Scontro a Cinque Stelle sui Rifiuti, lite tra Pernarella e Cacciatore

Acceso scambio di battute in regione Lazio tra il presidente della commissione Rifiuti e la consigliera Pernarella. Entrambi sono del Movimento 5 Stelle. Il tutto sotto gli occhi sorpresi dei presenti.

Scontro a Cinque Stelle in Regione Lazio. A bisticciare sono stati il presidente della commissione Rifiuti Marco Cacciatore (M5S) e la sua compagna di gruppo Gaia Pernarella.

È accaduto durante la seduta dedicata al piano rifiuti del Lazio.

 

La disputa si è aperta sotto gli occhi sorpresi dei presenti, tra i quali il direttore di Arpa Lazio Marco Lupo, i direttori dei settori Ambiente delle Province di Frosinone e di Latina, il direttore del Settore Ambiente dell’Area Metropolitana di Roma, il capostaff dell’assessore capitolino ai Rifiuti.

Marco Cacciatore e Gaia Pernarella hanno discusso in maniera molto animata. La consigliera ha contestato il modo nel quale il suo collega ha organizzato i lavori.

Cacciatore ha chiamato l’intervento del presidente della commissione capitolina Ambiente, Daniele Diaco. Pernarella allora ha chiesto di far parlare prima tutte le parti tecniche e poi quelle politiche.

Il presidente Cacciatore nella replica ha provato a spiegare la logica in base alla quale ha  organizzato gli interventi. Il che ha aperto un confronto aspro nei toni. Tanto accesi da culminare nella decisione presa da Cacciatore: togliere la parola alla Pernarella per cederla a Diaco.

Ma nonostante il microfono spento, Gaia Pernarella ha continuato a mostrare il suo disappunto per le scelte assunte dal presidente,

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright