La sfida del 1° Maggio: lavoratori e imprese in piazza insieme

La sfida del Sindacato per il Primo Maggio. Coppotelli (Cisl): «Cambia il lavoro, cambiano i Lavoratori e deve cambiare anche il Sindacato. Quanto sarebbe bello trovare in Piazza Boncompagni, il 1° maggio ad Isola del Liri, anche i Datori di Lavoro»

di Enrico COPPOTELLI
Segretario Gen. Cisl
Provincia Frosinone

 

 

Populismo, disintermediazione, antisistema, delegittimazione dei corpi intermedi non sembrano aver scalfito il Sindacato Confederale Cgil, Cisl e Uil.

Non lo dicono solo loro, lo dicono i numeri. Quelli sì, che hanno la testa dura e sono certi.

Durante le ultime elezioni per il rinnovo delle RSU l’adesione è stata del 90% e non importa chi abbia vinto. Conta la partecipazione.

In questi anni di crisi Cgil, Cisl e Uil sono stati gli unici che hanno parlato con chi perdeva il lavoro, gli unici che hanno continuato a gestire e risolvere i problemi delle persone. Non su Facebook, o meglio non solo.

Sono stati coloro che hanno mantenuto, nonostante tutto, la coesione sociale in questo tsunami che ha colpito la Provincia di Frosinone dal 2008. Hanno riannodato i fili del dialogo con gli Imprenditori, quelli seri.

Hanno guidato cambiamenti importanti. Insomma ci sono stati e ci sono.

Il 1 maggio, Festa dei Lavoratori, saranno ad Isola del Liri, capitale Provinciale del Lavoro che fu, nel nostro territorio.

Crisi, disoccupazione e fuga dei giovani e meno giovani sono una realtà ben presente.
Guidare la modernizzazione del lavoro che cambia, tutelare il lavoratore non solo nel posto di lavoro ma anche nel percorso di lavoro è la vera sfida del Sindacato Confederale Cgil, Cisl e Uil.

Cambia il lavoro, cambiano i Lavoratori e deve cambiare anche il Sindacato. Quanto sarebbe bello trovare in Piazza Boncompagni, il 1 maggio ad Isola del Liri, anche i Datori di Lavoro ed i loro Rappresentanti, uniti insieme al Sindacato ed ai Lavoratori. Uniti non solo per un giorno, ma uniti su un vero percorso di riformismo che dovrà essere il banco di prova per modernizzare il mondo del lavoro in Provincia di Frosinone e provare a cambiare passo.

Il 1 maggio con le parti sociali non festanti e nostalgiche verso un passato che non tornerà, ma costruttori di un nuovo modello sul quale rigenerare la Provincia di Frosinone.
Il mondo del lavoro ha necessità di speranza e di futuro.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright