziende e le società componenti del gruppo compresi nel bilancio consolidato (perimetro di consolidamento). Il secondo gruppo, vede al suo interno le società che presentano valori rilevanti di totale dell’attivo, patrimonio netto e totale dei ricavi caratteristici, rispetto ai medesimi valori del bilancio dell’ente. Le società individuate sono la società Saf spa e il Consorzio Asi». (Leggi qui Il “modello Frosinone” che Ottaviani vuole mettere in… Bankitalia).

L’assessore Riccardo Mastrangeli rileva: «L’approvazione di questo ulteriore passaggio amministrativo, riguardante il bilancio consolidato prosegue nella direzione tracciata dall’Amministrazione Ottaviani che, dal 2013, ha messo a punto una efficace azione di risanamento dei conti, continuando, al tempo stesso in una politica oculata degli investimenti. Come noto, infatti, il Comune di Frosinone ha adottato, dal 2013, un oneroso programma di rientro dal debito allo scopo di recuperare il consistente disequilibrio dei conti dell’anno 2012». 

*

Leggi tutto su

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright