Niente sfida mondiale Grosso-Fabregas ma allo Stirpe sarà un match da brividi

Sabato alle 14 il Frosinone cercherà il riscatto dopo il ko di Benevento. Il tecnico: “Al “Vigorito” abbiamo giocato bene ma bisogna limitare gli errori”. In casa 8 vittorie nelle ultime 10 gare. Il Como, a caccia della prima vittoria stagionale, sarà privo della “stella” spagnola. A Ferentino premiato Stirpe

Alessandro Salines

Lo sport come passione

La carica dello “Stirpe” per trasformare la rabbia schiumata a Benevento in un’onda positiva. Il Frosinone spera nell’effetto benefico della sua “arena” dove nelle ultime 10 partite ha vinto 8 volte, compresa la gara col Brescia di 2 settimane fa. Insomma sabato pomeriggio (ore 14) si torna a casa ed i giallazzurri vogliono far valere il fattore campo.

“C’è da sfoderare una prestazione di grandissimo livello, conosciamo bene tutti gli interpreti – ha detto il tecnico Fabio Grosso che non potrà sfidare l’altro campione del mondo Cesc Fabregas assente – Il Como è una società ambiziosa, avremo di fronte una squadra di valore. Sarà una partita molto complicata. Giochiamo in casa e dobbiamo dare soddisfazione al pubblico che ci viene a sostenere”.

Come ha sottolineato Grosso il Como non sarà un cliente facile anche perché i lariani sono arrabbiati per la sconfitta contro il Brescia segnata da polemiche arbitrali.

Dimenticare Benevento e voltare pagina

Fabio Grosso in conferenza stampa

Al “Vigorito” è stato un buon Frosinone, battuto da errori difensivi e da qualche svista arbitrale oltre che da un avversario cinico e più esperto. Tanta delusione ma bisogna ripartire in una partita difficile contro un avversario ricco di nomi (Fabregas, Cutrone, Baselli, Mancuso solo per fare qualche esempio) anche se ancora a secco di vittorie.

“Mi aspetto una gara difficile, siamo tornati con una sconfitta immeritata – ha continuato il tecnico elogiato pubblicamente da Angelozzi in conferenza stampa – Ma le partite non si possono rigiocare bensì ci devono servire da esperienza. A Benevento se fossimo stati più smaliziati avremmo potuto conquistare un risultato positivo. Usciamo anche un po’ arrabbiati per via di qualche decisione clamorosamente errata però è acqua passata. Bisogna guardare avanti e sapere che arriva un avversario di qualità, forte che ha obiettivi ambiziosi. E in campo bisogna mettere un Frosinone che ha voglia di superare questo avversario”.

Ma è necessario limare alcune sbavature e curare i dettagli. “Il furore a Benevento lo abbiamo messo, disputando una bella partita. Ma poi quando non ottieni il risultato sembra sempre che hai fatto meno – ha sottolineato GrossoI ragazzi hanno disputato un grandissimo inizio ed hanno sofferto sugli episodi. Dobbiamo essere bravi ad eliminare qualche errore di troppo che abbiamo commesso e cercare allo stesso tempo di fare scelte migliori. Sia individualmente ma soprattutto collettivamente. E’ necessario essere bravi a riconoscere quello che serve in determinati momenti per superare insieme le difficoltà”.

Il Como senza la “stella” Fabregas

Cesc Fabregas sarà assente a Frosinone

La formazione lariana, protagonista di un mercato sontuoso ed anche molto mediatico, si presenterà allo “Stirpe” per cercare la prima vittoria. Solo 2 punti in 3 gare, frutti dei pareggi col Cagliari ed a Pisa. Non sarà presente il giocatore più atteso:Fabregas: dopo l’esordio col Brescia il centrocampista spagnolo non è al top e quindi è stato preservato. Out anche lo squalificato Arrigoni, Bellemo, Iovine e Chajia.

“A Frosinone sarà una gara difficile, è una squadra molto aggressiva e arrembante con giocatori di qualità e allenata molto bene – ha detto il vice allenatore Massimiliano Guidetti che sostituirà ancora una volta l’indisposto Giacomo Gattuso – E’ un campo assolutamente ostico. Noi stiamo bene, purtroppo abbiamo raccolto poco nelle prime 3 giornate ma  manca poco per conquistare il bottino pieno. La squadra sta lavorando bene con grande determinazione e abbiamo grande tanta voglia di ottenere un risultato importante”.  

Il Como dovrebbe schierarsi con un 4-4-2. Tra i pali Ghidotti alle spalle di una difesa formata molto probabilmente da Vignali, Scaglia, Binks e Ioannu. A centrocampo i candidati sono Parigini, Baselli, Faragò e Blanco. In attacco va verso la conferma la coppia Mancuso-Cerri.  

Tutti convocati

Capitan Lucioni

Grosso ha chiamato all’appello 26 giocatori. Praticamente tutti gli effettivi compreso l’ultimo arrivato Frabotta. Ci sono anche Mazzitelli, Sampirisi, Ravanelli ed Insigne. “Non ho ancora deciso, fortunatamente si è chiuso il mercato ed abbiamo completato la rosa – ha precisato Grosso Sono state tutte scelte condivise, ci sono diverse alternative e tante qualità da poter sfruttare”.

Dobbiamo amalgamarci bene e creare una mentalità forte. Da gruppo dobbiamo diventare squadra, bisogna mettere dentro generosità e qualità per salire nel nostro livello. La rosa ora è al completo, sono contento di come siamo. Ho detto ai ragazzi: siamo tutti importanti per cercare di raggiungere i risultati che vogliamo. Non so ancora chi saranno i giocatori che scenderanno in campo ma saranno importanti quelli che inizieranno come i cambi, considerando il valore dell’avversario e l’orario in cui si gioca”.

Comunque alla fine non dovrebbero esserci troppe novità rispetto alle precedenti uscite. Gli ultimi acquisti hanno pochi allenamenti con il gruppo e quindi difficilmente inizieranno la gara. Il modulo sarà il 4-2-3-1 che finora ha dato buone garanzie. Forse potrebbe trovare spazio in difesa Sampirisi al posto di Oyono con Lucioni e Szyminski al centro e Cotali a sinistra. A centrocampo coppia Kone-Boloca alle spalle di Rohden, Garritano e Caso. In attacco ballottaggio Moro-Mulattieri.

Gran Galà dello Sport, premiato Stirpe

Antonio Pompeo e Maurizio Stirpe

Sabato sera intanto a Ferentino in piazza Matteotti il presidente del Frosinone verrà premiato come “personaggio dell’anno” nell’ambito del “Gran Galà dello Sport”, organizzato dal Comune. Maurizio Stirpe parteciperà inoltre ad un dibattito moderato dai giornalisti Aurora Folcarelli ed Alessandro Andrelli. Si parlerà di sport e del suo valore sociale.

Oltre a Stirpe, interverrà all’incontro Miriam Picchi, centrocampista ferentinate del Como Calcio Women che milita in Serie A: riceverà il riconoscimento come atleta donna dell’anno. Poi sul palco saliranno il pugile Domenico “Mirko” Valentino come “atleta uomo dell’anno” e l’avvocato ferentinate Alessandra Di Legge (Specialista Giuridico di Palazzo Ghigi ed Esperto di Diritto Sportivo) che sarà premiata in qualità di dirigente dell’anno. Ognuno di loro tra l’altro ha un forte legame con Ferentino e se ne parlerà nel corso dell’appuntamento.

Premi speciali al Coni e al Comitato Paralimpico Italiano, ricordando i grandi  risultati ottenuti dagli atleti azzurri nel 2021 e 2022. A rappresentare il Coni il delegato di Frosinone, il professor Luigi Catalano, mentre per il CPI ci sarà il vice presidente regionale del Lazio, Giuseppe Andreana.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright