Lucarelli ed il doppio gioco per la candidatura

Su due tavoli nello stesso momento. Per avere più possibilità di arrivare alla candidatura a sindaco di Sora. Stefano Lucarelli partecipava alle riunioni del Pd. Ma già si incontrava con Leu. Il gioco, scoperto grazie ad una telefonata del Segretario di Leu che correttamente informava il suo collega del Pd. Ma Fantini ed i Dem erano all'oscuro di tutto. ecco la ricostruzione

Qualcuno ha giocato sporco nel centrosinistra. Sedendo allo stesso tempo su due tavoli per avere il doppio delle possibilità di arrivare alla candidatura a sindaco di Sora. C’è qualcosa che non quadra nelle riunioni del centrosinistra avvenute fino alla settimana scorsa. Eppure i due commissari Stefania Martini ed Adamo Pantano hanno svolto un lavoro da manuale: riaggregando tutti i pezzi del Pd, tenendo insieme le varie sensibilità, riportando all’interno del recinto fissato dallo Statuto ogni possibile deviazione. Nel momento in cui occorre, non fa mancare il suo appoggio direttamente il Segretario provinciale Luca Fantini.

Stefano Lucarelli

Il segnale che qualcosa di anomalo ci sia sotto sta in un episodio preciso: l’ex assessore Stefano Lucarelli non ha rinnovato la tessera del Pd ed ha avviato suoi contatti con le altre forze di sinistra per valutare se ci siano le condizioni per scendere in campo sostenuto da loro. Perché ritiene che ormai sia stato tutto deciso in favore della candidatura della capogruppo uscente Maria Paola D’Orazio. (Leggi qui Polveriera Pd, Lucarelli rompe sul candidato).

È a quel punto che salta fuori il gioco sporco, il doppio tavolo, all’insaputa l’uno dell’altro.

Le date

La questione è stata affrontata nelle ore scorse in una riunione ristretta convocata dal Segretario Luca Fantini per fare chiarezza.

Per capire cosa è accaduto a Sora occorre mettere in fila una serie di date. Eccole.

12 gennaio 2021

Luca Fantini affida ai dirigenti provinciali Stefania Martini e Adamo Pantano il compito di riorganizzare la sezione di Sora, nella quale il Segretario e la Direzione si sono dimessi di fronte alle divisioni sulla strada da percorrere per arrivare alle elezioni comunali.

31 gennaio 2021

I due commissari relazionano al Segretario Provinciale: hanno già riunito più volte, in modalità telematica, i dirigenti Dem comunali; hanno coinvolto tutte le sensibilità ed iniziato a riallacciare i fili del dialogo interno. C’è una fisiologica fase di chiarimento ma tutti partecipano e questo rappresenta un segnale positivo.

Stefania Martini
Febbraio 2021

Inizia nella massima discrezione una presa di contatti con il Movimento 5 Stelle, sulla base della linea indicata a livello nazionale da Nicola Zingaretti. Il Pd registra una disponibilità pentastellata al confronto: si basa sul reciproco riconoscimento e sull’assenza di pregiudiziali. Si inizia a valutare la possibilità di una convergenza sui programmi.

Marzo 2021

Le riunioni in casa Dem si susseguono, continuano a non esserci defezioni e sono sempre presenti tutte le sensibilità. Proseguono gli incontri con il M5S. Il Segretario provinciale avvia un giro preliminare di consultazioni con i Segretari provinciali dei Partiti del centrosinistra ponendo una serie di questioni e tra queste le alleanze elettorali: spiana così la strada ai dialoghi su scala locale.

21 Aprile 2021

Adamo Pantano e Stefania Martini, seppure tra mille difficoltà, sono riusciti a ricostruire un’unità; fatta di tante voci, come è normale in politica. Hanno stabilito contatti con M5S e gli altri Partiti del centrosinistra. Arriva il momento di parlare del candidato sindaco. Durante una riunione al Valentino chiedono se ci sono disponibilità interne, innanzitutto per le candidature come Consigliere comunale; poi si parlerà del sindaco. Forniscono la disponibilità a candidarsi in Consiglio la capogruppo comunale Maria Paola D’Orazio e l’ex assessore Stefano Lucarelli. Quest’ultimo non nasconde i suoi timori, legati al maggiore dinamismo interno della capogruppo: ha interlocuzioni con ogni livello del Partito e questo potrebbe avvantaggiarla. Lo rassicura direttamente il Segretario Fantini: “Quello che accadrà a Sora non lo deciderai né tu né Maria Paola D’Orazio. Lo deciderà il Partito”. 

La telefonata rivelatrice

Gaetano Ambrosiano

Durante la riunione ristretta che si è tenuta nelle ore scorse è emerso che a far scattare il segnale d’allarme nel Segretario Luca Fantini è stata una telefonata. Gliel’ha fatta il Segretario provinciale di Leu, Gaetano Ambrosiano. Gli ipotizza uno step ulteriore su Sora proponendo come candidato sindaco Stefano Lucarelli. Fantini risponde più o meno “Si penso che da noi si candideranno sia lui che D’Orazio, se non ci sarà una sintesi faremo le primarie. Saranno allargate alla coalizione e se volete appoggiarlo, va bene”.

La doccia gelata arriva quando si sente rispondere “No, Lucarelli è nostro. Se volete siete voi del Pd che dovete convergere su di lui

Dire che Luca Fantini sia basito non rende l’idea. “Vostro? Ma è un nostro iscritto! Partecipa da mesi a tutte le riunioni dei dirigenti Pd”. Il suo collega di Leu gli rivela: “No guarda Luca, Lucarelli sta con noi da circa un mese”. L’imbarazzo è palpabile. Fantini incassa e dice: “Ok, mi stai proponendo allora un vostro candidato per le primrie di coalizione?”. Peggio ancora. Ambrosiano dice in sostanza: “No, ti sto proponendo di far convergere il Pd su di noi”. Luca Fantini, con diplomazia, evita di ricordare al collega che il Pd è un Partito al 20% mentre Leu non proprio altrettanto.

La mossa studiata

È così che nelle ore scorse i vertici Dem hanno rimesso insieme altri pezzi del puzzle. Si deve partire da una data precisa che è quella del 21 aprile e la riunione al Valentino in cui Maria Paola D’Orazio e Stefano Lucarelli danno la loro disponibilità a candidarsi. Ecco cosa accade subito dopo quella doppia disponibilità.

25 aprile

Leu / Art.1 nomina due commissari per costituire la sezione comunale di Sora. Sono Floriana Porretta e Rocco Carnevale. le informazioni interne assicurano che la signora Porretta è politicamente vicina e Lucarelli; Carnevale è compare di Lucarelli.

29 aprile

Leu / Art.1 e Azione di Carlo Calenda inviano alla Stampa un comunicato con il quale annunciano di avere raggiunto un accordo politico di mutua consultazione e reciproca assistenza in vista delle elezioni Comunali di Sora.

Maria Paola D’Orazio
30 aprile

Al Valentino si chiude la campagna di tesseramento del Pd. Stefano Lucarelli non si presenta e non rinnova la sua tessera.

4 o 5 maggio

Al municipio di Sora si incontrano il sindaco Roberto De Donatis, il suo ex assessore Stefano Lucarelli ed il Segretario provinciale di Art.1 Gaetano Ambrosiano.

7 maggio

Lucarelli non ha ancora informato il Pd della sua decisione. Incontra a Frosinone Luca Fantini e gli comunica di non avere rinnovato la tessera Dem perché è sicuro che il partito alla fine sosterrà Maria Paola D’Orazio. Non sa che Fantini il 7 maggio ha già ricevuto, correttamente, la telefonata di Gaetano Ambrosiano che gli comunica la nuova posizione di Lucarelli. Scorrendo la timeline su Facebook si scopre che al 16 aprile, sul profilo di Lucarelli c’è la foto dio un incontro tra lui e gli esponenti regionali di Leu / Art.1

Giurano che gli strilli, dall’ufficio del Segretario, fossero comprensibili in maniera nitida anche dentro il vicino Parco Matusa.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright