Lega, incubo Vietnam a Frosinone: tutti contro tutti. E incazzati neri

FOTO: COPYRIGHT STEFANO STRANI

La battaglia per le provinciali e il predominio nella maggioranza di Ottaviani. Il gruppo consiliare punta sulla Bruni e Gagliardi è scatenato. Il sindaco non può fallire su Campioni. Mentre Gianfranco Pizzutelli ha tutto da guadagnare e nulla da perdere sostenendo Guglielmi.

Si conteranno senza neppure guardarsi in faccia. Come se non si conoscessero. La posta in palio non è soltanto stabilire chi “pesa” di più alle provinciali, ma chi può definirsi l’azionista di maggioranza della coalizione di centrodestra al Comune di Frosinone, sia in vista della futura candidatura a sindaco che degli equilibri attuali. E si conteranno all’interno della lista della Lega, dove sono candidati tre consiglieri comunali di Frosinone.

Il primo è quello del gruppo consiliare e del coordinatore cittadino Domenico Fagiolo, fedelissimo di Francesco Zicchieri. Si tratta dell’avvocato Sara Bruni, un anno e mezzo fa eletta nella lista Frosinone Capoluogo, quella che faceva riferimento a Riccardo Mastrangeli. Con la Bruni ci sono i 5 consiglieri di Frosinone, ma anche esponenti di altri Comuni. Non c’è alternativa: deve arrivare prima ed essere eletta al consiglio provinciale. Particolarmente attivo il consigliere Carlo Gagliardi, eletto in Cuori Italiani e referente di un’area importante. Bisogna ricordare che con Gagliardi ci sono pure Maria Rosaria Rotondi e Gianpiero Fabrizi. Quest’ultimo è da sempre considerato un fedelissimo del sindaco Nicola Ottaviani, ma il gruppo della Lega non vuole “scherzi”. Il candidato di riferimento è Sara Bruni.

Quello di Nicola Ottaviani (da poco passato nel Carroccio) è Andrea Campioni, eletto proprio nella lista civica del Sindaco. Della quale fanno parte altri due consiglieri. Ma il primo cittadino confida pure in altri esponenti di maggioranza, non leghisti: Adriano Piacentini, Thaira Mangiapelo, Marco Ferrara. Certamente però il sindaco di Frosinone non può permettersi la mancata elezione a consigliere provinciale di un esponente della sua civica.

Più tranquilla la situazione di Igino Guglielmi, consigliere comunale di punta del Polo Civico di Gianfranco Pizzutelli. Lui è candidato nelle file della Lega come indipendente. Il Polo Civico ha tutto da guadagnare e nulla da perdere. Può contare su 6 o 7 voti ponderati a Frosinone, per il resto se la giocherà anche negli altri Comuni. Dove esprime peraltro consiglieri, come ad Anagni, Fiuggi e Boville Ernica. Se Guglielmi sarà eletto consigliere provinciale, Gianfranco Pizzutelli potrà far pesare questo elemento nel confronto con la Lega. In caso contrario,  comunque vada, se riuscirà ad ottenere 6 o 7 voti ponderati a Frosinone, sarà evidente che il Polo Civico è l’azionista di maggioranza… della maggioranza. E non mancherà di far “pesare” questa circostanza.

Nel breve e medio periodo. Ma pure nel lungo.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright