Piacentini reclama spazio in lista. Chiusaroli pure

Reclamano uno spazio. Vogliono visibilità. E possibilmente anche un ruolo ed una candidatura. Rossella Chiusaroli si è lamentata a voce alta, con i colleghi del gruppo di Forza Italia in Provincia, durante l’ultima seduta di Commissione.

Non s’è lamentata solo per lei. Ma anche per il collega Anselmo Rotondo, sindaco di Pontecorvo e consigliere provinciale di Frosinone.

Non ha recepito segnali dopo la convention di Fiuggi. Il segnale d’allarme è scattato sfogliando i giornali nei giorni successivi: «Nemmeno una foto mia o di Anselmo, ci sono le foto ed i nomi di tutti e non i nostri». Per la consigliera comunale di Cassino e provinciale di Frosinone si tratta di un chiaro segnale politico. Se i giornalisti non ci citano né ci ritraggono, significa che su di noi non sono stati lanciati gli adeguati segnali politici da chi avrebbe dovuto farlo.

Reclama uno spazio anche Frosinone. Lo fa con Adriano Piacentini, leader delle preferenze di Forza Italia alle scorse Comunali di Frosinone, presidente del Consiglio Comunale.

Commentando la convention di Fiuggi, Piacentini in queste ore ha sottolineato che «Silvio Berlusconi ha posto l’attenzione sulla necessità di schierare una classe dirigente che abbia dimostrato di saper raggiungere risultati sia sul piano politico-amministrativo che su quello professionale, nella trincea del lavoro. A Frosinone di esempi ce ne sono fin troppi. E ha perfettamente ragione il sindaco Nicola Ottaviani quando chiede “rappresentanza” del capoluogo nello scacchiere delle candidature a Senato, Camera e Regione. Una “rappresentanza” in posizioni eleggibili, perché soltanto in questo modo Forza Italia dimostrerà di aver compreso appieno il messaggio di Silvio Berlusconi e Antonio Tajani».

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright