Se la Lega guarda anche alle liste civiche, Forza Italia… s’incazza

Il passaggio di Roberto Addesse al Carroccio ha fatto alzare le antenne ad Adriano Piacentini e Nicola Ottaviani. Ecco perché. Gli “azzurri” scelgono la linea dura e il clima è sempre più incandescente

Fra i tanti esponenti che sono passati alla Lega in questi ultimi mesi uno non è passato inosservato agli occhi di Nicola Ottaviani e Adriano Piacentini: Roberto Addesse, consigliere comunale di Alatri. Non soltanto perché nell’area di centrodestra c’è sempre stato e ha una certa esperienza. Ma perché alle provinciali di due anni fa era il candidato di punta di Massimiliano Tagliaferri, assessore all’Ambiente e ai Servizi Sociali del Comune di Frosinone, eletto nella Lista Ottaviani, che ultimamente in giunta non ha votato gli assestamenti di bilancio.

 

Tra Forza Italia e Lega il marcamento a uomo è reciproco e tra Mario Abbruzzese e Francesco Zicchieri l’antipatia politica è reciproca e virale. Adesso gli “azzurri” sospettano che il Carroccio stia portando avanti una strategia ulteriore, quella cioè di gettare dei solidi ponti anche verso alcune liste civiche, perfino nei confronti di quelle espressione dei sindaci, in particolare di Nicola Ottaviani.

 

Dell’argomento parleranno nelle prossime ore Adriano Piacentini, Nicola Ottaviani, Mario Abbruzzese e Pasquale Ciacciarelli. Ma la linea è già chiara. L’ha dettata Piacentini: “La campagna acquisti della Lega nei nostri confronti deve finire e rivolgersi alle liste civiche che fanno riferimento a noi è intollerabile”.

Non finisce qui, perché l’intenzione è di mettere tutti davanti ad un bivio: Forza Italia o Lega. Mettendo sul piatto pure gli incarichi ottenuti grazie alla maglietta “azzurra”.

 

Si guarda pure alla prospettiva delle provinciali. La linea di Forza Italia è quella del centrodestra e Antonio Tajani e Claudio Fazzone lo hanno ribadito nei giorni scorsi ad Adriano Piacentini.

Laddove per centrodestra si intende pure Noi con l’Italia, la formazione di Maurizio Lupi che ha in Alfredo Pallone il referente nazionale e in Gianluca Quadrini quello provinciale.

Se poi qualcuno non vuole starci, se ne assumerà la responsabilità, anche della rottura”. Messaggio rivolto alla Lega di Francesco Zicchieri soprattutto.

L’alleanza è appesa a un filo, soprattutto in Ciociaria.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright