Scontro frontale Lega – FdI: “Cartaginese scorretta e inesperta”

Scontro frontale tra Fratelli d'Italia e Lega in Regione Lazio. Il consigliere Cartaginese (Lega) accusato da Maselli e Righini (FdI) di “manovre scorrette e furbesche”

Scontro a destra in Regione Lazio. Violento e frontale. I Fratelli d’Italia si lanciano contro la Lega e la sua neo esponente Laura Cartaginese, salita nel Gruppo del Carroccio alla vigilia di Natale. Senza mezzi termini l’accusano di avere tentato “una manovra furbesca” e di essere poco competente nonostante sieda tra i banchi della Pisana da tre anni.

Il caso Monte Livata

Laura Cartaginese il giorno dell’adesione alla Lega

A scatenare lo scontro frontale è stato un emendamento per il rilancio della stazione sciistica di Monte Livata. Nelle ore scorse la neo esponente leghista ha postato alcune righe su Facebook attribuendosi la paternità del finanziamento ottenuto.

In realtà l’emendamento Cartaginese “presentato con grande scorrettezza senza essersi confrontata con chi ha dato inizio a questa importante attività di riorganizzazione, è stato bocciato”. Firmato: i consiglieri regionali di Fdi Massimiliano Maselli e Giancarlo Righini.

I due Consiglieri rivendicano il merito di avere avviato già dallo scorso anno una serie di azioni in Regione Lazio per il rilancio di Monte Livata. Carte alla mano indicano un emendamento a firma Maselli alla legge di stabilità del 2019.

Quest’anno l’azione è proseguita. “Per dare continuità, insieme a tutto il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia abbiamo presentato alcuni emendamenti per incrementare i fondi”. Somme destinate a sostenere anche nel 2020 – 2021 il programma di ‘ristrutturazione e ampliamento del comprensorio sciistico di Monte Livata’ già avviato nel bilancio 2019.

Per fare cosa? Un impianto di innevamento, la posa in opera di un acquedotto, un collegamento stradale tra Campaegli e Monte Livata, l’acquisto di un battipista ed infine il finanziamento per la progettazione di un importante infrastruttura di collegamento tra Camerata Nuova e Monte Livata. Tutto depositato da FdI in questa discussione sul Bilancio 2020.

Merito nostro, non tuo

Il Consigliere Giancarlo Righini (FdI)

Invece il post di Laura Cartaginese, uscita da poco dal gruppo di Forza Italia, lasciava intendere che fosse stata lei ad ottenere tutto.

Ci troviamo costretti a dover smentire la consigliera Cartaginese rispetto a quello che ha dichiarato sui social in merito a Monte Livata” hanno scritto oggi Righini e Maselli. Specificando che grazie all’approvazione dei loro emendamenti, nei prossimi due anni “sarà possibile raggiungere un reale potenziamento della stazione sciistica di Monte Livata unica esistente in tutto il territorio della provincia di Roma”.

Manovre furbesche

Poi lo scontro. Frontale. “Comprendiamo l’inesperienza della nostra collega ma non tolleriamo manovre furbesche utili solo a creare confusione. La consigliera Cartaginese deve serenamente prendere atto che la sua proposta emendativa, presentata con grande scorrettezza senza essersi confrontata con chi ha dato inizio a questa importante attività di riorganizzazione, è stata bocciata”.

L’Aula della Regione Lazio

Oltre che inesperta la giudicano anche poco ferrata. “Se dopo più di dieci giorni dall’approvazione non ha ancora compreso cosa sia contenuto nella legge di stabilità e nel bilancio 2020, siamo disponibili ad eventuali verifiche, se necessario anche alla presenza dell’assessore Alessandra Sartore”. 

Ora starà ai due capigruppo di Lega e FdI decidere se chiudere la questione con un Cid. Oppure dare il via ad una battaglia campale in vista delle prossime elezioni, convinti che si voterà molto presto.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright