Via il listino: la riforma elettorale nel Lazio è legge

Via libera a mezzanotte e tre quarti: sparisce il listino e porte chiuse ai sindaci di città: la riforma elettorale nel Lazio è legge.

Mezzanotte e quarantacinque minuti: presenti in aula 44, votanti 44, favorevoli 44. La riforma elettorale nel Lazio è legge, approvata all’unanimità. Il voto è arrivato nella notte dopo una giornata intera di trattative e discussioni, per rendere quella riforma la legge di tutti.

Scompare il listino. Introdotte la parità di genere e la garanzia di almeno un consigliere regionale per ogni provincia. Istituito il divieto del terzo mandato consecutivo per il presidente della Regione. Elezioni entro tre mesi in caso di scioglimento anticipato del consiglio. Ampliati i casi di esenzione dall’obbligo di raccogliere le firme per la presentazione delle liste elettorali. Sancita l’ineleggibilità dei sindaci dei comuni con più di 20mila abitanti. Sono queste alcune delle novità introdotte dal consiglio regionale del Lazio.

Si è arrivati all’unanimità grazie ad una mattinata ed un pomeriggio di discussioni a fari spenti. Con l’assessore ai Rapporti con il Consiglio Mauro Buschini che ha fatto la spola tra i gruppi di maggioranza e lungo le file dell’opposizione. Alla fine, alle 19, quando i lavori stanno per iniziare, tocca proprio all’ambasciatore di Nicola Zingaretti presentare gli emendamenti che nel corso della giornata è riuscito a mediare.

Dichiarazioni di voto a favore da parte di tutti i gruppi, sebbene con alcuni distinguo. Tutti, in gran parte, manifestano soddisfazione. Sparisce il listino con i dieci consiglieri che entravano in Regione insieme al governatore vincente: un modo per portare in aula personalità di alto spessore estranee alla politica, proprio per questo difficilmente avrebbero preso i voti necessari e non sarebbero mai stati eletti senza qui lasciapassare.

La principale innovazione, ricorda il Consiglio Regionale del Lazio, è questa. Che fine faranno quei seggi? Per entrare bisognerà essere votati: l’80% dei seggi continuerà a essere assegnato con metodo proporzionale, il restante 20% sarà attribuito, come premio, direttamente alle liste circoscrizionali che sostengono il presidente e non più, come accaduto fino a oggi, attraverso il ”listino”.

Gino De Paolis (Insieme per il Lazio) a questo proposito ha voluto spendere delle parole per i colleghi eletti nel listino, di cui ha avuto occasione, ha detto, di rimarcare ”l’abnegazione e la generosità” in questi anni. Ciononostante si è detto favorevole a questa decisione, che sarà ricordata, ha aggiunto, come un risultato della presidenza Zingaretti.

Bocciati gli emendamenti del M5s che puntavano a introdurre nel Lazio il doppio turno e uno sbarramento al 3 per cento per i gruppi di liste.

 

CINQUE CIRCOSCRIZIONI

Cinque le circoscrizioni regionali (Frosinone, Latina,  Rieti, Viterbo e Città metropolitana di Roma), che vedranno assegnarsi i seggi in proporzione alla popolazione risultata residente all’ultimo censimento generale.

Particolarmente discusse la scelte sulla  soluzione per garantire almeno un consigliere regionale per ciascuna  provincia. Alla fine l’Aula ha votato un emendamento di mediazione,  fatto proprio dall’assessore Mauro Buschini, che assegna all’Ufficio  centrale regionale il compito di individuare, per le circoscrizioni  prive di eletti, la lista con più voti collegata al presidente  vincitore delle regionali assegnandole un seggio.

Seggio che è corrispondentemente sottratto, con un complesso  meccanismo, ad altre liste collegate al nuovo presidente della Regione che abbiano raccolto minori consensi.

 

SFAVORITI I PIU’ PICCOLI

Daniele Fichera (Psi) ha  espresso preoccupazione per questo sistema di voto che ”depotenzia il valore della partecipazione alla coalizione per le forze più  piccole”.

Vincerà un monopartito” ha invece profetizzato Pietro Sbardella  (Misto) sin dall’inizio dei lavori, per il quale la legge elettorale  segna la fine della coalizione che ha sostenuto Nicola Zingaretti.

 

VIA LE FIRME

Altro punto sul quale i gruppi consiliari hanno cercato un accordo  nelle lunghe conferenze dei capigruppo che, da ieri, hanno preceduto  la seduta è quello dell’esonero dalla raccolta delle firme per la  presentazione delle liste. Si è scelto di sollevare da questo obbligo  le liste espressione di partiti o movimenti rappresentati da gruppi  consiliari o parlamentari già presenti in Consiglio o in almeno una  delle due Camere alla data di indizione delle elezioni.

Inoltre, il presidente di un gruppo consiliare potrà  dichiarare collegata una lista pur se questa avrà denominazione  diversa da quella del gruppo.

Esonerate dalla raccolta firme, infine,  le liste che abbiano un contrassegno nel quale compaia anche il  simbolo di un Partito o di un movimento già esente.

Forse qualcuno  ha paura di scendere in strada a chiedere il consenso”, ha osservato  Gaia Pernarella (M5s).

Anche Giancarlo Righini (FdI) si è mostrato  particolarmente critico.

 

STOP AI SINDACI DELLE CITTA’

Fissati i limiti per il numero dei candidati per ciascuna lista nelle  circoscrizioni: da 22 a 32 nella Città metropolitana di Roma Capitale; ci saranno da un minimo di 4 ad un massimo di 6 candidati a Frosinone ed a Latina; da 2 a 4 candidati a Viterbo e 2 a Rieti.

Un  emendamento del centrosinistra ha poi aggiunto ai ”non eleggibili”,  oltre ai presidenti delle province della regione, anche il sindaco  della Città metropolitana di Roma Capitale e, novità, i sindaci dei  comuni aventi una popolazione superiore ai 20mila abitanti (prima  erano ineleggibili solo quelli dei comuni capoluogo).

Una scelta  contestata da Francesco Storace (Mns): «Così scateniamo il partito  dei sindaci contro la Regione».

 

QUOTE E VOTI ROSA

Quanto al resto della riforma, tre norme si sono rese necessarie per  adeguare il sistema elettorale del Lazio alla novità introdotte a  livello nazionale. La prima è la cosiddetta preferenza di genere, in  base alla quale ogni elettore potrà esprimere fino a due preferenze  purché a candidati di sesso diverso.

Introdotto contestualmente il  limite del 50 per cento ai candidati dello stesso sesso nelle liste  circoscrizionali. Una scelta che Olimpia Tarzia (Lista Storace) ha  apprezzato perché ”non si limita a un semplice sistema di ‘quote  rosa’”.

 

AL MASSIMO DUE MANDATI

Un altro allineamento alla normativa nazionale (legge  165 del 2004) introduce il divieto del terzo mandato consecutivo per  il presidente della Regione Lazio (salvo che uno dei due mandati  precedenti sia durato meno di due anni, sei mesi e un giorno per causa diversa dalle dimissioni volontarie).

Infine è stato definitivamente  chiarito che, in caso di scioglimento anticipato del consiglio  regionale, si andrà a votare entro tre mesi.

 

ABBRUZZESELLUM MODIFICATO

Il testo originario della proposta di legge – elaborato nel marzo  scorso dalla commissione speciale per le Riforme istituzionali  presieduta da Mario Abbruzzese (Forza Italia) – prevedeva da subito  l’eliminazione del listino. Ma, sebbene sottoscritta da quasi tutti i  gruppi, una volta approdata a giugno in commissione Affari  istituzionali, presieduta da Fabio Bellini (Pd), l’ipotesi di  abolizione del listino ha iniziato a vacillare, impedendo che si  cominciasse a esaminare il testo articolo per articolo.

La proposta è  stata poi ”chiamata in Aula” dalla Conferenza dei capigruppo. Una  volta in Consiglio sono stati depositati alcuni emendamenti per non  abolire il listino, ma ridurne il numero dei consiglieri da 10 a sei.

Questa ”mediazione”, come l’ha definita lo stesso Nicola Zingaretti, ha  scatenato critiche e proteste da parte delle opposizioni, inducendo il presidente della Regione a fare un passo indietro per mantenere  l’unità e la collegialità.

 

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright