Lo Scarpone di Pirozzi entra nella calzoleria dei Fratelli d’Italia

Foto: (c) Ag. Dire

L'ex sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi rientra in Fratelli d'Italia. Ma per ora in Regione mantiene il suo Gruppo. In Aula non cambiano i numeri per Zingaretti. Dopo le Europee verso la fusione

Sergio Pirozzi rientra in Fratelli d’Italia, il Partito che un anno fa non lo aveva voluto candidare a governatore della Regione Lazio. Quel no spaccò il il fronte del centrodestra: Pirozzi si candidò alla guida di uno schieramento civico, facendo mancare i voti fondamentali al candidato unitario Stefano Parisi e spianò la strada al bis di Nicola Zingaretti.

L’annuncio da Trieste

È stata Giorgia Meloni, durante il suo tour elettorale in Friuli, ad annunciare il ritorno dell’ex sindaco di Amatrice, famoso per la telefonata fatta nella drammatica notte del terremoto in cui dava l’allarme dicendo “Qui non c’è più niente“.

«Oggi Fratelli d’Italia annuncia dal Friuli Venezia-Giulia una nuova adesione: il ritorno di Sergio Pirozzi, uomo simbolo del terremoto e sindaco di Amatrice in carica quanto la città e’ stata rasa al suolo dal sisma. Abbiamo voluto dare qui questa notizia perché tra le ragioni che hanno spinto Sergio a tornare in FdI c’è la fermezza con la quale abbiamo affrontato in Parlamento il tema della ricostruzione post-terremoto».

L’ex sindaco di Amatrice è stato nominato responsabile della Commissione Nazionale Grandi Rischi all’interno di Fratelli d’Italia.

Giorgia Meloni ha ricordato che il suo Partito è promotore di una proposta di legge che si ispira proprio al ‘sistema Zamberletti‘ applicato al sisma del Friuli del 6 maggio 1976. Un modello che Giorgia Meloni ha definito «l’unico che ha funzionato nella ricostruzione nella storia della Repubblica Italiana. Il solo modo di celebrare al meglio la ricorrenza di quel sisma e’ imparare dai propri errori e dal proprio lavoro e prendere spunto da qualcosa che in Italia ha funzionato per guardare avanti».

Ma in Regione no

L’adesione di Sergio Pirozzi non cambia gli equilibri in Regione Lazio. È consigliere all’opposizione di Nicola Zingaretti. Il suo passaggio in Fratelli d’Italia non toglie voti alla maggioranza.

In Fratelli d’Italia sono confluiti il Movimento dello Scarpone e Siamo l’Italia. Della Federazione con FdI, almeno nell’Aula della Regione Lazio fa parte anche Noi con l’Italia.

Ma – in ogni caso – nell’Aula della Pisana Sergio Pirozzi resterà presidente del monogruppo “Pirozzi presidente“: condividerà la linea con FdI ma manterrà la più totale autonomia.

«Sono onorato della fiducia che ha riposto in me Giorgia Meloni nominandomi responsabile nazionale emergenze e prevenzione grandi rischi del suo partito. È una grande responsabilità, che ho accettato perche’ considero la proposta di Fratelli d’Italia su questa tematiche la migliore».


error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright