Quarto giorno senza La Provincia Quotidiano. Calliope non ce la fa

Quarto giorno senza La Provincia Quotidiano nelle edicole. Nemmeno domani il giornale fondato da Umberto Celani parlerà ai suoi lettori (leggi qui il precedente)

Nel pomeriggio si sono riuniti i giornalisti, i poligrafici, i pubblicitari, gli amministrativi, il personale di segreteria: hanno incontrato la cooperativa Calliope che ha materialmente gestito il giornale negli ultimi due anni, dopo l’uscita di scena dell’imprenditore Arnaldo Zeppieri.

Tutti hanno ribadito la disponibilità a riportare nelle edicole il quotidiano. Ma solo in presenza di garanzie economiche precise. Al momento questa possibilità non arriva dalla Calliope che – secondo indiscrezioni non confermate – vanterebbe crediti per centinaia di milioni legati ad introiti pubblicitari.

I dipendenti ed i soci hanno chiesto l’avvio immediato delle procedure per il riconoscimento della cassa integrazione: i sindacati hanno già dato il loro assenso e occorre però che qualcuno presenti la richiesta.

Confermata l’esistenza di una cooperativa costituita nell’ultimo mese e intenzionata a subentrare alla Calliope nel confezionamento del giornale. Ma nessuna delle storiche firme de La Provincia ha accettato le proposte che gli sono state avanzate in maniera informale. Infatti, il piano aziendale ipotizzato prevede un organico composto da soli cinque giornalisti ed un grafico. E’ stato giudicato del tutto insufficiente per garantire un prodotto serio ed attendibile, senza contare l’impossibilità di governare una macchina complessa come un’azienda editoriale con la mancanza totale di personale amministrativo e pubblicitario.

Si prospettano due ipotesi: il ritorno nelle edicole ma con firme completamente nuove; oppure un’intesa con le firme storiche del giornale sulla base di un organico più completo e solide garanzie bancarie.

Al momento l’unica certezza è che sabato, per il quarto giorno, La Provincia Quotidiano non sarà in edicola.

.
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright