Luigi Russo: «De Angelis sta mentendo, eccovi le prove»

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random&return_javascript=1′]

 

«Francesco De Angelis sta mentendo, sapendo di mentire»: Luigi Russo è un politico di lungo corso. Ha attraversato la Prima e la Seconda Repubblica, mantenendo intatto il peso delle sue preferenze. Socialdemocratico di ferro, conosce tutti i più nascosti recessi della politica e le sue trappole. Per questo, Francesco Scalia gli preparò una stanza a palazzo Iacobucci negli anni in cui governava la Provincia e gli fece fare il Direttore generale dell’Ente.

Nella battaglia per il Comune di Cassino si è schierato al fianco di Giuseppe Golini Petrarcone. E ora dice che sono false le dichiarazioni fatte nel pomeriggio da Francesco De Angelis sul suo sito, dove l’ex parlamentare Ue del Pd ha scritto «Il centrosinistra è mancato a Cassino e non in provincia di Frosinone e le responsabilità di questo fallimento stanno tutte nella città martire. Toccava al sindaco uscente, nei cinque anni di consiliatura, lavorare per costruire, unire, consolidare e valorizzare la coalizione di centrosinistra, ma così non è stato e le conseguenze non potevano che palesarsi proprio così come è accaduto». (leggi qui le dichiarazioni di De Angelis)

Russo smentisce e rivela: «caro Francesco De Angelis, durante il ballottaggio te ne sei andato in Cina! Al tuo rientro, tre giorni prima del voto, ti sei rinchiuso a Sabaudia. Non mi hai mai risposto né al telefono né ai messaggi! Volevo chiederti di favorire un incontro tra Petrarcone e Francesco Mosillo per un tentare accordo tra i due. Evidentemente non ne avevi interesse! Di ciò mi è testimone, bontà sua, il “povero” Simone Costanzo!».

Russo è tra quelli, come Marino Fardelli, convinti che la vittoria elettorale di Petrarcone a Cassino sia stata barattata dai vertici provinciali del Pd (leggi qui le accuse di Fardelli). Russo dice: «Francesco, stai zitto che è meglio! E ti conviene anche! Già ti sei incontrato con Abbruzzese per i nuovi assetti al Cosilam?».

Le dichiarazioni di Francesco De Angelis hanno attizzato ancora di più il fuoco delle polemiche. Michele Giannì, giornalista di SkyTg24 e iscritto al circolo di Cassino rivela: «Visto che nessuno a Frosinone si vuole assumere le responsabilità della sconfitta di Cassino parliamo di un argomento di cui nessuno ma proprio nessuno vuole parlare: il congresso del PD di Cassino dalle cui urne sono saltate fuori 50 schede in più che ne hanno falsato il risultato. Un congresso che, se fosse stato annullato per brogli, non avrebbe alimentato candidature che hanno diviso il centrosinistra. Invece quel congresso con quei brogli è stato considerato valido calpestando ogni certezza di legalità e correttezza nel partito. Perché nessuno dei vertici di Frosinone vuole affrontare l’argomento? Di cosa avete paura? Perché tanta omertà sulla pietra dello scandalo? Paura di metterci la faccia? A Frosinone, l’unica cosa che interessa è mantenere il “feudo” di Cassino per attingere tesserati per le loro correnti o voti per farsi eleggere loro e i loro figliocci. Fuori da Cassino. La pacchia è finita… bella gente».

Maurizio Ghini responsabile del settore Commercio di ConfimpreseItalia attacca: «Francesco De Angelis dopo aver lavorato per dividere con grande successo, tira in ballo Enrico Berlinguer… Senza vergogna… È una vita che fa accordi a destra e sinistra solo per trovare spazi di potere! E a Cassino ha ottenuto il suo scopo…»

L’avvocato Orazio Picano si domanda «Ma De Angelis in quale provincia vive quando dice che il centrosinistra ha “funzionato nel resto della provincia “? Ma i risultati elettorali degli ultimi tre anni li legge al contrario?»

E l’imprenditore Salvatore Faggiunge: «Io credo, caro Francesco, che tu sia molto più responsabile sia di Francesco Scalia che di Antonio Pompeo. Scalia ha cercato comunque di aiutare Peppino, forse anche per contrapposizione al tuo candidato, tu hai approfittato della buona fede di tutti noi. Hai ragione tu però, bisogna smetterla con le polemiche, bisogna far sì che si voti il “si” Al referendum, però ti garantisco, che Cassino sta reagendo, e troverà la unica via, quella di una buona sinistra, e quella è lontana da te!!».

Come a dire, Francesco stai sereno.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright