La ragnatela di Ottaviani per prendersi la Lega e poi lanciare i fedelissimi

Foto: © Stefano Strani

Il sindaco aspetta con calma l’evolversi degli eventi. Carmine Tucci e Carlo Gagliardi “tentati” dalle sirene di Fratelli d’Italia ma anche dal ritorno alla dimensione civica. Domenico Fagiolo vuole vedere se gli impegni saranno mantenuti. Adriano Piacentini, Riccardo Mastrangeli e Massimiliano Tagliaferri: lo schema per il futuro.

Carmine Tucci e Carlo Gagliardi provengono da Cuori Italiani. Come l’assessore Rossella Testa. Tucci da anni alle elezioni comunali di Frosinone si presenta con le liste civiche che alla fine diventano fondamentali e spesso decisive.

Non resterà nella Lega a qualunque costo: vi è entrato grazie ad un accordo con Domenico Fagiolo, ma le cose sono cambiate e potrebbero cambiare ancora. L’intesa era quella di Carlo Gagliardi commissario provinciale. E se non succede?

Secondo alcune indiscrezioni Gagliardi e Tucci potrebbero provare a bussare alla porta di Fratelli d’Italia. Oppure tornare alla dimensione “civica”.

Gli obiettivi di Domenico Fagiolo erano la nomina ad assessore di Enrico Cedrone e il suo personale ingresso come consigliere comunale. Ora non è più scontato: Fagiolo ha già detto ai vertici che farà le sue valutazioni quando il quadro sarà chiaro. Ma quando il quadro sarà chiaro? Soltanto dopo che Francesco Zicchieri e Umberto Fusco avranno definito ed indicato il commissario provinciale.

Il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, invece, attende con calma. E nel rigido silenzio. Non ha fretta, ma nella Lega ormai c’è e intende rimanerci. Agisce su più fronti: ha eletto il consigliere provinciale Andrea Campioni, mantiene un asse di ferro con Gianpiero Fabrizi (consigliere comunale) e ha una serie di esponenti  importanti dalla sua parte. A cominciare dal presidente del consiglio comunale Adriano Piacentini e dagli assessori Riccardo Mastrangeli e Massimiliano Tagliaferri. Oltre a mantenere nella sua orbita Thaira Mangiapelo (consigliere comunale).

Movimento Italia, inoltre, esiste: lui non ne ha più la presidenza, ma lo segue attentamente. Movimento Italia rappresenta un serbatoio di idee e di voti per il centrodestra, ma anche una dimensione civica dove molti possono restare in attesa che si arrivi agli appuntamenti che contano. Adriano Piacentini punta alla candidatura a sindaco, Massimiliano Tagliaferri potrebbe concorrere per le regionali, Riccardo Mastrangeli guarda alle politiche. Nicola Ottaviani resterà sindaco per i prossimi tre anni: questo non significa che non si guarderà intorno quando bisognerà definire le candidature che contano davvero. Ma adesso rimane in “regia”.

Dopo le Europee nella Lega potrebbero cambiare tante cose. Soltanto allora si capiranno i futuri assetti. 

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright