Petra, la libellula ciociara che danza nel mondo

Petra Conti, l'étoile di Anagni che ha preso il posto di Carla Fracci. È la prima ballerina al Los Angeles Ballet, dopo avere ricoperto lo stesso ruolo al Boston Ballet ed alla Scala. A fine agosto Vacana le consegnerà un riconoscimento a nome della Provincia.

Camilla de Tourtrissac
Camilla de Tourtrissac

Tagliacucitrice con gusto

In giro per il mondo la chiamano Anna Magnani. Ma lei non recita: danza. Lo fa in un modo particolare, sembra parlare attraverso il suo corpo sinuoso lanciato sulla scena, animato da un fuoco drammatico che la porta a calarsi del tutto nel personaggio che interpreta. Fu il suo storico maestro Zarko Prebil a definirla per primo “La Anna Magnani della danza”. Aveva ragione: Petra Conti non danza ma recita con il corpo, esprimendo emozioni dal primo all’ultimo movimento.

Papà ciociaro doc, mamma polacca: è stata lei ad iniettarle nelle vene il sacro fuoco della danza, lei che era allieva al National Academy of Ballet in Polonia. Petra Conti è nata ad Anagni ed è cresciuta a Roma: emigrata nella Capitale una volta ammessa all’Accademia Nazionale di Danza. E lì ha studiato undici anni. Il perefezionamento? Sono seguite fasi di perfezionamento al Mariinsky di San Pietroburgo lì dove all’epoca degli zar c’era l’Accademia nazionale dell’opera e del balletto. Poi a Monaco di Baviera.

È il 2009 quando Petra entra alla Scala ed in due anni diviene la Prima Ballerina. Non le basta. Quello che per chiunque altra sarebbe stato un punto d’arrivo per Petra e solo il trampolino per rimettersi in discussione e lanciarsi verso il Boston Ballet, il tempio contemporaneo della danza statunitense. In breve raggiunge l’apice: principal dancer. E da lì sale ancora: Principal dancer del Los Angeles Ballet.

Non si ferma più. Danza da un capo all’altro del pianeta. Quest’estate la sua agenda segna una serie di tappe in Italia: 16 repliche già fissate per Traviata ed Aida all’Arena di Verona Opera Festival 2019 con l’ultimo, inedito e grandioso allestimento appositamente concepito per l’anfiteatro scaligero dal Maestro Franco Zeffirelli poco prima della scomparsa.

A fine agosto sarà in Ciociaria: per mantenere una promessa fatta al vice presidente della Provincia di Frosinone Luigi Vacana. Le consegnerà un’onorificenza nella piazza di Vallecorsa nell’ambito della rassegna Ciociaria Saperi Sapori e Suoni. E poi danzerà il 31 agosto a Fontana Liri: lei l’etoile che ha preso il posto di Carla Fracci, che volteggia con Roberto Bolle, la ballerina che tutti i teatri del mondo vorrebbero avere… a Fontana Liri per onorare la terra di Ciociaria. Vacana dovrebbe darle un premio a parte solo per questo.