M5S annuncia l’appoggio a Marzi: chi c’è dietro all’intesa

Il M5S annuncia l'appoggio a Domenico Marzi. La lunga trattativa seguita dalla Segreteria Nazionale Dem. Il ruolo di Astorre. E quello di Ilaria Fontana. Il dialogo Zingaretti - Lombardi. Frosinone torna laboratorio politico.

Il Nazareno ha voluto essere aggiornato giorno per giorno: le elezioni Comunali di Frosinone tornano ad essere un laboratorio politico nazionale. Esattamente come fu con la nascita dell’Ulivo e poi con la creazione del Partito Democratico: in entrambi i casi le urne del capoluogo ciociaro furono usate come test. È per questo che la Segreteria Nazionale Pd ha voluto essere aggiornata in modo costante sui progressi nel dialogo con il Movimento 5 Stelle. Fino ad oggi pomeriggio quando è stato annunciato l’accordo: M5S scende in campo con il polo progressista supportando la candidatura di Domenico Marzi a sindaco di Frosinone.

Laboratorio politico

Bruno Astorre

A tessere la tela dell’intesa con pazienza sono stati il Segretario regionale Bruno Astorre con il Sottosegretario pentastellato alla Transizione Ecologica Ilaria Fontana; in Regione Lazio hanno lavorato allo sviluppo del progetto il Governatore (ed ex Segretario nazionale) Nicola Zingaretti e l’assessore (ed ex capogruppo a Montecitorio) Roberta Lombardi.

Frosinone è la prima a realizzare il Campo Largo voluto dal Segretario Enrico Letta. Tranne Azione (la formazione di Carlo Calenda non partecipa a coalizioni con i grillini) ci sono tutti i protagonisti del Centrosinistra sul modello del Governo regionale: dal Pd ad Articolo 1, dai renziani di Italia Viva ai cattolici democratici di Demos, fino al Movimento 5 Stelle. (leggi qui Frosinone, la coalizione di Marzi non è completa ).

Che si fosse alle battute finali lo si era intuito domenica durante la sfilata dei carri allegorici a Pontecorvo. Lì si è sviluppato un dialogo fitto durato tre ore tra Mauro Buschini (coordinatore della maggioranza Zingaretti) e Valentina Corrado (assessore regionale del M5S). A distanza di poche ore da quel lungo confronto, ieri mattina è arrivato a Domenico Marzi il documento con i punti programmatici del MoVimento: nulla di insormontabile, quasi tutto coincidente con il programma del sindaco.

Così oggi si è arrivati all’ufficializzazione dell’intesa.

I punti cardine del M5S

Ilaria Fontana

Il Movimento 5 stelle ha indicato una serie di punti cardine. All’avvocato Marzi è stato spiegato «riteniamo fondamentale che la futura attività dell’amministrazione comunale sia incentrata sulla tutela ambientale del territorio in ottica di transizione ecologica, sulla valorizzazione dei beni comuni e sulla massima tutela e attenzione per tutte le fasce più fragili. Siamo convinti che la sostenibilità sociale insieme a quella economica e ambientale, siano il volano dello sviluppo del territorio».

Per Domenico Marzi siamo di fronte ad «una opportunità storica: quella di far ripartire questa città. Sono assolutamente felice, in tal senso, del sostegno del Movimento Cinque Stelle. Una convergenza programmatica, per una Frosinone che torni ad essere protagonista. Un mix ideale affinché Frosinone torni a correre. Non c’è più tempo da perdere»”.

Sul territorio, a quell’accordo hanno lavorato a lungo il Segretario provinciale Pd Luca Fantini ed il leader del Partito Francesco De Angelis. Per loro «Il sostegno del Movimento Cinque Stelle alla candidatura di Domenico Marzi rappresenta il coronamento del processo di costruzione del campo largo per Frosinone».

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright