Quel sogno proibito chiamato Franco Lunghi

Il senatore Massimo Ruspandini (Fratelli d’Italia) pensa anche a lui per la candidatura a sindaco di Frosinone. Mauro Vicano, candidato sindaco del centrosinistra, lo vorrebbe dalla sua parte per sovvertire gli equilibri elettorali. Franco Lunghi, figlio dello storico sindaco Sandro Lunghi, stando ai sondaggi, vincerebbe contro chiunque. Ma il punto è che si è ritirato dall’attività politica e non intende rientrare. Mai dire mai però.

Massimo Ruspandini ci sta pensando. Ma non è il solo: anche Mauro Vicano vorrebbe “arruolare” Franco Lunghi. L’ex presidente del Consiglio comunale del primo mandato di Nicola Ottaviani, però, continua a ripetere a tutti la stessa frase: “con la politica ho chiuso”. Ma alla fine sarà proprio così?

Figlio di un sindaco storico di Frosinone, Sandro Lunghi (democristiano tra i democristiani, al quale è dedicata la sala consiliare del capoluogo), Franco Lunghi invece è sempre stato a destra. Tra i più votati in assoluto in diverse occasioni, è stato uno delle punte di diamante di Alleanza Nazionale. Quindi, dal 2012 al 2017, presidente del Consiglio Comunale, ma la massima carica istituzionale dell’ente.

Il valore aggiunto chiamato Lunghi

Sandro Lunghi, papà di Franco

Molti anni fa volevano candidarlo a sindaco, ma lui fiutò alla perfezione l’aria da resa dei conti che ch’era nel centrodestra allora guidato da Antonello Iannarilli (Forza Italia), Alessandro Foglietta (An) e Anna Teresa Formisano (Udc). E infatti declinò l’invito. Secondo gli osservatori più attendibili del capoluogo, lui a Frosinone vincerebbe comunque, contro chiunque. Troppo ramificato il consenso della famiglia, troppo penetrante l’azione che negli anni prima Sandro e poi Franco hanno effettuato nel territorio. E’ un medico, ma soprattutto è uno abituato a stare in mezzo alla gente normale.

Il senatore Massimo Ruspandini, commissario provinciale di Fratelli d’Italia, è uno che fa del richiamo ai valori e all’identità una missione di vita. Prima che un’azione politica. Franco Lunghi sarebbe perfetto come candidato sindaco di Fratelli d’Italia sostenuto anche dall’intero centrodestra. Non servirebbero le primarie.

Ma sarebbe perfetto anche come candidato sindaco di Fratelli d’Italia sostenuto da alcune civiche. Ha appena aderito Fabio Tagliaferri? Vero. Ma quest’ultimo potrebbe concorrere per le Regionali. (Leggi qui L’alleanza competitiva tra Fratelli d’Italia e Lega).

Mission impossible

Mauro Vicano (Foto: Giornalisti Indipendenti)

Il vero problema è però convincere Franco Lunghi a tornare in campo. Non sarà facile e quasi sicuramente la “mission impossibile” potrebbe concludersi con un “no grazie”. Fatto sta però che ci stanno pensando. E se Massimo Ruspandini glielo facesse chiedere da Giorgia Meloni? Continuerebbe il “no grazie”?

Ma a Franco Lunghi sta pensando pure Mauro Vicano, possibile candidato del centrosinistra e medico come lui. I due sono amici da sempre.

Certamente non ci sta pensando per candidarlo a sindaco, ma per avere un sostegno che sarebbe decisivo. Perché se Franco Lunghi dovesse dare indicazioni di votare per Mauro Vicano, il pendolo delle elezioni comunali potrebbe spostarsi verso il centrosinistra.

È il più corteggiato in questa fase, figuriamoci quando, tra sette-otto mesi, si vedrà l’inizio ufficiale della campagna elettorale. Partirebbe favorito contro chiunque Franco Lunghi.

Lo stesso sindaco Nicola Ottaviani avrebbe difficoltà insormontabili a dire no al suo nome.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright