Il renzusconi è finito, si Salvini chi può. E Di Maio è sempre più… Fico

Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno dimostrato, l’uno all’altro, di saper mantenere la parola. Questo porterà ad un nuovo governo. Di scopo o di lunga durata è indifferente. Le conseguenze politiche in provincia di Frosinone sono chiare e scatteranno tra pochissimo.

La strada per una eventuale maggioranza di governo tra Cinque Stelle e Lega è stretta ma percorribile.

Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno dimostrato, l’uno all’altro, di saper mantenere la parola. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella cercherà di capire se ci sono i numeri.

L’ostacolo è uno solo: far digerire ai Cinque Stelle un governo sostenuto anche da Silvio Berlusconi. Anche se Forza Italia potrebbe dividersi tra quelli pronti a seguire comunque Salvini (Ghedini e Toti in primis) e quelli che invece vogliono “resistere” (Brunetta, Romani).

Ma a Berlusconi un partito spaccato non servirebbe più. Salvini e Di Maio hanno già un programma di governo: flat tax, reddito di cittadinanza riveduto con una più forte connotazione finalizzata ad un sussidio temporaneo, abolizione della legge Fornero, abolizione dei vitalizi, muro issato contro l’Unione Europea per rivedere politiche fiscali e tutto il resto.

I sondaggi di ieri davano i Cinque Stelle al 36% e la Lega al 23%. Continuano a crescere e quindi non hanno paura delle urne. Salvini punta ad un partito unico del centrodestra, Silvio Berlusconi è stato fortemente ridimensionato mentre Giorgia Meloni non ha toccato palla.

Il leader leghista ha rassicurato Berlusconi, ha obbedito disobbendo, facendo eleggere una sua pasdaran alla presidenza del Senato ma affondando Paolo Romani.  Comanda lui nel centrodestra. Nei Cinque Stelle la strategia di Luigi Di Maio è stata perfetta per portare Roberto Fico sulla poltrona più alta di Montecitorio.

Tutto questo avrà effetti anche sui livelli provinciali, dove Forza Italia e Pd appaiono sotto choc, mentre i partiti più piccoli sembrano relegati a vere e proprie riserve indiane.

In provincia di Frosinone la Lega lancerà un’Opa sul centrodestra entro pochi mesi, in vista delle europee e, forse, delle elezioni politiche anticipate. I Cinque Stelle faranno lo stesso nei confronti del Pd.

Il Renzusconi è finito. Nel centrodestra si legge il vangelo secondo Matteo. Di Maio ha portato i Cinque Stelle nelle istituzioni. Con il silenzio del Grillo parlante.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright