Monza-Frosinone è l’incrocio perfetto

Stroppa super in casa, Grosso vola in trasferta: all’U-Power Stadium sabato pomeriggio sfida apertissima tra brianzoli e ciociari. I lombardi tra le mura amiche sono imbattuti, hanno il record di punti (19) e del torneo ed arrivano da 5 vittorie di fila. Lontano dallo “Stirpe” i giallazzurri non hanno mai perso ed hanno dato il meglio.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Giovanni Stroppa e Fabio Grosso si sono studiati a fondo in questa settimana. Si rispettano, si temono e alla vigilia di Monza-Frosinone (sabato alle 14) non hanno risparmiato parole di apprezzamento reciproco. In carriera si sono affrontati 4 volte con un bilancio favorevole al tecnico frusinate (2 vittorie ed altrettanti pareggi).

Il Frosinone nei numeri fa paura, ha perso una volta sola, eccezionale a livello difensivo, ha giocatori imprevedibili da centrocampo in su, squadra temibile e partita impegnativa – ha avvisato Giovanni StroppaGrosso sta facendo un grandissimo lavoro, formazione equilibrata che può sbloccare le partite anche da palla inattiva”.

Conosciamo la gara che ci aspetta – ha ribadito Fabio Grosso Il Monza è organizzato, ha un tecnico molto bravo che stimo. E’ il momento migliore della sua stagione. Detto questo, c’è bisogno di fare una grandissima partita così da mettere in campo le armi per creare loro difficoltà. Con una partita a metà andremmo ad esaltare le loro qualità e troveremo vita molto dura”. 

L’INCROCIO PERFETTO

Fabio Grosso

Monza e Frosinone sono divise da 3 punti ma entrambe sono imbattute da 9 turni. La formazione di Stroppa ha raccolto 5 successi e 4 pareggi che hanno fruttato ai biancorossi 19 punti (ultima sconfitta datata 1 ottobre scorso, 0-3 a Lecce). I ciociari invece hanno totalizzato 3 vittorie e 6 pareggi (ultimo ko il 2 ottobre, Cittadella vittorioso 1-0 allo “Stirpe”).

Ma non c’è solo la striscia positiva. L’incrocio è perfetto: il Monza è fortissimo in casa (19 punti, record del torneo), il Frosinone dà il meglio in trasferta. La compagine dell’ad Galliani è una delle 3 compagini ancora senza sconfitte in casa come Pisa e Lecce. I brianzoli all “U-Power Stadium” arrivano da 5 vittorie di fila. L’ultima squadra uscita indenne è stata la Ternana (1-1 lo scorso 18 settembre). Il Monza a secco di gol tra le mura amiche una sola volta nelle ultime 15 gare, 0-2 contro il Brescia lo scorso 10 maggio. Nelle restanti 14 partite 25 reti messe a segno. Quella con il Brescia è l’ultima sconfitta interna dei biancorossi.

Dal canto suo il Frosinone è l’unica squadra ancora imbattuta fuori casa ed è una delle 7 che finora ha fatto meglio in trasferta che in casa, rispettivamente 13 e 12 punti. Le altre: Ascoli, Perugia, Vicenza, Spal, Parma e Brescia. Il Frosinone vanta anche altri primati: squadra che perde di meno (1 volta in 16 turni, come il Lecce), che segna col maggior numero di giocatori (13, come Brescia e Benevento), regina del gol con subentranti (7, anche qui come Brescia e Benevento) e scatenata prima della pausa, dove ha segnato 8 reti su 22 totali tra 31’ e 45’ inclusi recuperi. (Leggi qui E’ un Frosinone di lotta ma non di governo).

UNA SFIDA CHIAVE

Giovanni Stroppa

Al di là delle statistiche la partita è importantissima per entrambe. Il Monza, attualmente quinto, vuole confermarsi per continuare la scalata verso la zona promozione diretta. L’obiettivo stagionale dei lombardi che vantano un organico extralusso e proprio in questi giorni si sono rinforzati con l’ingaggio dello svincolato Ramirez (sarà utilizzabile dal 15 gennaio).

I brianzoli sono reduci dal successo a Brescia e l’entusiasmo è alle stelle. “Sappiamo il percorso, noi abbiamo iniziato in salita e lo siamo ancora – afferma Stroppa ad un passo dal 100° risultato positivo della carriera –  Fino all’ultima giornata dobbiamo pensare di esserlo pur cambiando le posizioni in classifica. Bisogna avere la stessa mentalità, la squadra è eccezionale negli allenamenti, siamo concentrati, sappiamo che insidie abbiamo trovato. Non si molla niente, avanti a testa bassa. Dare continuità a questi risultati darebbe un senso più compiuto a quel che vogliamo essere”.

La squadra giallazzurra invece proverà a cambiare passo dopo 5 pareggi consecutivi che hanno frenato la corsa. In totale sono 10 le “X” (un record del campionato) di Ricci e soci. “Ogni partita ha una storia, è vero che ci sono stati tanti pareggi ma sono stati ottenuti in maniera diversa – ha detto Grosso – Tante volte la squadra ha dimostrato di avere carattere, di saper reagire alle difficoltà e questo è un aspetto molto positivo. In altre partite avremmo potuto ammazzare le gare e non ci siamo riusciti. Però penso che alla lunga il merito venga sempre fuori. Quello che sei in grado di saperti conquistare sul campo è ciò che realmente hai nelle corde e quindi ci teniamo i punti che abbiamo, cercando di continuare a lavorare per ottenerne degli altri”.

Col Monza comunque servirà un Frosinone senza macchia. “Affrontiamo una squadra forte, lo diciamo sempre fino a diventare ripetitivi – aggiunge il tecnico canarino – Conosciamo benissimo il loro valore, però a me non piace incensare gli altri perché sarebbe come scaricare indirettamente le responsabilità. Ho fiducia nei miei ragazzi, sappiamo che ci siamo allenati bene per questa sfida”.

IL 3-5-2 DI STROPPA

La scorsa sfida a Monza

Nel Monza indisponibili Lamanna, Favilli, Barillà, Scozzarella, Pirola, Mota Carvalho e Paletta. Quest’ultimi 2 si sono negativizzati dopo il covid ma ancora non sono abili e arruolati. La formazione lombarda dovrebbe rispecchiare quella che ha vinto a Brescia.

Il modulo sarà il 3-5-2. In porta Di Gregorio e non ci sono dubbi. Verso la conferma il trio difensivo Donati-Marrone-Caldirola. Sulle fasce Stroppa dovrebbe affidarsi di nuovo a Pedro Pereira e D’Alessandro. Cabina di regia affidata a Barberis con Colpani e Machin in pole per il ruolo di mezzali. In attacco Valoti e Gytkiaer che ha realizzato 2 gol in altrettante presenze al cospetto del  Frosinone: contro nessuna squadra ha fatto meglio.

Bisogna far bene ambo le fasi col Frosinone, temibile sia quando riparte che nel momento in cui ha la palla, ha giocatori importanti – ha affermato Stroppa – Siamo già maturi, abbiamo avuto la caparbietà di ritrovarci. Dobbiamo essere maniacali dall’inizio alla fine. Il Monza ha un’identità ben precisa nel tenere il campo, chiaro che le caratteristiche dei singoli possono esaltarla”.

OUT CANOTTO

Canotto mette in rete

Grosso è partito alla volta di Monza senza l’attaccante esterno che ha accusato un affaticamento muscolare. Si aggiunge agli altri assenti Rohden, Brighenti e lo squalificato Gatti.

Il Frosinone inizierà con il consueto 4-3-3. Ravaglia difenderà la porta. Al centro della retroguardia Cotali sostituirà Gatti e farà coppia con Szyminski che toccherà la 100 gare in Serie B (solo la regular season). Sulle corsie esterne Zampano tornerà a sinistra con Casasola a destra. A centrocampo sicuri di una maglia sembrano essere Ricci e Boloca. Poi bisognerà vedere dove sarà impiegato Garritano. Se sarà confermato in mediana, Tribuzzi, Zerbin e Cicerelli si contenderanno le 2 maglie di punte esterne con Chapentier inamovibile al centro.

In caso contrario potrebbe rientrare a centrocampo Lulic con Garritano avanzato a sinistra ed uno tra Tribuzzi e Zerbin a destra.

Luca (Garritano ndr) è un ragazzo molto intelligente che sa occupare tante zone del campo – spiega Grosso – I ruoli poi sono relativi perché in base alle caratteristiche dei giocatori vengono sviluppati certi movimenti. Di partita in partita proviamo a capire quelle che possono essere le soluzioni migliori, faremo altrettanto per la gara con il Monza”. 

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright