Picano: “FdI non è un Taxi, il percorso non lo decide chi sale”

Il Partito che cresce. Il rischio di contaminazioni. Gabriele Picano ed i temi 'alti': mobilità sostenibile e circular economy. Ma anche quelli locali. Il caso Evangelista e le prossime elezioni

Alberto Simone

Il quarto potere logora chi lo ha dato per morto

Vola alto ma guarda in basso “Così si evita di finire nelle buche lasciate da altri o per sciatteria o per fartici finire dentro”. Vecchia scuola politica: Gabriele Picano è tra i pochi che parlano di progetti: per la mobilità sostenibile e per l’economia circolare; molti altri nel suo lato della barricata preferiscono la battuta facile e puntare al consenso immediato, giocando sul fatto che Fratelli d’Italia è l’unico Partito a fare opposizione. Ma non stacca gli occhi dal basso: compresa la sezione FdI della sua città, Cassino. “Franco Evangelista? E’ un consigliere a tutti gli effetti di Fratelli d’Italia”.

Evangelista è una di quelle buche sull’asfalto nella quale si rischia di cadere se non si tengono aperti gli occhi. Il vice presidente provinciale di FdI lo sa e cerca di mettere l’asfalto. Franco Evangelista è l’ex capogruppo leghista in Consiglio comunale, proprio Picano ha lavorato per portarlo con FdI. Lui si è tesserato solo come sostenitore e non ha costituito un Gruppo in assise. Anzi, si dichiara indipendente. Sta aspettando che lo nominino Commissario del circolo di Cassino, per poter essere autonomo sia da Picano e sia dalla portavoce cittadina Angela Abbatecola. (Leggi qui Evangelista: “Non mi manda Picano”)

Ma il vice presidente provinciale mette i puntini sulle ì: “Per quanto riguarda ruoli o incarichi da noi non si entra per avere spillette o medaglie. Contano la militanza ed il merito”.

Giorgia Meloni
Allora perché si entra in Fratelli d’Italia? Stando ai sondaggi c’è la fila. 

Vero. Ma bisogna sempre ricordare che la linea politica viene dettata dal nostro Presidente Giorgia Meloni. È lei, con la sua linea, che stanno facendo riscuotere a Fratelli d’Italia tantissimi consensi. Ciò deriva da una grande capacità aggregativa e da una visione globale sui temi che interessano gli italiani. Chi entra porta un valore aggiunto ma non si illuda di venirci a trasformare: FdI sa benissimo chi è, cosa è e dove vuole andare”. 

E cosa siete?

In estrema sintesi: siamo quelli per i quali l’interesse del singolo cittadino viene prima di tutto. Non facciamo parte di un certo sistema che ha portato il Paese sull’orlo del baratro. Nemmeno questa volta abbiamo voluto farne parte, preferendo fare un’opposizione responsabile ma intransigente. Ed i cittadini ci stanno apprezzando per questo”. 

Il rischio è che qualcuno scambi FdI per un taxi politico…

Assolutamente no: valori della coerenza e dell’identità sono i principi cardine nel nostro Partito per cui chi entra è tenuto a rispettare le regole. Il percorso lo stabilisce chi detta le regole e non chi sale a bordo. Per questo ho la certezza che non siamo un taxi dove si sale e si scende a piacimento”. 

FdI non è rappresentata in Consiglio comunale a Cassino. L’arrivo dell’leghista Franco Evangelista  è stato un po’ sui generis: i retroscena dicono che  il consigliere reclami un ruolo totalmente autonomo dalle gerarchie: voi come avete risposto? 

Il consigliere Franco Evangelista si è tesserato on Line. Tesserarsi anche quale socio sostenitore ad un Partito vuole accettarne le regole e lo statuto. E tesserarsi in rete non rende più labili le regole, non concede spazi di manovra più ampi rispetto a chi la tessera l’ha fatta nel Circolo A mio avviso Franco Evangelista è un consigliere a tutti gli effetti di Fratelli d’Italia. Poi, per quanto riguarda ruoli o incarichi da noi non si entra in cambio di medaglie o spillette”.

Significa che Evangelista non avrà mai la carica e l’autonomia che ha chiesto?

Significa che c’è un percorso da fare come hanno svolto tutti gli altri, compreso me. Siamo, invece, ben contenti che il consigliere Franco Evangelista sposi le battaglie che a livello nazionale, regionale e locale il nostro Partito conduce. Dello stesso mio avviso è anche la portavoce Angela Abbatecola e di tutto il direttivo di FdI di Cassino. Siamo un Partito e come tale siamo governati da uno Statuto”.

Il consigliere Evangelista, intanto,  ha parlato in Consiglio di un “nuovo centrodestra”. A cosa si riferiva?

Credo che il consigliere Evangelista volesse intendere discontinuità rispetto al passato. Ma qui dobbiamo capire che prima di tutto l’avversario è la sinistra e per quanto ci riguarda Fratelli d’Italia si candida ad essere il primo Partito in Città alle prossime elezioni, all’interno di un’alleanza di centrodestra. Lo ha evidenziato molto bene il presidente provinciale Massimo Ruspandini ad Alessioporcu.it: noi siamo alleati in competizione. Ma i nostri avversari sono altri e stanno fuori dal centrodestra”. (Leggi qui L’alleanza competitiva tra Fratelli d’Italia e Lega).

Gabriele Picano con Massimo Ruspandini
A proposito dell’avversario: come giudica l’operato del sindaco di Cassino? L’opposizione divisa è per lui un vantaggio.

Mi spiace molto che alle scorse amministrative Fratelli d’Italia non abbia eletto consiglieri perché sono sicuro che avrebbero fatto una grande opposizione e incalzato l’amministrazione sulle tematiche più importanti”.

Quali sono le priorità di cui parla?

Mi aspetto che Cassino superi le grandi problematiche che ci sono quali ed esempio la bonifica del Nocione, la crescente richiesta di sicurezza da parte dei cittadini, la sanità e l’aiuto alle famiglie bisognose. Su questi temi non vedo grande concretezza tranne i primi segnali sul Nocione, ma non dimentichiamo la persistenza dei rifiuti a cielo aperto che continuano ad essere pericolosi per l’ambiente e la salute dei cittadini”. 

Lei ha propositotemi alti: come l’economia circolare e la mobilità sostenibile. Il suo Partito, però,  sembra più concentrato sul ruolo di protesta contro il governo che di proposta costruttiva 

I temi da me sollevati sono semplici suggerimenti alla luce dell’evoluzione che le necessità impongono però Fratelli d’Italia fa lo stesso in quanto i suggerimenti al Governo sono sempre rivolti all’interesse degli italiani quali i sostegno alle categorie dei ristoratori e dei commercianti, le critiche al green pass, il blocco navale, le cure domiciliari precoci”. 

Guardiamo al 2023: Gabriele Picano studia per le Regionali o per le Politiche?

Sono a disposizione del mio Partito come ho sempre dichiarato”. 

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright