Con o senza Roscia: il Pd decide nelle prossime ore

Verso le elezioni comunali a Pontecorvo. Il Pd decide nelle prossime ore. Potrebbe tenere le primarie. I civici pronti a partecipare. Ma c'è la variabile dell'ex sindaco Roscia. Considerato impresentabile da una parte dei possibili alleati

Il direttivo del Partito Democratico decide domani sera. Se scendere in campo con un suo candidato sindaco o appoggiare uno degli altri schieramenti; se affidarsi alle Primarie e nel caso chi ammettere alla conta: solo interna o di coalizione. Quella che potrebbe nascere in vista delle prossime elezioni comunali di Pontecorvo.

Riccardo Roscia

Il dibattito politico nel Pd di Pontecorvo è aperto. Nelle settimane scorse il Segretario cittadino Giuliana Sardelli, il presidente del Circolo Marco Di Vossoli ed i dirigenti hanno esaminato l’orizzonte. Incontrando tutte le forze politiche: compreso il sindaco uscente Anselmo Rotondo (Forza Italia), hanno ascoltato il suo programma amministrativo per il prossimo quinquennio, sentito le sue proposte.

Poi c’è stato un confronto allargato a tutti gli esponenti dell’opposizione: anche quella di centrodestra. Compreso l’ex sindaco Riccardo Roscia: avversario giurato del primo cittadino in carica. Anselmo Rotondo lo ha estromesso dall’Aula contestandogli di avere dei contenziosi aperti con l’Amministrazione; sono stati necessari una serie di giudizi in Tribunale per riaprire le porte dell’aula consiliare a Roscia.

Un passaggio è stato compiuto anche con la Lega: ci si è confrontati con il coordinatore cittadino Marco Zangrilli e con la coordinatrice provinciale, l’onorevole Francesca Gerardi.

Il quadro

Il quadro politico che emerge dalle consultazioni portate avanti dal Pd vede posizioni diverse. Mercoledì sera il Direttivo Pd di Pontecorvo le esamina e decide.

Si parte da una serie di punti fermi. Il primo: il Partito si schiera contro il sindaco uscente di Forza Italia Anselmo Rotondo.

Il secondo: il cadidato sindaco si decide attraverso le Primarie.

Ma c’è il punto cruciale: primarie di Partito o di coalizione? E quanto è largo questo concetto di coalizione?

Una parte del Partito è disposta a consentire la partecipazione anche all’ex sindaco Riccardo Roscia. Nell’ottica di una coalizione ampia, eterogenea, contrapposta all’amministrazione uscente: un listone che sia il cartello delle attuali opposizioni. Tra loro ci sono l’ex candidato sindaco Paolo Renzi ed il Consigliere Gabriele Tanzi.

Giacinto Carbone

Visione opposta invece a quella dei gruppi Civici rappresentati dal consigliere Annalisa Paliotta e da Giacino Carbone. Entrambi favorevoli alle primarie ma contrari ad allargarle fino a Riccardo Roscia: che inseriscono idealmente tra gli ‘incompatibili‘, per i suoi trascorsi amministrativi, le inchieste scaturite nei suoi mandati, le posizioni politiche che ha sempre sostenuto avendo militato in Partiti dell’area di destra.

Per Paliotta e Carbone la posizione è si alle Primarie, no alla partecipazione di Roscia. Perché nulla ha a che fare con i valori civici condivisi da entrambi.

In sintonia con i gruppi civici c’è tutta una parte del Pd, convinta che allargare la coalizione fino a coinvolgere Riccardo Roscia sia esagerato: perché c’è incompatibilità di vedute. A capeggiarla è Daniele Mattaroccia e ne fanno parte gli storici iscritti al Partito Democratico.

Chi si candiderebbe?

Annalisa Paliotta è disposta a candidarsi. Medico chirurgo all’ospedale di Cassino, consigliere comunale uscente, è stata la più votata nelle scorse elezioni; la sostiene il mondo dell’associazionismo e l’area civica che ruota ai margini del Pd, riassunta nel nuovo movimento Pop presentato nei giorni scorsi a Roma.

Pronto alla conta anche Giacinto Carbone, che auspica la creazione di una grande aggregazione civica. Tra le sue fila ci sono l’ex sindaco Michele Notaro e buona parte della sua amministrazione che sarebbe pronta a sostenere Carbone. Ma in una linea di chiarezza politica del programma e delle alleanze.

In caso di Primarie il Partito Democratico indicherà uno o più candidati: dipenderà dal dibattito interno delle prossime ore. A scendere in campo potrebbe essere uno tra Paolo Renzi, Gabriele Tanzi, Daniele Mattaroccia, Giuliana Sardelli.

Questione di ore.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright