L’assessore c’è e la Lega pure: ma viene sconfessata. Monticchio azzerato (di M.Molisani)

Carlo Maria D'Alessandro presenta il nuovo assessore alla Sicurezza. Ma viene oscurato dal leghista Monticchio al tavolo della maggioranza. Sconfessato dal capogruppo. Azzerato dal Coordinatore. Lunedì la nomina del nuove vertice cittadino della Lega

Mario Molisani
Mario Molisani

L'ombra nei palazzi del potere

Ricordate “L’areo più pazzo del mondo?” Il film demenziale del 1980 scritto e diretto dal trio Zucker-Abrahams-Zucker a cui avevamo accostato le gesta degli inquilini del palazzo comunale di Piazza De Gasperi? (leggi qui L’Aereo più Pazzo del Mondo vola a Cassino) Dovete sapere che due anni più tardi uscì il sequel “L’aereo più pazzo del mondo ….Sempre più pazzo“. Ecco quello che è successo oggi durante la conferenza stampa per la presentazione del nuovo assessore alla sicurezza sarebbe sicuramente stata una delle scene più esilaranti degna di quella pellicola.

Monticchio alla mensa di Carlone

Ma andiamo per ordine. Alle 16 la stampa viene convocata per la presentazione del nuovo componente della giunta guidata da Carlo Magno…forse il panettone D’Alessandro.

In sala Restagno si ritrovano tutte le principali testate giornalistiche locali, di fronte a loro al tavolo dei relatori CMD’A con alla sua destra il neo assessore Emanuele Piazza Pulita Dell’Omo, storico comandante dell’arma dei Carabinieri in pensione. (Leggi qui Sottufficiale e Assessore: il luogotenente Dell’Omo in giunta a Cassino)

Dopo di lui Francesca Tulipano Nero Calvani in “a wonderful pink“, poi Dana Furia Ceca Tauwinkelova. Alla sinistra di Carlone , Rossellissima Tacco 12 Chiusaroli e Dino il Divino Secondino.

Pronti via, non poteva mancare il colpo di scena. In platea è seduto il consigliere leghista, fino a prova contraria, Claudio Nonsense Monticchio. Il Sindaco e il divino si sbracciano per farlo venire al tavolo. Lui manco a dirlo accetta e si accomoda di buon grado.

Praticamente da questo momento la conferenza stampa è finita. Bruciata. Perchè l’attenzione della stampa non si concentra più sul nuovo assessore ma sulla presenza di un consigliere del carroccio alla mensa di Carlone.

Dall’asilo alla clinica psichiatrica

A questo punto parte CMD’A, ma nessuno lo sta a sentire sono tutti pronti ad alzare la mano in attesa del fatidico: “c’è qualche domanda?“.

Carlo Magno…forse il panettone D’Alessandro non avverte il sentimento, tira dritto, tesse le lodi del neo assessore, grande servitore della patria, icona della legalità e giu di li. Carlone rispolvera lo spot elettorale “Tolleranza Zero“, come se due anni e quattro mesi non fossero passati.

Ma questo è niente. Prende la parola Emanuele Piazza Pulita Dell’Omo, dopo i ringraziamenti di rito spiega che il suo impegno sarà quello di “riportare la legalità nel centro città di Cassino. Perché – dice scandendo bene le parole l’assessore alla Sicurezza – le piazze di Cassino non sono sicure, le piazze non sono sicure”.

Claudio Nonsense Monticchio fa partire l’applauso seguito a ruota da tutti i commensali. Gli fanno eco dal pubblico qualche sostenitore e dall’ultima fila, anche poco convinti, Gianrico Bellachioma Langiano e Francesco Black&Decker Evangeista. Arrivati fuori tempo massimo: si sa chi tardi arriva, male alloggia. Ma magari con cinque minuti di anticipo uno dei due avrebbe preso l’ultimo posto disponibile al tavolo, ovvero quello di Monticchio. E sicuramente avrebbero risparmiato a tutti l’ennesima tragicommedia alla “Carlona“.

Dopo l’applauso a scena aperta in sala i giorni si guardano in faccia. La domanda che gli si legge in fronte è: ma di chi è la colpa se le piazze non sono sicure? Di Batman, dell’Uomo Ragno che magari si sono presi due anni sabatici o di chi amministra la città?

Insomma l’aereo è sempre più pazzo. L’asilo è diventato forse una clinica psichiatrica.

Ma perchè Monticchio sta seduto li?

Ora tocca alla stampa. E indovinate un pò cosa ha chiesto? Ovviamente che ci faceva Caudio Nonsense Monticchio insieme a tutta la maggioranza e se la Lega è quindi definitivamente rientrata nel governo della città.

Carlo Magno….forse il panettone D’Alessandro brucia Monticchio e risponde al quesito. “Veramente il sottoscritto non ha nessun problema con il Carroccio. Ne con il coordinatore cittadino che è Monticchio, ne con il coordinatore provinciale Palombo, tra l’altro gli ho appena mandato un messaggio per una ricetta e tantomeno con i vertici regionali”.

Tutti a bocca aperta. Dal pubblico un giornalista sbotta: “se questa è la risposta Sindaco, state offendendo l’intelligenza di chi fa informazione tutti i giorni”. Un modo garbato per dire: “Ma che c’hai preso per deficienti?“.

Allora gli altri cronisti in sala continuano a domandare. Alla fine il quesito fatidico rivolto a Monticchio: “Ma lei è seduto li a titolo personale o rappresenta la Lega?”.

Claudio Nonsense con la calma serafico di uno che non sa quello che dice afferma: “io sono un consigliere comunale della Lega, sono il coordinatore cittadino di Noi con Salvini e noi rispondiamo presenti quando ci chiamano le forze dell’ordine“.

Quest’ultimo inciso lo fa ammiccando al neo assessore Dell’Omo. Continua dicendo che il Carroccio ha votato il dissesto e altri provvedimenti importanti di questa maggioranza. “Siamo stati sempre leali”, dice alla fine.

Alla fine insomma ci vogliono far credere che nostro Signore è morto di freddo. A questo punto tutti si guardano perplessi, ma la conferenza è giunta al capolinea.

Marsella fa tremare Montecassino

La stampa dedica poco tempo all’assessore e si precipita fuori per sentire via telefono le voci degli altri leghisti alias Robertino Solo di nome Marsella e Carmelo celhosemprepiùduro Palombo.

Il primo – dopo imprecazione che ha fatto tremare le campane di Montecassino – ha giurato di non saperne niente. Il secondo tiene a specificare che la Lega non è rientrata nella maggioranza che amministra Cassino.

E cosa ci faceva allora il consigliere Claudio Nonsense Monticchio, seduto con la maggioranza? E come mai ha inviato una nota stampa per fare gli auguri al neo assessore, firmandosi Coordinatore di Cassino di Noi con Salvini – Lega?

Forse Monticchio non lo sa: ma non è più il Coordinatore. Parola del segretario politico provinciale Carmelo Palombo: il quale dice che tutti i coordinatori comunali sono stati azzerati dal commissario Francesco Da Terracina co furgone Zicchieri. Pertanto a Cassino non c’è più un coordinatore cittadino

Anzi: verrà nominato lunedì insieme al coordinamento comunale. Verrà appositamente Zicchieri per la bisogna.

E non sarà Monticchio il coordinatore cittadino della Lega: perché è stato introdotto il principio che gli eletti esercitano il loro mandato amministrativo, il Partito lo portano avanti altri.

La soluzione è lontana

Ovviamente questa triste storia non porta alla soluzione della crisi politica: a meno di non voler considerare Monticchio in maggioranza e allora il sindaco avrebbe di nuovo i numeri per governare con un minimo di tranquillità.

Manca ancora l’assessore al Bilancio, delega lasciata vuota dal professor Ulderico Rombo di tuono Schimperna.

CMD’A ha già pronti due nomi tra i quali scegliere di cui uno è quello di una stimata commercialista di Cassino. Entrambi hanno dato la disponibilità. Ma per il momento vuole tenere aperto uno spiraglio e tentare fino alla fine di imbarcare la Lega.

Ne ha parlato in serata con Forza Italia subito dopo la presentazione del nuovo assessore.

E allora aspettiamo l’arcangelo quasi cieco che suona la tromba e sbatte i piedi gridando: “Annunciazione! Annunciazione! Tu Marì Marì fai il figlio di Salvatore. Gabriele t’ha dato la buona notizia. Annunciazione! Annunciazione!”.L’ennesima.

Che Troisi ci possa perdonare per la citazione.