Maria contro Virginia: «Difende con i denti un esponente della casta romana»

Maria contro Virginia. E’ tutto al femminile lo scontro che coinvolge il senatore frusinate Maria Spilabotte e la sindaca di Roma Virginia Raggi.

La senatrice, appena finito di leggere Repubblica, scopre che Raffaele Marra, attuale capo del personale del Comune di Roma e già capo di gabinetto della sindaca Raggi, deve la sua sfolgorante carriera ad una promozione facile ai tempi della giunta di Renata Polverini in Regione Lazio.

«Allora – scrive Maria Spilabotte – fu preferito a chi aveva molti più titoli per svolgere il ruolo di capo della direzione regionale organizzazione del personale. Non solo, secondo L’Espresso.it, quando era direttore del Patrimonio e della Casa del Campidoglio in quota Alemanno, comprò con uno sconto di quasi mezzo milione di euro sui prezzi di mercato un attico di lusso dal gruppo di Sergio Scarpellini, definito da Grillo un ‘evasore’. La prima cittadina a Cinque Stelle della Capitale sta dunque difendendo con le unghie e con i denti un esponente della destra romana che ha fatto affari con l’immobiliarista della ‘casta’ e che ha costruito la sua carriera in modo quanto meno dubbio. Alla faccia della diversità, del cambiamento e dell’uno vale uno. Bel colpo, sindaca Raggi».

.
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright