Mai dire Qatar, evviva il campionato degli italiani

La Serie B sfida i Mondiali e da sabato riprenderà la sua corsa fino al “boxing day” del 26 dicembre. Sessanta partite che, nelle intenzioni del presidente Balata, dovrebbero rappresentare un’opportunità di visibilità per il torneo. Si ripartirà dall’exploit della capolista Frosinone che domenica affronterà in casa il Cagliari nel big-match di giornata

Alessandro Salines

Lo sport come passione

E’ la grande sfida della Serie B, E’ la sfida del presidente Mauro Balata e dei 20 club. E’ la sfida delle varie tifoserie che sui social stanno coniando slogan di ogni tipo per richiamare al senso d’appartenenza verso la squadra del cuore e ad un calcio vecchio stampo. E’ la sfida pure delle tv che hanno dato massima fiducia all’ormai famoso “campionato degli italiani” malgrado le partite della rassegna iridata. La Serie B insomma sfida il Mondiale del Qatar: sembra una boutade ma non è così. I cadetti non lasciano tutta la ribalta a Messi, Neymar, Mbappé e CR7. Da sabato cercheranno di consolare ed infiammare gli appassionati italiani delusi dall’assenza degli azzurri in Qatar.

Sessanta partite, 6 giornate, una corsa a perdifiato fino al “boxing day” del 26 dicembre, quando sarà in programma l’ultima d’andata. Si giocherà anche di domenica proprio per riempire il vuoto lasciato dalla Serie A.

La scommessa di Balata

Mauro Balata (Foto: Canio Romaniello / Imagoeconomica)

La decisione di non fermare il campionato è stata presa a maggio scorso dall’assemblea di Lega. Ciò determinerà un minor numero di turni infrasettimanali ma soprattutto “sarà un’opportunità di visibilità del torneo”, ha detto il presidente Mauro Balata. Si tratta comunque di una scommessa, le incognite non mancano e solo a partire da sabato si potrà capire numeri alla mano se la scelta sia stata giusta. Tuttavia l’assenza dell’Italia dai Mondiali dovrebbe giocare a favore.

Tra l’altro la Serie B viene esportata in ben 52 Paesi di 5 continenti grazie alla trasmissione tv delle dirette delle 10 gare. E proprio in queste ore la copertura televisiva è diventata più ampia: Rai Italia ha acquistato gli highlights di tutte le partite che manderà in onda il martedì con un potenziale pubblico di 6 milioni di italiani. Quindi anche la ribalta internazionale rappresenterà un test per valutare la Serie B in campo malgrado i Mondiali.

Aumenta la copertura televisiva sulla Serie B

“Abbiamo pensato ai tanti tifosi delle nostre squadre sparsi in tutto il mondo  quando abbiamo deciso di portare la B fuori dai confini – ha spiegato Balata E’ anche un modo per valorizzare e rilanciare il movimento calcistico italiano, che possiede ancora una qualità molto importante, e far conoscere i nostri giocatori anche in altri mercati”

Riflettori puntati sul Frosinone

Il centrocampista Rohden

Dopo la sosta dello scorso week-end, dunque, si ripartirà sabato e domenica con la quattordicesima giornata d’andata. Si ripartirà dalla lanciatissima capolista Frosinone (+5 punti sulla seconda Reggina e +7 sulla terza Genoa) che ha vinto le ultime 6 partite. Si ripartirà da un Frosinone-Cagliari (domenica alle 15) di altissimo profilo: i giallazzurri hanno vinto in casa tutte e 6 le partite senza subire reti (record europeo da dividere col Barcellona); i sardi vogliono rilanciarsi (non vincono da 4 turni) e riaprire in un certo senso il campionato.

Ma non solo Frosinone-Cagliari. Sarà una 2 giorni interessante a cominciare dagli anticipi Parma-Modena, un derby molto sentito, e Pisa-Ternana con i nerazzurri in forte ripresa (13 punti) dopo il ritorno del tecnico Luca D’Angelo e gli umbri in frenata (3 pareggi consecutivi).

Fabio Cannavaro domenica sfiderà l’altro campione del mondo Pippo Inzaghi

La domenica si aprirà con il lunch-match delle 12.30 tra Reggina-Benevento, ovvero 2 campioni del mondo contro, Pippo Inzaghi e Fabio Cannavaro. Poi alle 15 il Genoa sarà di scena in casa del fanalino di coda Perugia per non perdere ulteriore terreno sul primo posto. Cittadella-Cosenza, Como-Bari e Sudtirol-Ascoli saranno sfide molto tirate come anche Palermo-Venezia che alle 18 chiuderà la quattordicesima giornata.

Tre illustri assenti

Walid Cheddira, impegnato ai Mondiali con il Marocco (Foto © Mario Salati / Alessioporcu.it)

I Mondiali comunque toglieranno alla Serie B 3 protagonisti, pezzi da novanta, impegnati con le rispettive nazionali. Si tratta del marocchino Walid Cheddira del Bari, capocannoniere del campionato con 9 gol, dell’australiano Fran Karacic del Brescia e del polacco Kamil Glik del Benevento. Il Marocco (gruppo F) sarà in campo mercoledì contro la Croazia. L’Australia (gruppo D) e la Polonia (gruppo C) invece, giocheranno martedì: la prima dinanzi ai campioni del mondo in carica della Francia mentre la seconda sfiderà il Messico.

Kamil Glik sarà uno dei difensori della Polonia in Qatar

Per Bari, Brescia e Benevento saranno assenze pesanti. Sono 3 titolari, pedine importanti, e non sarà facile sostituirli. Cheddira soprattutto è stato uno trascinatori dei pugliesi che hanno disputato un ottimo primo scorcio di stagione. Ma non sono da meno i difensori Karacic e Glik. Il terzetto di sicuro salterà almeno 2 gare.

La grande sfida della Serie B.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright