L’ultimatum è per Abbruzzese

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random’]

 

Parlano a suocera perché ad intendere sia la nuora, che ha l’aspetto di Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia.

Da Frosinone arriva una richiesta chiara: “Basta ambiguità e pasticci”.

Il percorso tracciato è semplice: rottura immediata con il Nuovo Centrodestra di Alfredo Pallone, anche a costo di mettere a rischio la consiliatura a Frosinone. Facendo emergere da subito chi sta con il Pd e con il centrosinistra prestandosi al ruolo di “cavallo di Troia” della maggioranza.

La nomina di Luca Sellari all’Asi non è più rappresentativa di Forza Italia (leggi qui il precedente), ma la domanda che i consiglieri si fanno è: “Perché Abbruzzese, prima ancora di Ottaviani, non lo dice?”.

La conseguenza politica è abbastanza scontata: “Basta sostegno ad Antonio Pompeo alla Provincia”.

Nicola Ottaviani è ad un bivio: può andare avanti in questo modo senza assumere decisioni definitive, correndo il rischio però che pezzi della maggioranza lo abbandonino nei prossimi mesi. Oppure può prendere in mano la situazione e guidare all’interno di Forza Italia quelli che non ce la fanno più a stare a rimorchio del centrosinistra e di personaggi in cera perenne di autori.

1 commento

I commenti sono chiusi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright