Segnali di rilancio nel Pd: “Adesso la Piazza Grande ciociara”

Archiviate le primarie regionali (dove ha sostenuto Claudio Mancini da sola), la consigliera regionale si concentra sul prossimi appuntamento per la segreteria nazionale. Dice: “Zingaretti è l’unico che mira  ricostruire una comunità politica chiara e riconoscibile, faremo di tutto perché vinca”

Orgogliosa del risultato ottenuto a sostegno di Claudio Mancini alle primarie regionali, ma già proiettata nella campagna elettorale per la segreteria nazionale, a sostegno di Nicola Zingaretti.

Sara Battisti, consigliere regionale del Partito Democratico, è l’unica esponente dell’area di De Angelis ad avere avuto la licenza di … sostenere Mancini.

Dice: «Ringrazio quanti hanno scelto di sostenere Claudio Mancini e faccio i miei complimenti al nuovo Segretario Regionale del Pd Lazio,Bruno AstorreIn provincia di Frosinone, come è noto, la quasi totalità del partito ha appoggiato il senatore dei Castelli; per questo il risultato della lista “Diritti e Partecipazione” a quota 16% é un risultato di tutto rispetto. Voglio ringraziare i 14 candidati che hanno ottenuto consensi importanti nei loro comuni. Ora si apre una stagione importante, la più importante».

Prospettiva Zingaretti

Poi Sara Battisti apre la finestra più importante, quella che affaccia sulla prospettiva di Nicola Zingaretti segretario nazionale del Pd. È tra quelli che avrebbero preferito un questo congresso regionale all’interno di un quadro di discussione nazionale, «oggi ribadisco che il congresso nazionale assume un’importanza straordinaria. Il prossimo anno si terranno le elezioni europee, andranno al voto molti comuni e il Pd ha bisogno di ritrovare la rotta. Per questo farò e faremo il massimo perché Nicola Zingaretti venga eletto segretario nazionale del partito, così come da tempo ho annunciato».

Orfiniana convinta, punto di riferimento dei Giovani Turchi in provincia di Frosinone, Sara Battisti però crede nella rotta tracciata dal governatore del Lazio per rinnovare il Partito Democratico, scuoterlo dallo choc nel quale è precipitato dopo la sconfitta di marzo.

«La sua proposta politica mira a ricostruire una comunità politica, con riferimenti politici chiari, quello di cui abbiamo bisogno e che aspettiamo da tempo. Ci deve essere il massimo dell’impegno a far conoscere a quanti più cittadini possibile la proposta di Nicola, diamo da subito vita ad una grande mobilitazione, ad una Piazza Grande Ciociara».