Reno De Medici entra nell’orbita Usa di Apollo

Il fondo Cascades ha annunciato la sua uscita dal gruppo Reno De Medici. Lo rileva una società del colosso degli investimenti Usa Apollo Mangement. Pochi giorni fa l'acquisizione di Eska. Gli enormi margini di crescita. Grazie all'economia circolare

L’annuncio è arrivato con l’apertura dei Mercati: Reno de Medici cambia proprietà. La canadese Cascades ha annunciato alla Borsa di Toronto la vendita della sua partecipazione di controllo del 57,6%. Ad acquisire il gruppo cartario specializzato nel cartoncino da economia circolare è una società partecipata da fondi che fanno riferimento ad Apollo Global Management.

Chi è Apollo

Apollo Management L.P. è una società di investimenti statunitense che ha in portafogli aziende del calibro di Caesars Entertainment Corporation, CEVA Logistics, Jacuzzi, Norwegian Cruise Line e Oceania Cruises. È specializzata nel private equity: investe capitali privati acquisendo quote di società con lo scopo di farle crescere, aumentarne il valore, rivenderle realizzando un forte guadagno.

Soprattutto è in operazioni di leveraged buyout: individua cioè aziende con grossi margini di crescita, compra a debito e lo ripaga con gli utili che la società farà attraverso la crescita. .

La vendita di Reno

I fondi Apollo acquisteranno circa il 67% del capitale di Reno De Medici dai due maggiori azionisti della società, ossia Cascades e Caisse de dépot et placement du Québec, ad un prezzo di 1,45 euro per azione. In pratica l’operazione costa circa 315,3 milioni (pari a circa 461 milioni di dollari canadesi).

Per gli addetti al settore finanziario: il prezzo di vendita rappresenta un premio del 24% sul prezzo medio ponderato delle azioni Reno De Medici con i volumi scambiati negli ultimi 90 giorni; inoltre è un multiplo di 6.9x sull’utile operativo rettificato prima delle svalutazioni degli ultimi 12 mesi di RDM al 31 marzo 2021. Il perfezionamento dell’operazione avvenga nel terzo trimestre del 2021. Una volta compiuto questo passo, Apollo lancerà un’Opa cioè un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria sulle azioni residue finalizzata al delisting della società.

Reno De Medici è un gruppo in forte espansione. Recentemente ha annunciato l’acquisizione di Eska Group che porterà la capacità produttiva a nove stabilimenti e cinque centri specializzati per il taglio e la distribuzione in Europa e negli USA. 

È l’economia circolare ad avere fatto esplodere il valore potenziale di Reno De Medici. Sempre più aziende mettono al centro delle loro produzioni il tema dell’Ambiente. E RDM è tra i principali protagonisti in Europa nel settore del cartoncino realizzando partendo da una base fatta con carta riciclata.

Per gli analisti di mercato ha enormi mrgini di sviluppo in quanto sempre più aziende hanno deciso di sostituire la plastica con imballaggi sostenibili.

I numeri di Reno De Medici

Reno De Medici. Foto: Marco Stanzione / Teleuniverso

RDM Group è il secondo produttore europeo di cartoncino patinato a base riciclata
il primo in Italia, in Francia e nella Penisola Iberica. Il fatturato 2020 è stato di 679 milioni di euro ed ha 1729 dipendenti. Lo scorso anno ha prodotto un miliopne e 340mila tonnellate di materiale e la sua rete commerciale tocca 70 Paesi.

Uno dei 6 stabilimenti del Gruppo è a Villa Santa Lucia. Lì ha una capacità produttiva di 220mila tonnellate, concentrate nel settore Wlc.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright