Ma tu vuoi vedere che ci hanno fatto fessi…

Senza ricevuta di ritorno. La raccomandata del direttore su un fatto del giorno. Hanno tagliato 350 Parlamentari dicendo che avremmo risparmiato. Strano: i soldi assegnati alle Camere sono rimasti gli stessi, pure con deputati e senatori in meno

Clicca qui per ascoltare

Fermatevi per un attimo, liberate la mente e preparatevi a cercare tra i ricordi. Come vi siete sentiti quando avete fatto una lunga marcia per raggiungere qualcosa e poi, una volta arrivati, avete scoperto che all’arrivo c’era nulla: né un premio, né la folla ad incitare, nemmeno il nastro da tagliare al traguardo.

È una sensazione che impariamo a conoscere fin da quando eravamo bambini. E per tenerci buoni ci promettevano qualcosa. E noi fermi, immobili, silenziosi… per scoprire alla fine che il premio non esisteva.

Crescendo è peggio. Non c’è solo delusione. Ma anche amarezza ed una certa rabbia. Perché crescendo impariamo a capire che forse qualcuno ha approfittato di noi, facendoci credere cose che non erano vere; promettendoci cose false; illudendoci. Per raggiungere, in realtà, il loro scopo.

Ecco, ora che avete ben chiara la sensazione pensate al taglio dei 350 parlamentari voluto con forza dal Movimento 5 Stelle. E condiviso praticamente da tutti gli altri Partiti solo perché non hanno avuto il coraggio di dire che era una scemenza

Voi direte: alla fine, hanno segato il ramo su cui erano seduti, peggio per loro.

Si, ma non è tutto. Perché a leggere i numeri oggi si scopre che la Camera dei Deputati continuerà a percepire 943 milioni di euro anche nel 2023 e nel 2024, esattamente come nel 2022. Strano: ci avevano detto che tagliare i parlamentari avrebbe comportato un risparmio.

Loro avranno segato il ramo, noi forse ci siamo tagliati altro, visto che ci siamo tolti quelli che dovevano rappresentarci lì dove si decide.

Senza Ricevuta di Ritorno.

Post Scriptum: e comunque… noi ve lo avevamo detto (Leggi qui: Quelli che si tagliano le palle e sono pure contenti).

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright