Mille candidati per 23 posti, i concorsi al Comune fanno il botto

Centinaia di domande protocollate ogni giorno per un mega bando che per la Municipale non avveniva dal 1984. Le selezioni in autunno a Roma: a Cassino non c'è spazio. Enzo Salera si gode il clima di rivoluzione. E la ciliegina dell'Anci che premia 'Cassino Risponde'.

Massimo Gentile
Massimo Gentile

Sao ko kelle terre...

Superata quota mille. Arrivano a centinaia, ogni giorno, le domande per partecipare ai concorsi indetti dal Comune di Cassino. Comune che entro la fine dell’anno si appresta a fare ben 23 nuove assunzioni. Le domande possono essere presentate fino al 27 agosto e si stima che alla fine possano essere circa duemila i partecipanti.

per questo motivo il Comune ha già prenotato una mega palestra nella Capitale. In città non ci sarebbero gli spazi sufficienti per ospitare tutti i candidati. A maggior ragione dato che, in considerazione delle norme anti-Covid, deve essere garantito il distanziamento sociale per questo servono ampi locali.

Le prove in autunno a Roma

Foto © Imagoeconomica / Livio Anticoli

Per questo motivo le prove si svolgeranno in autunno a Roma. I concorsi sono indetti per: due collaboratori tecnici specializzati categoria B3. Due collaboratori amministrativi categoria B3. Tre istruttori contabili amministrativi categoria C1. Sei agenti di polizia locale categoria C1. Cinque istruttori tecnici/geometra categoria C1. Quattro istruttori direttivi amministrativi contabili categoria D1 e un istruttore direttivo di vigilanza categoria D1.

Il maggior numero di domande finora pervenute riguarda la polizia locale. Sono in centinaia a sognare un posto da vigile urbano.

Il dubbio della patente

Una pattuglia della Polizia Locale di Cassino

Sul concorso pesa però la spada di Damocle dell’opposizione. Con il consigliere della Lega Franco Evangelista che evidenzia la discriminante per gli under 24.

Perché prima di quella età, per legge, non può conseguire la patente A. È la patente che consente di guidare le moto di grossa cilindrata: proprio quelle che potrebbero essere date in dotazione anche alla Polizia Locale di Cassino.

Infatti, il Nuovo Codice della Strada prevede che si possa conseguire un primo patentino (A1) all’età di 16 anni e consente di guidare solo alcuni mezzi; la patente A2 all’età di 18 anni e consente la guida di auto e moto fino ad una certa cilindrata. A 24 anni si può conseguire la patente A3, senza limiti di cilindrata (il limite di età può scendere a 20 anni, a patto di essere titolari di patente A2 da almeno 2 anni).

È un dettaglio che sta creando un po’ di bagarre politica perchè gli under 24 pur avendo a quell’età il diploma (altro requisito richiesto) non possono avere la patente A e dunque si restringe la platea

Il sindaco Salera si dice però convinto di andare avanti. Perché anche nei bandi precedenti il requisito richiesto per il concorso dei vigili era la patente A.

Quindi con orgoglio sottolinea: «Dal 1984 non si espletavano concorsi per vigili a tempo indeterminato. Oggi, dopo 36 anni, abbiamo indetto i concorsi non solo per vigili urbani. Anche per personale amministrativo, contabile e tecnico. Concorsi che andranno a rafforzare la macchina amministrativa del Comune di Cassino».

L’Anci premia e Maccaro gongola

L’ASSESSORE LUIGI MACCARO

E il primo cittadino annuncia poi un importante riconoscimento arrivato oggi dall’Anci, l’Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia Ha segnalato il servizio “Cassino Risponde” come uno dei migliori progetti sviluppatosi in Italia durante il lockdown.

L’assessore alla coesione sociale Luigi Maccaro non nasconde la soddisfazione. «Essere citati nel Dossier Anci è motivo di orgoglio per tutta l’Amministrazione comunale. Per questo vogliamo ringraziare gli oltre 80 volontari coinvolti, gli assistenti sociali e tutto il personale dell’Assessorato. Poi i Consiglieri e gli Assessori che sono venuti a dare man forte. Con essi le associazioni, le aziende e i donatori che hanno inviato il loro contributo».

Oltre che i servizi sociali, altre novità riguardano i lavori pubblici e l’urbanistica. Nei giorni scorsi la giunta ha infatti dato l’ok al progetto della pista ciclabile in centro. Proprio in questi giorni gli addetti della Publiparking – società che gestisce il servizio dei parcheggi a pagamento – stanno provvedendo al rifacimento degli stalli. Questo per per far posto alla ciclabile che sarà operativa in meno di un mese. Il 24 agosto arriverà il materiale per la segnaletica orizzontale.

All’inizio di settembre la città dovrebbe dare la prima pedalata.

La verve ‘ciclista’ del sindaco

E Salera sottolinea l’iniziativa. «Si tratta di una sperimentazione che riguarderà un anello di 3,5 km. Anello che collegherà la pista ciclabile lungo fiume, via Enrico De Nicola, via Riccardo san Germano ed il Corso della Repubblica. Anticipo che è una sperimentazione che partirà operativamente prima dell’apertura delle scuole. E che verrà implementata con step successivi».

«Sarà dunque suscettibile di modifiche ed accorgimenti. Il segnale è importante, perché dobbiamo imparare a vivere meglio la nostra città e sensibilizzare all’uso della bici. Ora tocca a noi migliorare Cassino, anche grazie ad una nuova mobilità pulita, sana e sostenibile».