E Nicola Ottaviani tira dritto

Nicola Ottaviani ha capito che gli sconvolgimenti politici nazionali innescheranno un imprevedibile effetto domino anche a livello locale e lui intende definire liste e coalizione a modo suo.

Nel centrodestra, per esempio, l’unica certezza è la lista di Forza Italia. Perché Silvio Berlusconi ha detto chiaramente che Matteo Salvini non potrà essere il leader della coalizione. Comunque a Frosinone Noi con Salvini non ha sciolto le riserve. Non lo ha fatto nemmeno Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, che in questo momento è anche impegnata a fronteggiare la formazione a vocazione sovranista nata dalla fusione tra le forze politiche di Gianni Alemanno e Francesco Storace.

Nel Partito Democratico ci vorrà qualche giorno per capire quali saranno i nuovi confini e soprattutto i nuovi partiti. Potrebbero esserci riflessi dappertutto, anche alle comunali di Frosinone.

Norberto Venturi, per esempio, sta partecipando a tutti gli incontri dell’area di D’Alema e Bersani. Il Partito Socialista di Gian Franco Schietroma non ha ancora deciso se sostenere Fabrizio Cristofari o andare avanti con Vincenzo Iacovissi. I Cinque Stelle sono in ritardo. Insomma, l’onda del proporzionale si sta propagando ovunque.

Nicola Ottaviani vuole ancora una volta giocare di anticipo. Nessun modello Cassino (Forza Italia-Fratelli d’Italia-Noi con Salvini), checché ne dica Pasquale Ciacciarelli durante le conferenze stampa. Invece, molte liste civiche, candidati scelti direttamente da lui, niente conferma automatica per assessori e consiglieri uscenti.

Manifesti, cartelloni e iperattività sui social network: la campagna elettorale del sindaco in carica è iniziata.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright