Frosinone col freno tirato, il Monza ne approfitta 2 volte

Brocchi batte l'amico Nesta (2-0) e conquista la prima vittoria casalinga della stagione. Le reti concretizzate nella ripresa: al 5' Gytkjear, al 25' Mota

Giovanni Lanzi
Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

Monza-Frosinone 2-0 – Il Tabellino

MONZA (4-3-1-2): Lamanna; Sampirisi, Bellusci, Paletta, Carlos Augusto (26’ st Donati); Armellino, Fossati (1’ Barberis), D’Errico; Boateng (35’ st Machin); Mota Carvalho (35’ st Marin), Gytkjear (20’ st Maric).

A disposizione: Sommariva, Rigoni, Frattesi, Scaglia, Colpani, Lepore, Pirola

Allenatore: Brocchi.

FROSINONE (3-4-1-2): Bardi; Brighenti, Ariaudo, Curado; Salvi (32’ st Zampano), Maiello, Kastanos (39 st Carraro), Beghetto (32’ st D’Elia); Rohden (12’ st Dionisi), Ciano, Parzyszek (12’ st Novakovich).

A disposizione: Iacobucci, Marcianò, Ardemagni, Tribuzzi, Tabanelli, Vitale, Szyminski.

Allenatore: Nesta.

Arbitro: signor Matteo Marchetti di Ostia Lido (Roma); assistenti sigg. Salvatore Affatato della sezione di Verbano-Cusio-Ossola e Gamal Mokhtar della sezione di Lecco; Quarto Uomo signor Giacomo Camplone della sezione di Pescara.

Marcatore: 5’ st Gytkjaer, 25’ st Mota.

Note: partita a porte chiuse; angoli: 8-6 per il Monza;  ammoniti: 13’ pt Kastanos, 13’ pt Dionisi (dalla panchina), 44’ pt Fossati, 22’ st Carlos Augusto, 34’ st Armellino; recuperi: 3’ st.

Il Frosinone esce dallo stadio di Monza con due gol nel borsone e soprattutto senza punti nella sfida che metteva di fronte due formazioni importanti della serie Cadetta e i due ex compagni di tanti trionfi Nesta e Brocchi. Reti dei brianzoli – prima vittoria stagionale in casa – concretizzate entrambe nella ripresa nel giro di 20’: al 5’ con Gytkjaer e al 25’ con Mota. I giallazzurri hanno giocato 90’ col freno a mano tirato, irretiti dalla manovra biancorossa imperniata su un ottimo Boateng anche con poche idee e scarsa presenza nell’area brianzola. (Leggi qui Podio e contropodio. Monza – Frosinone 2-0).

LA SFIDA TATTICA 

Brocchi si affida al 4-3-1-2. Con Lamanna tra i pali, coppia centrale composta da Bellusci e Paletta centrali, Carlos Augusto e Sampirisi sulle corsie laterali. In mezzo al campo il play è Fossati, con D’Errico e Armellino interni. Quindi Boateng in rifinitura con Mota e Gytkjear di punta. Nella formazione di casa out per infortunio il portiere Di Gregorio, l’attaccante Finotto, il centrocampista Barillà e il difensore Bettella.

Un frame della sfida brianzola dei ciociari

Il Frosinone si presenta con tre novità rispetto alla gara con la Cremonese, assetto 3-4-1-2 quando c’è lo svedese Rohden. Davanti a Bardi, sul centro sinistra c’è Curado che rileva l’infortunato Capuano, con Ariaudo al centro e capitan Brighenti sul centrodestra. Sulla corsia di destra del centrocampo. Salvi prende il posto di Zampano, conferma per Beghetto a sinistra, Maiello e Kastanos in mezzo al campo. Quindi Rohden a spaziare sulla trequarti, cambia la spalla di Ciano, è Parzyszek che avvicenda dal 1’ Novakovich.

MEZZ’ORA DI SCHERMAGLIE 

La prima azione è del Monza e due angoli di fila per la squadra di Brocchi. E primo pallone anche per Bardi, su un pallone tagliato in area. Il Frosinone si ribalta nella metà campo brianzola, tiro di Ciano destinato ad impensierire Lamanna ma c’è la deviazione in angolo di Paletta. Dalla bandierina un pallone tagliato di Ciano, poi Lamanna deve intervenire su una palla spizzata all’indietro da parte di Boateng. La sfida è già aperta, buon palleggio in mezzo al campo da parte di entrambe le squadre. Una ripartenza sbagliata di Salvi che emula l’errore del laziale Milinkovic Savic a San Pietroburgo. Boateng aspetta l’inserimento di Carlos Augusto sul quale frana il difensore giallazzurro in ripiegamento al limite dell’area.

Ai 22 metri va al tiro Fossati, pallone di poco fuori dall’incrocio alla destra di Bardi. Il Frosinone compatto dalla cintola in giù, deve trovare spazi e giri giusti dalla trequarti. L’arbitro sorvola su un fallaccio di D’Errico su Kastanos, il giallo c’è tutto ma il direttore di gara di Ostia Lido fa proseguire. Al 12’ gran pallone di Maiello per Rohden che si infila bene da sinistra ma Parzyszek non segue la traiettoria del taglio. Al 13’ doppio giallo sulle spalle dei giallazzurri: prima Kastanos per un piede troppo allungato su Bellusci e subito dopo a Dionisi che protesta dalla panchina.

Il primo tempo si è concluso e reti inviolate

La partita è diventata improvvisamente spigolosa e sporca, persa la fluidità di manovra dei primi minuti. Ed anche sotto ritmo. La squadra di Nesta chiude tutti i varchi, il Monza sceglie il palleggio lungo per cercare di aprire la difesa giallazzurra. Alla fine di un possesso palla di oltre 2’, va alla conclusione Boateng, para bene Bardi. Ma un pericolo arriva per Lamanna, punizione per fallo di Fossati su Rohden ai 28 metri, sinistro telecomandato e pallone che esce a meno di un metro alla sinistra del portiere del Monza.

Da una rimessa laterale del Monza, scappa Mota sulla sinistra, si accentra e bravo Curado a a tenere il passo e deviare in angolo sullo strappo dell’attaccante portoghese. Nel Monza si scalda Machin, qualche problema per Boateng. E pericolo per il Monza al 29’, pallone morbido di Ciano per la testa di Rohden ma Bellusci salva a due passi da Lamanna.

NEL FINALE SOLO IL FROSINONE MA BARDI E’ SUPER

Il Monza spinge senza grandi pretese e con poca pressione nell’area giallazzurra, il Frosinone dà l’impressione della squadra un po’ bloccata e poco presente nella fase offensiva. Inevitabilmente la partita scende di tono. Al 37’ il Monza si impappina in mezzo al campo, Ciano disegna una traiettoria nello spazio centrale per Rohden ma lo svedese perde il passo e Lamanna lo anticipa in uscita bassa. Ma dall’altra parte è bravissimo Bardi a dire no al destro di Armellino che sfrutta una disattenzione di Curado in appoggio. Poi non trova nessuno a chiuderlo e quindi lascia partire un tracciante a mezz’altezza deviato in angolo dal portiere.

Il Monza all’attacco

La frittata nell’area del Monza è nell’area tra Bellusci e Paletta ma nessuno ne approfitta. Poi è Paletta ad anticipare in angolo sul tentativo di stacco da parte di Rohden. Nel Frosinone manca quella decisione e cattiveria ammirata nelle ultime partite. Giallazzurri in pressione nel finale di tempo, Ciano tocca per Maiello ma il destro è deviato dal muro biancorosso. Fallo da giallo tendente al rosso per Fossati per un fallaccio su Kastanos in ripartenza. Il tempo si chiude su un pari ad occhiali che il Frosinone avrebbe potuto cambiare con un pizzico di concretezza in più.

UNO-DUE DEL MONZA, FROSINONE STATICO 

Cambio nel Monza in avvio di ripresa, fuori l’ammonito e nervosissimo Fossati. Al suo posto dentro l’ex crotonese Barberis che il Frosinone conosce bene dai tempi della sua militanza nel Varese in B. Al 1’ Monza vicino al vantaggio, gran tiro di D’Errico e palla sul palo, quindi la difesa canarina libera. Nel Frosinone poca presenza di Parzyszek, la coppia non giovanissima Paletta-Bellusci per ora non soffre la prestanza fisica del polacco. Al 5’ Monza avanti: Boateng per Barberis che serve lateralmente Carlos Augusto, pallone tagliato che nessuno tocca e che Gytkjear deposita in rete.

Christian Gytkjear va a segno

Bardi perde l’imbattibilità dopo 533’. Il Frosinone si fa vivo con cross di Beghetto, grande stacco di testa di Salvi, Lamanna in due tempi. Ancora per Salvi il pallone del possibile pareggio dopo una bella azione dei giallazzurri, stavolta il sinistro del difensore va alto. Nel Frosinone al 12’ Dionisi per Rohden e Novakovich per Parzyszek. Tatticamente non cambia niente. Subito l’americano in evidenza ma il sinistro sbatte su Sampirisi. La formazione di Nesta adesso spinge con maggiore insistenza ma per ora Lamanna è inoperoso. Brocchi avvicenda il danese Gytkjaer con Maric al 20’, anche per il brianzoli non cambia l’assetto tattico.

E se il Frosinone non alza ancora i giri del motore, il Monza va alla conclusione con Carlos Augusto servito con un tocco al millimetro di Boateng, Bardi devia in angolo. Giallo intanto per il brasiliano per fallo su Maiello. Al 25’ il Monza raddoppia ma il Frosinone sbaglia tutto: Boateng con una magia salta Kastanos e serve sulla corsa Mota, il portoghese si fa 50 metri di campo, entra in area e batte Bardi in uscita per il 2-0.

L’esultanza di Gytkjear dopo il goal

Galvanizzato Mota, cross di Donati e rovesciata dell’attaccante, grande risposta di Bardi al 27’. Che si fa trovare fuori dai pali su un retropassaggio di Ariaudo ma Salva sulla pressione di Mota. Al 33’ D’Elia per Beghetto, Zampano per Salvi. E due cambi anche per il Monza: Marin per Mota e Machin per Boateng al 35’. Il Monza addormenta la partita, i giallazzurri non hanno la forza per quella scossa necessaria a riaprire la partita. Nesta sfrutta l’occasione per mandare minutaggio nelle gambe di Carraro, dentro al 39’ al posto di un Kastanos non brillante come nelle precedenti uscite.

Finale di gara accademico, un problema per Dionisi che poi si rialza. Il Frosinone non ha più forza per reagire, il Monza mette sotto ghiaccio tre punti nella sfida ravvicinata tra i due ex compagni di trionfi, Brocchi e Nesta.